QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

È ancora normale? Una donna francese piange dopo che il suo stupratore ha lasciato l’aula come uomo libero | All’estero

“È ancora normale? In questo modo, le donne maltrattate non avranno mai giustizia”. In un video sui social media, Karen, 25 anni, fa causa alla pena molto ridotta inflitta al suo stupratore da Imdad Ameen. La sua reazione – con le lacrime agli occhi – fece una profonda impressione in Francia.


L’autore è stato condannato presso la corte di Evry Corcoron per due stupri e aggressioni nel 2016. I pubblici ministeri hanno chiesto una pena detentiva di 12 anni. Alla fine è stato condannato a sei anni di carcere, due dei quali validi. Ma in pratica il tassista non dovrà andare in prigione.

Karen era così delusa che ha lasciato che la sua frustrazione esplodesse subito dopo il verdetto. “È ancora normale? Se ne va a buon mercato perché ha un bambino di due anni. Il giudice non voleva rovinargli la vita di padre. Si dice che la violenza contro le donne sia una priorità, ma niente di tutto questo è solo . In questo modo, le donne maltrattate non avranno giustizia per sempre”. Infine, ha chiesto ai media di riprendere la sua storia e denunciare l’ingiustizia.

“nascosto”

Karen è stata invitata nello studio del canale di notizie BFM TV due giorni dopo. “Non è giusto”, ha detto. “In archivio c’erano una decina di vittime, ma alla fine io e un’altra ragazza eravamo in aula. Siamo crollati quando abbiamo sentito il verdetto”.

READ  Il ponte canadese al confine con gli Stati Uniti rimane chiuso nonostante l'intervento della polizia

“Abbiamo dato tutto per sei anni. Abbiamo dovuto testimoniare ed essere sempre presenti in tribunale. Ho scritto un’altra lettera al giudice, per favore ci dia un po’ di sicurezza. Ai miei occhi è un pericoloso predatore, ed è stato anche condannato per sesso crimini prima”.

“Quando è stato condannato, pensavamo che la nostra storia fosse stata presa sul serio e che tutti i nostri sforzi non fossero stati vani. Ma poi ci siamo messi il martello in testa. Sì, non gli è più permesso esercitare la sua professione di tassista. Ma quello non è abbastanza”.

video di sesso

Karen ha anche spiegato esattamente come ha fatto Amin. “Stavo lavorando in un ristorante in quel momento. All’ora di chiusura sono tornato a casa, dopotutto non era molto lontano. All’improvviso un tassista si è fermato accanto a me. Mi ha suggerito di salire per me, perché sono solo di notte … Pensava che fosse pericoloso all’inizio ho resistito, ma ha continuato a insistere sul fatto che era per la mia sicurezza. Alla fine ho accettato. Ho davvero pensato che volesse aiutarmi. “

Meno di cinque minuti dopo, il tempo è cambiato. Amin ha capovolto la conversazione e le ha anche mostrato un suo video di sesso. Poi Karen dovette indovinare la lunghezza dei suoi genitali. Dopo essersi fermato in un luogo deserto, l’ha costretta a sedersi sul sedile posteriore.

READ  Il ministero degli Esteri russo minaccia ancora una volta: "Tale aggressione contro la Russia non può rimanere senza risposta".

“Pensavo di morire”

“Mi sentivo come se fossi in un film con una sceneggiatura che non avevo niente da dire”, ha detto Karen. “Mi ha costretto a soddisfarlo oralmente. Quando ha tirato fuori il preservativo, l’ho pregato di smetterla. Era ovvio che tutto stava succedendo senza il mio permesso, ho pensato che sarei morto. Quando finalmente mi ha lasciato andare, ha non sembrava importare. Ha anche chiesto il mio numero. “Semplicemente non capisce la gravità di ciò che sta facendo alle sue vittime”.

Anche la risposta della polizia ha lasciato molto a desiderare. “Tre giorni dopo l’incidente, ho sporto denuncia, ma non ci credevo davvero. L’indagine è iniziata solo dieci giorni dopo, dopo che ha aggredito un’altra ragazza”.

La Procura ha impugnato la sentenza anche per il trambusto che ora è sorto. “Felicità non è la parola giusta, ma sono sollevato. Spero solo che il caso non vada avanti per altri due o tre anni. E se vedessero che ha una vita familiare stabile? per avere un giudizio con cui possiamo convivere? Davvero non possiamo fare di più. “chi è questo”.