QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli Stati Uniti negano che a Gaza sia avvenuto un genocidio e definiscono antisemita il relatore dell’ONU

Gli Stati Uniti negano che a Gaza sia avvenuto un genocidio e definiscono antisemita il relatore dell’ONU

Venerdì il governo degli Stati Uniti ha respinto le accuse mosse dal relatore delle Nazioni Unite di aver commesso un genocidio nella Striscia di Gaza, definendole “infondate”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha detto che Washington sostiene pienamente Tel Aviv e ha accusato la relatrice Francesca Albanese di fare “dichiarazioni antisemite”.

Mercoledì l'albanese ha avuto la cosa tanto attesa Il rapporto è stato pubblicato Sottolineando che Israele “ha oltrepassato il limite commettendo un 'genocidio' contro i palestinesi di Gaza”. Si basava su un'analisi degli attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza a partire da ottobre. Ha accusato Israele di sterminare sistematicamente tutta o “una parte significativa della popolazione” di Gaza.

Miller ha affermato che gli Stati Uniti sono “profondamente preoccupati” per il numero di vittime civili a Gaza e hanno esortato Israele a ridurre tale numero. Ha aggiunto che gli Stati Uniti non parteciperanno ad alcuna discussione su possibili crimini di guerra commessi da Israele. Ha detto che gli Stati Uniti sostengono la sicurezza di Israele e riconoscono il diritto di Israele a difendersi dai missili e dagli attacchi terroristici.

Albanese ha tenuto una conferenza stampa presso l'ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra sul suo rapporto che descrive dettagliatamente gli attacchi israeliani a Gaza. Ha detto di aver preparato il rapporto dopo aver monitorato e analizzato gli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza dal 7 ottobre. Ha detto di aver fatto affidamento sulle testimonianze delle vittime, dei gruppi per i diritti umani, dei giornalisti e delle fonti delle Nazioni Unite.

Ha detto che il suo rapporto fornisce “ragioni convincenti” per credere che Israele “sia andato oltre i limiti per commettere un “genocidio” contro i palestinesi a Gaza”. Ha fatto riferimento alla definizione di genocidio contenuta nello Statuto di Roma della Corte penale internazionale, che parla di “atti commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”.

READ  Anche un canadese è stato condannato a morte in appello in Cina | all'estero

Ha detto che Israele ha l'intenzione “agghiacciante” di annientare sistematicamente tutta o “una parte significativa della popolazione” di Gaza. Ha fornito esempi delle azioni di Israele, come bombardare obiettivi civili, distruggere infrastrutture, limitare l’accesso all’acqua, al cibo, alle medicine e all’elettricità, violare il diritto internazionale umanitario e il diritto internazionale sui diritti umani e incitare all’odio e alla discriminazione contro i palestinesi.

Ha accusato soldati e funzionari israeliani di distorcere i principi legali impegnandosi in atti di violenza, genocidio e tentativo di sterminio contro il popolo palestinese. Ha aggiunto che Israele sta attuando una politica di “violenza genocida” contro i palestinesi a Gaza, che è parte della “occupazione e colonizzazione a lungo termine” dei territori palestinesi.

Ha invitato la comunità internazionale ad adottare misure per porre fine all'impunità di Israele e consegnare i responsabili alla giustizia. Ha sottolineato la necessità che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite adempia alla propria responsabilità di mantenere la pace e la sicurezza nella regione. Ha anche affermato che gli Stati Uniti dovrebbero riconsiderare il loro “cieco sostegno” a Israele e adempiere al proprio ruolo di “mediatore onesto”.

Da ottobre Israele, appoggiato dagli Stati Uniti, conduce un sanguinoso attacco contro Gaza. Circa 32.600 palestinesi furono uccisi e altri 76.000 rimasero feriti, la maggior parte dei quali bambini e donne. Quasi nove residenti su dieci sono sfollati e soffrono per la mancanza di cibo, acqua e medicine.

Israele è anche accusato di aver commesso un genocidio davanti alla Corte internazionale di giustizia. In una sentenza preliminare di gennaio, la Corte internazionale di giustizia ha ordinato a Tel Aviv di cessare gli atti di genocidio e di smettere di ostacolare gli aiuti umanitari internazionali ai civili che soffrono a Gaza.

READ  La Cina mantiene il controllo su Hong Kong: il Parlamento approva un emendamento radicale del sistema elettorale | all'estero

In una nuova sentenza emessa giovedì, la Corte internazionale di giustizia ha nuovamente ordinato a Israele Strutture di aiuto d'emergenza per i residenti di Gaza.