QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I paesi poveri stanno ricevendo massicci vaccini vicino alla data di scadenza

L’UNICEF lancia l’allarme. I paesi poveri rifiutano o lasciano inutilizzati milioni di vaccini Covid-19.

I paesi poveri hanno rifiutato più di 100 milioni di dosi di vaccini Covid-19 distribuiti nell’ambito del programma globale Covax a dicembre. Il funzionario dell’UNICEF, Itliva Kadele, ha detto giovedì agli eurodeputati. Il motivo principale di ciò, secondo l’agenzia di stampa Reuters, è che i vaccini consegnati sono vicini alla data di scadenza.

Un altro motivo, dice Kadelli, è che i paesi poveri non hanno sempre una capacità di stoccaggio sufficiente o frigoriferi adeguati per conservare i vaccini. Inoltre, molti paesi soffrono per il rigetto del vaccino e per il sovraccarico del sistema sanitario.

Secondo l’UNICEF, anche per questo, 681 milioni di dosi sparse in più di 90 paesi sono attualmente ancora inutilizzate in attesa del cliente. Infatti, in più di 30 Paesi poveri – tra cui Repubblica Democratica del Congo e Nigeria – più della metà delle dosi erogate rimane inutilizzata.

Quasi un miliardo di dosi sono state ora distribuite in 144 paesi nell’ambito del programma Covax. Inoltre, alcuni paesi si sono procurati le pozioni stesse. Ma questa è ancora una goccia nell’oceano. A gennaio, il 67% della popolazione dei paesi ricchi era stata completamente vaccinata. Nei paesi poveri, l’8% ha ricevuto la prima dose. Cresce la pressione su Pfizer, Moderna e Astrazeneca per fare di più.

READ  Le azioni europee dovrebbero aprire nel 2022 con un profitto