QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I danni causati dal ciclone Via in Italia mostrano quanto possano essere devastanti per la natura gli effetti delle condizioni meteorologiche più estreme dopo 4 anni.

Nel 2018, 42 milioni di alberi sono stati abbattuti dal ciclone Via in Italia. Federico ha lavorato a Bruxelles per diversi anni, ma ha deciso di tornare per aiutare. “Ho imparato più che mai che la natura non ha davvero bisogno degli esseri umani.”

Federico Stefani (30) è di Bergin Valusugana, uno dei paesi più colpiti. Lavorava fuori dall’Italia da 5 anni, prima a Tokyo e poi a Bruxelles per la NATO, quando il ciclone Via colpì le Alpi meridionali italiane.

Altri alberi sono stati rimossi

Federico dice: “Non c’ero, ma la famiglia e gli amici mi hanno inviato video e foto. Non sapevo cosa stavo vedendo. Era una zona di guerra. Gli alberi nella foresta dove sono cresciuto erano spezzati come fiammiferi. Era irriconoscibile.

Federico indica il rumore delle motoseghe che scendono dal pendio attraverso la valle: “Stanno ancora lavorando qui. Ricorda, sono passati 4 anni dal temporale, ma sembra che sia successo qualche settimana fa. È successo. Un sacco di il legno è stato rimosso, ma si vede anche che ci sono ancora molti tronchi d’albero”.

La natura si sta lentamente riprendendo

Successivamente sono state riparate le case e le strade della zona. Ma il recupero della natura è molto lento. Ci vorranno più di 100 anni perché qui si sviluppi di nuovo un’intera foresta. Sono in corso i lavori di rimozione degli alberi caduti 4 anni fa.

E la scomparsa di quelle foreste ha gravi conseguenze per la regione. Federico ha lasciato il lavoro 3 anni fa e ha deciso di aiutare la sua patria.

Vedere

Pianta nuovi alberi

Federico voleva dare un bersaglio al legno danneggiato che non poteva essere utilizzato per uso industriale. Con la sua azienda trasforma il legno in piccoli elettrodomestici come amplificatori sonori. E, cosa più importante, per ogni oggetto venduto, piantano un nuovo albero nella zona.

READ  L'Italia denuncia focolaio di influenza suina africana - Notizie Maiali

In totale sono già stati piantati 70.000 nuovi alberi da Federico e dai suoi colleghi. È così che cercano di accelerare il recupero. Federico: “Invece dei 100 o 150 anni che la natura impiega per rigenerare le foreste, i nostri alberi maturano in 50 anni. Questo ci dà più di mezzo secolo”.

Investimenti in sicurezza

Gli alberi della zona non solo fornivano legname, ma fornivano anche protezione da neve, forti piogge e possibili smottamenti. L’area è ora molto vulnerabile.

Federico: “Ciò che la natura ha fatto per noi gratuitamente, ora dobbiamo farlo con grandi investimenti. Si costruiscono muri e si mettono reti a protezione di strade e villaggi. La tempesta mi ha insegnato più che mai che la natura non fa davvero che. Alla gente non importa. Anche dopo la tempesta, la natura si riprende al suo ritmo, ma la gente ha davvero bisogno della natura.”

Vedere

Un esempio internazionale

Gli esperti avvertono che se i nuovi alberi non vengono piantati presto, l’Europa potrebbe perdere altri 80 milioni di alberi a causa dei parassiti entro 5 anni.

Non sa se Federico tornerà mai alla sua vita internazionale: “Per me è decisamente un cambiamento. Vivo di nuovo nel villaggio dove sono cresciuto. Ma in qualche modo spero che il nostro lavoro qui diventi un esempio a livello internazionale. Disastri naturali purtroppo diventerà sempre più comune nel nostro mondo. Come può un simile disastro essere una novità Voglio essere un esempio di ciò che segna l’inizio.”

Vedi il rapporto.

Vedere

READ  11 su 11 per Kim Mestak in Italia, brilla Emma Meismann nel derby di Turchia