QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Era appena scappato dai talebani: il suo compagno di cinque anni…

Il ragazzo è caduto da una finestra al nono piano.
Foto: BELGAIMAGE

La famiglia di Majidi era appena stata portata in salvo quando è avvenuto il disastro. Dopo essere stati evacuati da Kabul, la famiglia di un funzionario dell’ambasciata britannica è stata curata in un hotel a Sheffield, ma il loro figlio di cinque anni è caduto da una finestra del nono piano. “Ho sentito la madre piangere, figlio mio, figlio mio”.

Omar Majidi ha lavorato presso l’ambasciata britannica a Kabul. In qualità di operatore umanitario senior, è stato project manager per i migranti afgani di ritorno nel paese. Quando i talebani sono avanzati, è stato evacuato con sua moglie, tre figli e due figlie. La famiglia è stata temporaneamente ospitata in un hotel nella città inglese di Sheffield, che ospitava anche altri afgani che avevano assistito l’esercito e il governo britannici dopo la loro evacuazione.

Il figlio di Omar, Muhammad Munib Majidi, cinque anni, è caduto da una finestra al nono piano, alto più di venti metri, intorno alle 14:30 di mercoledì. Lo ha annunciato giovedì sera la polizia del South Yorkshire.

Un uomo che ha lavorato come interprete per gli inglesi in Afghanistan e ha soggiornato in una stanza d’albergo adiacente ha sentito l’incidente, ha detto ai media britannici. “Ero nella mia stanza. Ho sentito un rumore… ho sentito il corpo cadere. Sua madre era con lui nella stanza e ha urlato: ‘Mio figlio, mio ​​figlio’. Quando sono uscito, ho visto l’ambulanza e la polizia arrivo sul posto». Secondo un testimone, la madre ha gridato: “Per favore salva mio figlio!”

READ  Israele abbassa a 50 anni l'età del vaccino di richiamo | interni

Un altro afghano che soggiornava in albergo, un 35enne che lavorava come interprete per l’esercito britannico, ha accompagnato la madre piangente all’ospedale. “La donna non parlava inglese e qualcuno doveva aiutarla a tradurre, così sono andato con loro”.

Secondo il vicino d’albergo, la famiglia è arrivata nel Regno Unito poche settimane fa, essendo arrivata all’hotel OYO Sheffield Metropolitan tre o quattro giorni fa dopo essere stata messa in quarantena a Manchester. Se il padre lavora per gli inglesi, le loro vite sono in pericolo in Afghanistan. Sono venuti qui per salvare le loro vite”.

Il Ministero ha appreso che l’hotel non è sicuro

La polizia sta indagando sulle circostanze dell’incidente e gli agenti hanno già perquisito le finestre. Nel 2019, un ospite dell’hotel si è lamentato su Facebook di non essere sicuro. Ha aperto le finestre così tanto che aveva “paura che i miei figli potessero cadere”, come ha didascaliato alcune delle foto. “Per favore, non soggiornare in questo hotel pericoloso!” Anche altre recensioni erano spesso molto negative.

(Leggi di più sotto la foto)

Secondo il Guardian, il ministero dell’Interno è stato informato dei problemi di sicurezza da parte dei funzionari locali, che hanno sollevato dubbi sull’utilizzo da parte dell’hotel di famiglie di rifugiati afgani.

Il Refugee Council, un’organizzazione umanitaria, chiede al ministero dell’Interno di indagare sulla questione. “Le famiglie afgane dovrebbero ricevere tutto il sostegno di cui hanno bisogno ed essere ospitate in alloggi adeguati”. Secondo l’uomo che alloggiava accanto alla camera familiare dell’hotel, giovedì pomeriggio da otto a dieci famiglie afghane dell’OYO Sheffield Metropolitan Hotel sono state trasferite in un altro hotel.

READ  Epidemia di Corona tra gli scalatori dell'Everest: il governo rifiuta le misure | all'estero

Un portavoce del Ministero degli Interni ha dichiarato: “Siamo profondamente rattristati dalla tragica morte di un bambino in un hotel di Sheffield. La polizia sta fornendo supporto alla famiglia durante le indagini e non possiamo commentare ulteriormente in questo momento”.