QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli scienziati hanno scoperto un “linguaggio” unico tra gli esseri umani e gli uccelli per rilevare il miele

Gli scienziati hanno scoperto un “linguaggio” unico tra gli esseri umani e gli uccelli per rilevare il miele

Gli acchiappamiele, piccoli uccelli bianco-marroni, hanno un talento per trovare gli alveari. Un’abilità gradita anche agli umani più golosi. A loro volta, gli abili cacciatori di miele umani hanno molti trucchi per stanare le api dal loro nido e poi aprire l’alveare. Questo li rende la coppia perfetta per la caccia al miele.

Per ritrovarsi, sia gli uccelli che gli esseri umani hanno sviluppato suoni speciali. Questi suoni umani variano a seconda della cultura: nel Mozambico settentrionale, un gruppo di cacciatori di miele ringhia, mentre nella tribù Hadzabe, nel nord della Tanzania, fischiano. La ricerca mostra che gli uccelli rispondono a un suono familiare proveniente dalla loro zona tre volte di più rispetto a un’esca proveniente da un’altra zona.

Ciò si riflette nella raccolta del miele: quando un cacciatore di miele tanzaniano ha provato a sniffare dal Mozambico, ha trovato meno della metà della normale quantità di miele. I cacciatori ne sono consapevoli, imparano il richiamo locale dai genitori o dai nonni e non possono discostarsi da esso.

I cacciatori di miele usano il fuoco e gli strumenti per raccogliere il nido delle api.Foto dell’Università di Miami

I ricercatori spiegano la sensibilità dei cacciatori di miele ai richiami locali attraverso il comportamento appreso: se gli uccelli sono naturalmente attratti da determinati suoni umani, funzionerà anche un richiamo da un’altra zona. I ricercatori hanno scritto che gli uccelli hanno una tendenza innata a collaborare con gli esseri umani nella caccia al miele. Ad esempio, i cacciatori di miele cercano anche di farsi seguire dalle persone in aree in cui ciò non è comune.

“Si tratta di uno studio importante che fa avanzare la nostra comprensione della coevoluzione culturale”, ha affermato John Marzluff, professore emerito dell’Università di Washington specializzato nella relazione tra esseri umani e uccelli. “Sfortunatamente, questo tipo di straordinaria cooperazione scomparirà sempre più man mano che le persone inizieranno a mangiare cibi ipercalorici e facili da trovare, come lo zucchero raffinato. Cosa faranno allora gli uccelli?”

READ  Macron: "Settimane difficili" si avvicinano, ma il vaccino fa sperare | all'estero