QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come sostieni le persone nel loro desiderio di un peso e uno stile di vita più sani?

“Mangia meno e fai più attività fisica. Questo è ciò che qualcuno consiglia se sei in sovrappeso. Ma questo è molto miope”, dice Anijian Langedijk.. “Spesso ci sono diversi fattori che portano all'obesità.” Continua Ingrid van den Elsen. Entrambi sono consulenti senior di Pharos. Insieme hanno studiato le esigenze e le sfide delle persone provenienti da un contesto migratorio che sono gravemente sovrappeso (obese) in termini di peso e stile di vita. Ciò ha portato alla pubblicazione di un rapporto intitolato “Punti di partenza per un sostegno efficace alle persone con un passato migratorio”.

Le persone con un background migratorio turco, marocchino, surinamese o caraibico olandese hanno maggiori probabilità di essere gravemente sovrappeso rispetto alle persone senza background migratorio. In alcuni gruppi di origine immigrata, il numero di persone gravemente obese sta aumentando rapidamente: ad esempio, il numero di persone gravemente obese nella seconda generazione olandese-marocchina (18-40 anni) è aumentato dal 7% nel 2012 al 18%. Nel 2020. Buon motivo per Annegien e Ingrid di indagare.

Oltre ad esplorare la letteratura, hanno condotto 25 interviste sull’eccesso di peso e sullo stile di vita. Hanno parlato con 16 donne gravemente sovrappeso provenienti da contesti immigrati turchi, marocchini, surinamesi o caraibici olandesi che hanno anche difficoltà ad arrivare a fine mese o hanno una scarsa istruzione, fattori che sappiamo rendono più difficile raggiungere un peso sano. Hanno inoltre intervistato 9 professionisti del settore sanitario e sociale che spesso lavorano con questo gruppo.

Cause dell'obesità

La revisione della letteratura e le interviste aggiuntive hanno mostrato chiaramente che molti fattori svolgono un ruolo nell’obesità tra le persone con un background migratorio. Lo stile di vita (soprattutto la mancanza di esercizio fisico), la privazione cronica del sonno, la depressione, lo stress (cronico), la discriminazione, gli effetti collaterali di alcuni farmaci, il basso reddito, il cibo e l’ambiente di vita malsani e fattori come l’ambiente sociale e il ruolo nella famiglia contribuiscono tutti a api.

READ  Nuotare in acque naturali? Dovresti prestare attenzione a tutto questo

Abbiamo anche notato che le donne con cui abbiamo parlato avevano condizioni fisiche che rendevano l’esercizio più difficile. Inoltre, giocano un ruolo anche modelli alimentari irregolari, traumi, stress e alimentazione emotiva. Le donne citano anche specifici eventi della vita come momenti che hanno influenzato un forte aumento del peso corporeo. Ciò includeva la gravidanza, la pandemia di coronavirus, il divorzio e la migrazione verso un ambiente che serviva cibo malsano. Le donne ci hanno anche mostrato il ruolo delle norme sociali relative al cibo. Infine, alcune donne intervistate hanno indicato di aver perso fiducia nelle soluzioni perché non avevano mai visto risultati dai loro sforzi.

Partecipazione agli interventi sullo stile di vita (GLI)

La maggior parte delle donne con cui abbiamo parlato desidera sentirsi più sana ed è disposta ad adottare misure per raggiungere questo obiettivo, ma non è sufficientemente informata sulle opzioni disponibili per supportarle nel raggiungimento di un peso sano, come il GLI.

“Penso che molte persone lo vogliano, e spero che anche tu possa essere spinto a fare qualcosa.” (Seconda generazione, origine marocchina).

Dal 2019, le persone obese o in sovrappeso con un fattore di rischio hanno la possibilità di partecipare a un intervento combinato sullo stile di vita (GLI). Tuttavia, la ricerca mostra che questi interventi non sempre si adattano bene alla popolazione studiata. La lingua è un fattore limitante. I GLI sono forniti in olandese. Anche nella consulenza nutrizionale non si tiene sufficientemente conto della cultura nutrizionale.

“Devi quasi modificare completamente la tua personalità per essere vitale. Questa cosa non funziona. Non mi sarà permesso di mangiare molte cose della mia stessa cultura. ” (Seconda generazione, olandese-caraibica).

READ  Danni renali da corona virus

Cosa aiuta?

Il rapporto si conclude con una serie di punti di partenza per professionisti e sviluppatori di interventi a sostegno del cambiamento dello stile di vita. Di seguito ne evidenziamo alcuni:

  • Le donne vogliono che i professionisti facciano domande ampie: Anche in caso di stress, dolore, traumi, salute mentale, sonno e orari di lavoro. Identificare i fattori dell’obesità e le opportunità di cambiamento. Chiedere anche informazioni su possibili esperienze di discriminazione ed esclusione. Le prospettive pratiche contenute nel post di Pharos sullo stress cronico possono aiutare a gestire correttamente questa conversazione.
  • Supporto professionale (culturalmente sensibile): Le donne intervistate indicano che trarrebbero beneficio da un personal trainer e da un piano di formazione concreto. I consigli dietetici che non tengono conto della cultura alimentare sono un fattore limitante. Pertanto, in quanto fornitori di interventi, si rivolgono a coach e dietisti GLI culturalmente sensibili per aumentare l’accesso a un aiuto appropriato.
  • Piccoli passi e aiuti concreti: Alcune donne non vedono dove ci sia spazio per il cambiamento a causa degli impegni e della pressione. “Una volta ne ho parlato con il medico, ma mi ha semplicemente detto che dovevo mettermi a dieta.” (Prima generazione, origine del Suriname).

Quindi non chiedere troppo subito, ma concentrati sul raggiungimento e sulla celebrazione dei piccoli passi. Inoltre, offrite consigli concreti, ad esempio andando insieme al supermercato e facendo scelte sane.