QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Gli argentini soffrono. Non hanno votato tanto per Miley quanto contro l’establishment.”

“Gli argentini soffrono. Non hanno votato tanto per Miley quanto contro l’establishment.”

Ha fatto una campagna con una motosega ed era conosciuto come “El Loco”. Tuttavia, il presidente di estrema destra recentemente eletto in Argentina, Javier Miley, non è solo un altro populista, afferma l’esperta latinoamericana Anne Franks. “L’unica cosa che ha in comune con Trump è il suo taglio di capelli.”

Anna de Bock

Perché Miley ha ottenuto punteggi così migliori rispetto al candidato al governo di sinistra Sergio Massa?

“Gli argentini soffrono. Non hanno votato tanto per Miley quanto contro l’establishment, che considerano responsabile dei problemi economici. In un anno, l’economia argentina ha visto un’inflazione non inferiore al 140%. La disoccupazione raggiunge il suo picco , il 40 per cento della popolazione vive in povertà”. Chi ha soldi sul conto può ritirarli solo gradualmente. Inoltre diventa sempre più difficile cambiare pesos con dollari USA.

E allora gli argentini votano per un uomo che brandisce una motosega?

Il suo messaggio di ridurre le dimensioni degli enti governativi si sta già diffondendo. L’inflazione si aggiunge a molti altri problemi. L’Argentina è considerata uno dei paesi più ricchi del mondo in termini di PIL pro capite. Ma se si guarda alla classifica della corruzione o allo stato di salute dello Stato di diritto, si scopre che il Paese si trova in una brutta posizione. Ciò è dovuto alla cattiva politica monetaria e alla corruzione che sembra prosperare nell’attuale cultura politica.

Si tratta di un compromesso con la politica del governo di sinistra?

“Non è così semplice. Fondamentalmente è un compromesso con il peronismo (L’eredità politica dell’ex presidente Juan Domingo Peron, Banca asiatica di sviluppo). Questo movimento non è composto da progressisti o di sinistra come li conosciamo in Belgio. Si tratta piuttosto di cattolici di sinistra che rappresentano una società molto conservatrice. In Argentina, ad esempio, il diritto all’aborto esiste solo di recente.

“I peronisti sono saliti al potere in Argentina diverse volte dal 1946. Ma lottano da uno scandalo di corruzione all’altro. L’attuale vicepresidente ed ex presidente Cristina Fernández de Kirchner è stata condannata per frode l’anno scorso per aver distribuito favori a donatori amici della campagna.

Un sostenitore di Javier Miley celebra la sua vittoria elettorale a Buenos Aires.Foto dell’Agenzia France-Presse

Miley mette in discussione il diritto all’aborto e riduce il divario salariale tra uomini e donne. Allora perché così tante donne votano per lui?

“In Europa sentiamo spesso dire che l’Argentina ha un forte movimento delle donne: tutti conoscono le ‘madri sciocche’ che sono scese in piazza per i loro figli scomparsi a partire dalla dittatura militare degli anni 70. Tuttavia, l’Argentina è ancora una società patriarcale in cui alle donne e agli uomini vengono assegnati ruoli chiari: “Una donna deve essere soprattutto casta e obbediente. Ciò significa che Miley comunica con gran parte della popolazione”.

A causa delle sue dichiarazioni oscene contro l’establishment, alcuni lo chiamano il Donald Trump argentino.

“Ingiustamente. L’unica cosa che ha in comune con Trump è la sua strana acconciatura. Ma a parte questo, il contesto politico in cui operano è completamente diverso. Trump ha un forte sostegno del Partito Repubblicano, mentre il partito di Miley ha pochi rappresentanti in Parlamento. Nonostante Dalle sue dichiarazioni forti, Miley dovrà presto cercare alleati per realizzare le sue idee.

“Penso che Miley possa solo perdere. O mette in atto il suo programma estremista e viene criticato da tutte le parti. Dalle donne, dai sindacati, dai dipendenti pubblici, qualsiasi cosa. Altrimenti non funzionerà e i suoi attuali sostenitori rimarranno delusi. ”

Anche Miley ha tratti strani. Dice che accetta consigli dai suoi cani clonati.

“Ricordate un leader latinoamericano che non sente le voci. (Lui ride) L’ex presidente venezuelano Hugo Chavez ha consultato gli indovini. Il suo successore, Nicolas Maduro, si sarebbe ispirato a un simpatico uccellino posato sul suo braccio, chiaramente un’incarnazione di Chavez. Il Sud America è un continente con una cultura politica molto diversa dalla nostra. C’è una certa spiritualità che ci è estranea. È anche difficile per un politico vincere le elezioni senza carisma. Quindi ovviamente ottieni questo tipo di personalità straordinarie.

Come economista, Miley ha progetti folli, come l’introduzione del dollaro americano. Ma questo gioverà davvero agli argentini?

“In passato, anche paesi come Panama ed Ecuador hanno introdotto il dollaro americano. Ma l’Argentina ha un’economia molto più grande. Questa probabilmente non è altro che una misura temporanea per la quale la popolazione povera pagherà a caro prezzo”.

“Gli stessi argentini credono che le cose non possano andare peggio di come sono adesso. Alcuni guardano anche al Cile, dove Pinochet ha lasciato la politica economica nelle mani degli economisti dopo il suo colpo di stato. Poi hanno applicato una sorta di terapia d’urto che è stata molto dolorosa per un anni, ma sono riusciti a controllare l’iperinflazione. Ora il Cile è il paese più prospero del Sud America.

Frankx.

Frankx. “In Sud America è difficile vincere le elezioni senza carisma. Poi ovviamente si ottengono personalità straordinarie.Documento d’identità con foto/Hatem Kaghat

Cosa significano queste elezioni per il resto dell’America Latina?

“Soprattutto, sottolinea una tendenza più ampia: che l’America Latina è stanca delle macchinazioni dei leader di sinistra. L’idea che la sinistra possa governare in modo sensato è stata bruciata dall’era di Chávez. Il Venezuela era il paese più ricco dell’America Latina, e ora sette milioni di persone sono fuggite dal Paese”. Quella di Miley.”

READ  L'aeroporto di Charleroi domani è chiuso per sciopero nazionale e le procedure ferroviarie sono già iniziate: anche qui puoi aspettarti disagi | interno