QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Grande malcontento nel settore della ristorazione olandese per un nuovo blocco…

© AFP

L’industria dell’ospitalità “deve sanguinare di nuovo” poiché la politica del governo fallisce. La pensa così il sindacato olandese FNV Horeca sulle misure contro il coronavirus che il governo uscente dovrebbe annunciare venerdì. Secondo il sindacato, il governo non può più comunicare che c’è urgenza e che sono necessarie azioni. “Non c’è più alcun supporto sociale”, afferma Edwin Flick, direttore di FNV.

Fonte: belga

Secondo lui, i dipendenti del ristorante hanno fatto del loro meglio negli ultimi mesi per rispettare le regole di Corona, come il controllo del Corona Pass. “Il settore della ristorazione, tuttavia, sta diventando puzzolente a causa del ringraziamento”, afferma Flick.

È probabile che venerdì il governo uscente annuncerà un breve arresto di tre settimane. Per l’industria alimentare, ciò significa che ristoranti, caffè e bar devono chiudere alle 19:00. Le misure dovrebbero entrare in vigore sabato, ma le decisioni ufficiali non sono ancora state prese.

Leggi anche. Verso un “mini-lockdown” di forse tre settimane nei Paesi Bassi: queste misure sono sul tavolo

Politica sui token

Gli addetti ai lavori in questo settore parlano all’unisono di politica puramente simbolica. “C’è molta insoddisfazione”, afferma Martin Henleben, capo del dipartimento Koninklijke Horeca Nederland (KHN) a L’Aia. “È puramente simbolico. E le cifre sull’inquinamento nel settore della ristorazione sono inferiori al 3%. Ora le persone sono di nuovo sedute insieme a casa, dove la possibilità di contrarre l’infezione è ovviamente molto più alta. Non ha davvero senso”.

Hinloopen chiede ai politici di fare qualcosa per la carenza di personale nell’assistenza sanitaria. “Ecco dove sta il problema con l’aumento del numero di infezioni”.

colpo molto duro

Hermann Hill, titolare di diversi esercizi di ristorazione a Rotterdam, parla di un “colpo durissimo”. Descrive inoltre le azioni proposte come una politica dei token. “Se il problema non è nel settore dell’ospitalità, la soluzione non esiste. Chiudere alle 19 significa per noi l’80% in meno di fatturato. Abbiamo appena azzerato la nostra forza lavoro. Non mando nessuno a casa”. L’inferno non pensa che la chiusura parziale durerà solo due o tre settimane.

KHN prevede che molte aziende non rispetteranno la data di chiusura delle 19:00, afferma il presidente Robèr Willemsen sulle azioni previste. Vede queste cose come inaccettabili e si presentano come una “completa sorpresa”. Hinloopen e Hell stanno ancora valutando se rispettare le misure.

READ  Più belgi scelgono il pensionamento anticipato nel 2020 | L'interno