QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Esattamente 10 anni fa, la nave da crociera Costa Concordia affondò: “Vai, maledizione!” | all’estero

Esattamente dieci anni fa oggi, la nave da crociera Costa Concordia si capovolse al largo delle coste italiane. Tutte le 32 persone a bordo sono state uccise. Il capitano della nave è stato condannato all’omicidio colposo dopo un’indagine e condannato a 16 anni di carcere.




Venerdì 13 gennaio 2012, la nave di otto anni ha lasciato la città portuale italiana di Sitavecchia in prima serata. All’epoca c’erano 3.206 passeggeri e 1.023 membri dell’equipaggio sulla lussuosa barca da crociera. Quando la Costa Concordia si avvicinò al Giglio poche ore dopo, deviò dalla rotta prevista per navigare vicino all’isola e fare un “saluto navale” suonando il clacson della nave. Un errore umano ucciderebbe 33 persone.

A causa del cambio di rotta, la nave si è avvicinata alla barriera corallina. Quando il pericolo fu scoperto, era già troppo tardi. Il capitano veterano Francesco Schettino non è stato in grado di regolare la rotta ed evitare la collisione. Ciò era in parte dovuto a problemi di comunicazione con il resto dell’equipaggio. Lo scafo inferiore della nave si è scontrato con la barriera corallina, provocando una rottura di 50 metri sul lato sinistro dello scafo.

evacuazione disordinata

Tuttavia, all’inizio, il capitano e l’equipaggio si sono comportati come se nulla fosse sbagliato. Anche quelli a bordo sono stati mandati nelle loro cabine, con l’informazione che si trattava solo di un blackout. Lo sgombero è iniziato solo mezz’ora dopo.

I passeggeri non devono più fare affidamento sul capitano Schettino, che ha già lasciato la sua nave. Secondo il suo stesso racconto, sarebbe “caduto in una scialuppa di salvataggio”, ordinato da un capitano della Guardia Costiera di tornare sulla nave, gridando al capitano: “Sali a bordo, accidenti a te!” Ciò consentirà a Schettino di supervisionare l’evacuazione. Tuttavia, il capitano ha rifiutato. Ha risposto: “È buio e non possiamo vedere nulla”.

READ  Il sospetto omicidio dell'ex primo ministro giapponese Shinzo Abe era un ex marine e l'unico che per primo ha pianificato un attentato dinamitardo | Shinzo Abe è morto

Il capitano non è stato l’unico a sbagliare. Gli ultimi membri dell’equipaggio hanno lasciato la nave mentre a bordo c’erano almeno 300 passeggeri. La mattina successiva, la Guardia Costiera aveva soccorso quasi 4.200 persone, ma i soccorsi sono arrivati ​​troppo tardi per le 32 persone a bordo: sono annegate.

Dopo il salvataggio, è seguito un recupero che è costato oltre 500 milioni di euro. Il solo raddrizzamento della nave ha richiesto più di sei mesi. Quando la nave è crollata nel porto di Genova nel novembre 2014, è stato recuperato il corpo dell’ultima vittima: un cuoco che lavorava a bordo.

Foto d’archivio. Il capitano Francesco Schettino parla con i giornalisti al porto del Giglio. (27/02/2014) © Agenzia per la protezione dell’ambiente

questione del debito

Poco dopo il disastro della nave, le azioni dell’equipaggio furono indagate. Quattro membri dell’equipaggio si sono immediatamente dichiarati colpevoli e sono stati condannati fino a tre anni di carcere. Il processo al capitano Schettino, durato più di un anno e mezzo, ha chiarito che si sottrae alle proprie responsabilità, abbandona la nave ei suoi passeggeri e si macchia di omicidio colposo. Sebbene Schettino affermasse di essere semplicemente un “capro espiatorio”, gli esperti navali concordarono sul fatto che fosse lui il responsabile del disastro marittimo. Un giudice lo ha condannato a 16 anni di reclusione nel febbraio 2015. Anche questa sentenza è stata confermata in appello.

Foto d'archivio.  Costa Concordia al largo dell'Isola del Giglio.  (13/01/2012)

Foto d’archivio. Costa Concordia al largo dell’Isola del Giglio. (13/01/2012) © Foto Notizie

Agenzia per la protezione ambientale

© Agenzia per la protezione dell’ambiente