QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come la Russia tratta le donne prigioniere di guerra: “Siamo stati colpiti con i martelli e l’acqua bollente era su di noi” | Guerra tra Ucraina e Russia

Un soldato ucraino liberato ha testimoniato ciò che ha dovuto sopportare come prigioniera di guerra sotto il dominio russo. “Siamo stati picchiati con martelli, fulminati e persino acqua bollente ci è stata versata addosso”, dice Hanna.

Il 26enne ha vissuto sotto il giogo dell’occupante russo per più di cinque mesi. Faceva parte di un importante scambio di prigionieri che ha visto 108 donne ucraine riconquistare la libertà la scorsa settimana.

Hanna ha difeso a lungo l’acciaieria Azovstal a Mariupol. “Ma allora dovevamo arrenderci, altrimenti avremmo ucciso i russi”, sembrava.

“elettrocuzione”

Questo è quando l’incubo è iniziato davvero. “Le ragazze sono state picchiate con martelli e fulminate, che ovviamente è la performance più semplice dei carnefici. Ho anche visto alcuni di loro impiccati. E poi non dirò nulla sul cibo. Non offrirai nemmeno cibo così acido a un cane. ” “


Quando i russi hanno visto un tatuaggio, hanno voluto tagliarlo con un coltello. Abbiamo acqua bollente dappertutto perché parliamo ucraino. Perché esistiamo già”.

Ad alcune donne è stato anche chiesto di rilasciare interviste ai media russi. Coloro che si rifiutavano sono stati picchiati.

Taganrog

Per lo scambio di prigionieri, l’intero gruppo è stato trasferito a Taganrog, una cittadina vicino al confine con la Russia. Tuttavia, le donne non sapevano cosa le aspettava. “Ci hanno detto tutto il tempo che non saremo mai scambiati e che saremo rinchiusi fino alla fine dell'”operazione speciale”. Alla fine, hanno detto, ci sparano come cani”. Il sollievo è arrivato solo quando le donne hanno appreso che sull’autobus si parla solo ucraino.

READ  Una donna che è stata ingiustamente ammanettata e spogliata nuda nella sua casa riceve 2,5 milioni di euro di danni

Le signore non vedono mai più nessuno dei loro averi, ma non gli importa per un po’. Rivedere i propri cari ha portato a lacrime di felicità. “Ho sognato così tante volte che sarei potuta tornare a casa. Non posso credere che sia finalmente qui”, conclude Hanna.

Leggi anche: E se un dittatore si mettesse nei guai? “Hitler voleva far saltare in aria praticamente tutta la Germania” (+)