QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cork-Dry California sogna di bere acqua dal mare, ma gli ambientalisti stanno oscillando

Lo stato americano della California soffre di una grave e storica siccità che ha provocato una carenza di acqua potabile. Il governatore vuole impegnarsi pienamente nella desalinizzazione dell’acqua di mare, ma gli ambientalisti lo chiedono.

Marie Mayer

Ai californiani è stato ordinato il mese scorso di limitare il loro consumo di acqua. Lo stato è attualmente piuttosto secco: la mancanza di pioggia e neve significa meno acqua dalle montagne della Sierra Nevada, causando la continua caduta dei bacini idrici. Il livello dell’acqua nel fiume Colorado, dove la California riceve un terzo di tutta la sua acqua, ha raggiunto un punto critico.

Quindi i residenti devono fare meno docce e i giardini possono essere annaffiati solo brevemente due volte a settimana. Il settore agricolo dovrà anche conservare l’acqua, afferma il professor Jay Lund, professore di ingegneria civile e ambientale presso l’Università della California, Davis. “La California risarcirà gli agricoltori se smettono di piantare colture meno redditizie, quindi lo stato compra loro l’acqua, per così dire”.

Le misure non hanno ancora avuto l’effetto sperato. Quindi la California è alla ricerca di soluzioni su larga scala. Perché se le condizioni attuali continuano, il suolo asciutto e l’aumento degli incendi potrebbero cambiare per sempre il paesaggio. Il governatore Gavin Newsom ha condotto una campagna per la desalinizzazione dell’acqua di mare per diversi anni e ci sono già una dozzina di impianti di desalinizzazione lungo le 1.350 miglia di costa della California.

Impianto di desalinizzazione a Huntington Beach

C’era anche il desiderio di costruire un impianto di desalinizzazione dietro una centrale completamente nuova a Huntington Beach, in funzione dal 2021. Kim Kolpin sottolinea: “Avrebbe dovuto essere qui, perché volevano utilizzare gli oleodotti verso il mare dalla vecchia centrale elettrica, ma dice con soddisfazione.

In qualità di direttore del Bolsa Chica Land Trust locale senza scopo di lucro, Kolpin vuole proteggere queste zone umide dagli effetti negativi della desalinizzazione.

Entrò nella sua vecchia macchina e meno di un minuto dopo passai davanti al centro di Huntington Beach, una cittadina costiera nell’area di Orange County. Hotel, ristoranti e negozi con viste alternate sulla spiaggia e sul molo. Nelle vicinanze di questo centro turistico si trova una zona paludosa di cinque chilometri quadrati. Si gira senza intoppi nel piccolo parcheggio e annuisce eccitata per alcuni uccelli bianchi che volano in alto sopra l’acqua. “Quelle sono sterne. Nidificano qui.”

190 milioni di litri di acqua potabile al giorno

Il nuovo impianto di dissalazione costerebbe 1,3 miliardi di euro e doveva produrre 190 milioni di litri di acqua potabile al giorno. L’impianto di desalinizzazione Claude ‘Bud’ Lewis Carlsbad dimostra che ciò è possibile. Prende il nome dal defunto ex sindaco di Carlsbad, questo stabilimento si trova a circa un’ora a sud di Huntington Beach. È un grande orgoglio per Poseidon, l’azienda che ha realizzato l’impianto con il supporto dell’area di San Diego per fornire acqua potabile a 400.000 persone ogni giorno.

Jogger sulla spiaggia di Santa Monica.foto di Reuters

Il cancello d’ingresso della fabbrica a Carlsbad si trova su una strada che separa il sito della fabbrica dal mare. C’è nebbia in una mattina nei giorni feriali, specialmente l’odore dell’Oceano Pacifico. All’ingresso, Jessica Jones indossa abitualmente il suo casco di sicurezza. Lavoro in Poseidon da 22 anni. “Ricordo ancora che qui non c’era niente. Siamo molto orgogliosi di quello che stiamo facendo qui per l’approvvigionamento idrico della zona”.

Nell’atrio dell’edificio, Jones indica un grande cerchio segnato sul muro come illustrazione. “Questo è il diametro del tubo attraverso il quale entra l’acqua di mare.” Questa bocca artificiale, larga quasi due metri, aspira nella pianta 380 milioni di litri di acqua di mare al giorno. Lì passa attraverso un processo di purificazione che inizia con la rimozione dei sedimenti.

Sostanza organica in discarica

Nel sito della fabbrica, Jones ha spostato con la mano una ciotola contenente una miscela tra sabbia e argilla. “Filriamo circa 1.000 chilogrammi di materia organica dall’acqua ogni due o tre giorni. Questo va in discarica”.

Il passo successivo è l’osmosi inversa: filtrare oltre 16.000 membrane in 190 milioni di litri di acqua potabile in 24 ore. “Il rapporto è di circa 50-50”, dice Jones nella sala della fabbrica, che è circondata da scaffali alti metri pieni di membrane cilindriche, che assomigliano molto a bombole di gas allungate. “Metà di ciò che portiamo diventa acqua potabile e l’altra metà torna al mare”.

Questo è ciò che preoccupa gli oppositori della desalinizzazione: si preoccupano dello scarico e del consumo di tutta quell’acqua. I critici affermano che entrambi hanno un impatto negativo sulla biodiversità. La piccola vita marina che non sopravvive al processo di filtrazione arriva con l’aspirazione. Poi c’è lo scarico. Contiene tutto il sale che è stato filtrato dall’altra metà dell’acqua. L’impianto di Carlsbad ha sputato fuori con la forza di quest’acqua salata molto salata.

tartaruga marina verde

È ciò che persone come Kim Colbin volevano evitare a tutti i costi a Huntington Beach. “Abbiamo 23 specie protette di flora e fauna qui, comprese le tartarughe marine verdi”, dice su una passerella di legno nelle zone umide, indicando le razze che strisciano appena sotto la superficie. Questa zona umida si trova anche appena sotto il Pacific Trail, un’importante rotta migratoria per gli uccelli.

“La rara pianta di catrame meridionale che abbiamo qui cresce durante i mesi più caldi dell’anno ed è l’unica fonte di cibo per le api locali”. Ci vuole tempo per coltivare questi tipi di aree, dice. “Ci sono voluti più di 40 anni per ottenere lo status di sabbiatura. E poi le acque reflue salate arriveranno qui”.

Il comitato consultivo indipendente della Commissione costiera della California ha sostenuto a maggio i gruppi di conservazione, opponendosi ai desideri del governatore: non dovrebbe essere costruita una copia dello stabilimento di Carlsbad a Huntington Beach. Le promesse di Poseidone di spendere milioni di dollari per compensare gli impatti ambientali non avevano abbastanza peso.

Jessica Jones di Poseidon conferma che la società non presenterà ricorso contro la decisione della giuria. Ma questo non significa che la desalinizzazione sia completamente fuori questione. Il governatore Newsom vede una partnership tra aziende come Poseidon e le autorità locali come un’opzione conveniente e praticabile per garantire l’approvvigionamento idrico dello stato.

Non possono esserci possibili malfunzionamenti

Qualcosa non va, dice Donald Potts, professore di ecologia all’Università della California, a Santa Cruz. Innanzitutto le obiezioni: “La vita marina che è stata risucchiata dalla pianta probabilmente non sarebbe sopravvissuta, e anche lo scarico di sale potrebbe essere dannoso”, afferma. “Ci saranno sempre persone che, in linea di principio, non vogliono disturbare la natura. Ma in questo caso, la posizione gioca un ruolo importante”.

Aggiunge che la California ha molte aree costiere protette e vulnerabili, ma ci sono anche luoghi in cui i danni possono essere limitati. Secondo Potts, bisogna guardare la quantità totale di organismi in un’area e la percentuale che viene eliminata da quell’impianto di desalinizzazione. “Se si tratta di una porzione relativamente piccola, l’effetto è probabilmente trascurabile”.

Il metodo di scarica può anche essere adattato per ridurre l’effetto a livello locale, afferma Adina Paytan, professoressa di biochimica associata anche all’Università della California, a Santa Cruz. È meglio per l’ambiente se l’acqua salmastra viene sparsa con meno forza e su una superficie più ampia. Paitan ha svolto ricerche a Carlsbad prima della costruzione dell’impianto di desalinizzazione e non si è opposto in tutti i casi. “Se la desalinizzazione viene eseguita correttamente, gli effetti negativi possono essere minimi e i benefici molto significativi”.

altre opzioni?

Il problema, secondo gli esperti, non è la desalinizzazione in sé, ma piuttosto la forte enfasi sull’acqua di mare filtrata come magico salvataggio. Paytan ritiene che si dovrebbe prestare maggiore attenzione ad altre opzioni, perché ce ne sono così tante. “Un’enorme quantità di liquami e liquami ora finisce in mare. Anche questo è molto dannoso”, afferma. “E ci sono molte opportunità là fuori.”

Il professore cita Singapore come esempio, dove circa il 40 per cento dell’approvvigionamento idrico è costituito da ex liquami. Questo è anche meglio per gli oceani, perché le acque reflue che vengono riutilizzate non devono essere scaricate. Così ha fatto Jay Lund, professore all’Università della California, Davis. “Certamente nel sud della California, il riutilizzo delle acque reflue sta diventando sempre più comune. Questa è una buona idea da un punto di vista economico, perché la desalinizzazione è più costosa del trattamento delle acque reflue”.

Inoltre, dice Lund, la costruzione di un impianto di desalinizzazione costa molto tempo, denaro ed energia. Dopo una straordinaria siccità tra il 1988 e il 1990, i residenti di Carlsbad si sono mobilitati dietro gli ambiziosi piani di Poseidone. Solo 15 anni dopo, nel 2015, la prima acqua dissalata scorre nelle aree residenziali. “La California è semplicemente troppo secca”, ha detto Lund. “Dobbiamo tenerne conto, non esiste una risposta completa. In ogni caso, la desalinizzazione non è una soluzione a breve termine. Risparmiare più acqua lo è sicuramente”.

READ  Zelensky: Si ritiene che decine di migliaia di persone siano state uccise a Mariupol | Guerra tra Ucraina e Russia