QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I record di velocità verranno migliorati uno per uno questa primavera: 'La scienza garantisce una migliore preparazione'

I record di velocità verranno migliorati uno per uno questa primavera: 'La scienza garantisce una migliore preparazione'

L'edizione di domenica scorsa è stata la Parigi-Roubaix più veloce di sempre. Le cose non sono mai andate così veloci in questa stagione all'Omloop Het Nieuwsblad, alla Milano-Sanremo e al Giro delle Fiandre. “La scienza è arrivata e ha cambiato il corso”, afferma l'ex pilota e direttore sportivo Sepp Vanmarke.

47.802 chilometri orari. Questa è la velocità percorsa nei 260 chilometri tra Compiègne e Roubaix. Dopo una lunga lotta per fuggire, Alpecin Desoninck ha preso in mano la situazione. Da quel momento non ci fu più silenzio.

Mathieu van der Poel è finalmente arrivato dopo circa 5 ore e 26 minuti. Ciò significa che ha il record di velocità nell'Hell Classic.

Le cose non si sono mosse con straordinaria rapidità solo alla Parigi-Roubaix. Tutti i classici primaverili strappati sono nella top 3 delle uscite più veloci di tutti i tempi.

Velocità media nelle gare primaverili del 2024
Omloop het Nieuwsblad 44,7 km/h (versione più veloce di sempre)
Mais-Bruxelles-Mas 45,1 km/h (versione più veloce di sempre)
Stradi Bianchi 40,3 km/h (secondo più veloce di sempre)
Milano Sanremo 46,1 km/h (versione più veloce di sempre)
Mi3 Saxo classico 44,6 km/h (terza versione più veloce di sempre)
Gand-Wevelgem 45,2 km/h (secondo più veloce di sempre)
Direttamente attraverso le Fiandre 45,7 km/h (secondo più veloce di sempre)
Giro delle Fiandre 44,5 km/h (versione più veloce di sempre)
Prezzo Schelda 47,9 km/h (terza versione più veloce di sempre)
Parigi Roubaix 47,8 km/h (versione più veloce di sempre)

Diversa linea d'azione

Ma perché quest’anno guidano tutti così veloci? September Vanmarcke, ritiratosi dal ciclismo l'anno scorso, sottolinea che lo sviluppo è in corso da tempo. “È una tendenza degli ultimi anni.”

READ  Bart Swings è il miglior belga delle Olimpiadi? † Piattaforma

“Lo vedo anche dall'auto di supporto”, afferma il leader del team Israel-Premier Tech. “Le corse sono diverse, i materiali e la preparazione dei piloti sono migliori”.

Secondo Vanmark, il tasso attuale non può essere paragonato a quello di 15-20 anni fa. I concorsi aprono prima. “Durante l'US Post, 7 corridori hanno cavalcato in testa ad un ritmo costante. Il Team Sky ha preso il pieno controllo.”

In primavera è stata un'altra squadra a dominare. “Il Quick-Step poteva sostenere una gara”, afferma Vanmarke. “Correvano sempre veloci verso una striscia di ghiaia e poi guidavano lì con calma.”

I ragazzi con grandi motori possono spremere cose.

Settembre Vanmark

“Ho visto le cose cambiare per la prima volta quando i corridori delle Ardenne sono venuti a gareggiare nelle Fiandre. Julian Alaphilippe, ad esempio, è stato in grado di guidare più veloce e più stabile. La sua moto non è fatta per le curve brevi.”

Vanmarcke lo illustra con due ulteriori esempi. “Questa tendenza è continuata con le grandi moto come Van der Poel e Van Aert. A poco a poco logori il gruppo a un ritmo uniformemente elevato.”

“È più facile per loro spremere le cose. In questo modo possono iniziare a farlo prima.”

Tadej Pogacar ha vinto in solitaria la Strade Bianche alla 81 km.

Viva la scienza

Un fattore importante nelle corse sempre più veloci è l’aerodinamica. “Tutto sta cambiando in questo settore”, afferma Vanmarcke. “Sono cambiate le bici, le posizioni dei ciclisti, l'abbigliamento, i caschi. Anche i copriscarpe sono diventati più veloci.”

Tutto viene misurato e calcolato, gomme comprese, come sa bene Vanmarcke. “La resistenza al rotolamento del pneumatico non era importante. Era solo necessario avere un buon pneumatico.”

READ  Fenomeno tristezza: l'insopportabile Mbappe ottiene il sostegno del presidente Macron dopo un finale pazzesco | Coppa del mondo di calcio

“I ciclisti ora effettuano curve più veloci perché c'è meno resistenza al rotolamento. Questo è uno dei tanti fattori fisici che ti permettono di guidare più velocemente con la stessa forza di 10 anni fa.”

L'ex ciclista dà uno sguardo anche ai freni a disco. “Puoi usare i freni più tardi. I ciclisti entrano in curva e vedono se funziona.”

“Con i freni normali sei più calcolatore. Quindi un incidente come nel Giro dei Paesi Baschi accadrà meno spesso.”

Un'alimentazione adeguata garantisce che i fagiani non finiscano.

Settembre Vanmark

La materia è un lato della storia scientifica. Anche la nutrizione si è evoluta.

“Prima era una questione di tempismo, perché mangiavamo meno. Ora è particolarmente importante mangiare la cosa giusta al momento giusto”, spiega Vanmarcke.

Sembra che mangiare più cibo sia ormai la norma. “Non solo garantisce che siano in forma al di fuori della gara, ma anche che non rimangano senza energie durante la gara. I ciclisti ora preferiscono essere allenati a consumare quanto più nutrimento possibile.”

Ma questo rende la gara più difficile? “Viene misurato per garantire che tu stia consumando abbastanza grammi di carboidrati all'ora.”

“In questo modo i ciclisti non hanno paura di fermarsi e possono guidare più velocemente e più a lungo”, ha affermato Vanmarke.

Anche mangiare durante la gara resta importante.

In attesa della prossima tendenza

Sep Vanmarcke è ormai in pensione dal ciclismo professionistico da quasi un anno. Durante la sua carriera, sentiva anche che tutto stava cambiando.

“All'inizio della mia carriera potevo correre in fondo al gruppo per i primi 100 km. Parlavo con calma con gli altri leader.”

READ  Nonostante la sconfitta in casa, il Liverpool ha superato l'Inter ai quarti di finale di Champions League

“Ma ho visto questo cambiamento anno dopo anno”, continua Vanmarcke. “C'era più pressione, perché era importante essere presto in una buona posizione. Andava più veloce e il gruppo poteva staccarsi più velocemente.”

Tutto può e migliorerà. Non è più possibile fermarlo.

Settembre Vanmark

Secondo Vanmark non è improbabile che i prezzi cambino nuovamente tra qualche anno.

“C'è sempre una tendenza nelle corse. Questi super ragazzi oggi possono gestire molto. Tra 10 anni quella tendenza finirà. Sarà più chiuso.”

A livello di materiali potrebbe essere migliore. “Tutto continua ad evolversi. Ci sono ancora piloti che non raggiungono in tempo il loro livello di forma fisica. La conoscenza non è ancora al punto finale. Non credo che esista.”

Vanmarcke rimane un fan delle corse tradizionali. “Tutti questi aspetti non erano importanti. Non ti preoccupavi del peso della tua moto o cercavi guadagni di potenza. Abbiamo percorso questa strada ed è inarrestabile.”

Le biciclette stanno diventando sempre più aerodinamiche e quindi più veloci.