QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Hazard: Se vivessi come Ronaldo, mi brucerei

Hazard: Se vivessi come Ronaldo, mi brucerei

Nel 2019 è stato il trasferimento più costoso nella storia del Real Madrid. Eden Hazard avrebbe dovuto essere il protagonista del Die Koninklijke, ma, in parte a causa di infortuni, il suo trasferimento nella capitale spagnola non è servito a niente.

Come è fallito il matrimonio? “Da ragazzino ero un grande tifoso di Zidane, del Bernabéu, della maglia bianca… Il Real Madrid è un club speciale, ma guardando indietro non credo di essermi adattato”, ammette Hazard.

“Non mi piaceva nemmeno il modo in cui giocavo. Ma era il mio sogno e non potevo finire la carriera senza venire qui”.

“Forse avrei dovuto allenarmi di più, ma ho anche avuto infortuni gravi nei momenti sbagliati”.

Ma Hazard non si nasconde solo dietro gli infortuni. L'ex Diavolo Rosso ammette di aver vissuto una vita molto dissoluta prima della sua trasformazione.

“Ho appena vissuto una delle migliori stagioni della mia carriera al Chelsea. Mi sono lasciato andare un po' durante la pausa estiva, dopo 7 anni in Inghilterra. Tre settimane di barbecue, Rosie… questo mi sta aiutando a resettarmi. Soltanto le cose sono andate storte in “The Riyal”.

Eden Hazard ha portato avanti la sua immagine “non ufficiale” per tutta la sua carriera. Ma nega di essere stato “molto pigro”. “Non potrei andare avanti per 16 anni senza allenarmi. È vero che a volte arrivavo ad allenarmi senza tanta voglia di allenarmi, non posso ignorarlo”.

“Volevo avere una mentalità da Cristiano Ronaldo? No. Allora non sarei me stesso. Non ho bisogno di un bagno di ghiaccio per un'ora, lasciami in pace”.

READ  Tanti combattimenti, nessun gol: la rivalità Inghilterra-Scozia finisce senza un vincitore | Campionato Europeo 2020

“Ho preferito giocare con i miei figli nel parco per due ore. Quella è stata la mia guarigione. Se avessi vissuto come Ronaldo, mi sarei bruciato”.

“Il calcio non era una carriera per me, era un gioco. Era il mio gioco preferito”.

“Ma dopo l'intervento alla caviglia, ho perso la fiducia in me stesso e quindi il desiderio. Non ero depresso, ma non lo sentivo più. Non avevo più l'energia e la forza.”

Hazard però avrebbe preferito dire un bell'addio al Real Madrid. “Penso che sia un peccato che le cose siano finite così. L'ideale sarebbe stata una tripletta nell'ultima partita di campionato. È finita bene al Lille, e ancora meglio al Chelsea, ma non a Madrid”.

Hazard non pensa più al ritorno al calcio professionistico. “Meno attenzione ricevo, meglio è. Non me lo perderò. Mi è piaciuto il calcio professionistico, ma non voglio tornarci. Ne sono sicuro al 100%”.