QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I talebani assediano Kabul: in corso trattative per un “pacifico trasferimento di potere” | I talebani avanzano in Afghanistan

AggiornareI talebani stanno fuori dai cancelli della capitale afghana, Kabul. Dicono di non voler essere vittime inutili e stanno negoziando con il governo una “transizione pacifica del potere”. Si diceva che il comando ordinasse ai combattenti di non entrare in città, ma in realtà lo fecero. Kabul era l’unica grande città non ancora sotto l’organizzazione estremista islamica. Diversi paesi, compresi gli Stati Uniti, stanno evacuando civili e diplomatici dalla città. C’è molta agitazione tra la popolazione locale: molti stanno ancora cercando di scappare o prelevare rapidamente denaro dalle banche.




La prima notizia dell’ingresso dei talebani a Kabul è arrivata questa mattina intorno alle 9:30 (ora belga). Poco dopo si è scoperto che non c’erano combattimenti. Né l’esercito afghano né i talebani intendono infliggere vittime civili non necessarie. I combattenti sarebbero presenti nei distretti di Kalkan, Karabakh e Bagman. Gli stessi talebani hanno affermato di aver ordinato a tutti i loro soldati di fermarsi “alle porte di Kabul”. Sono in corso trattative per garantire una transizione sicura senza mettere a repentaglio la vita, la proprietà o l’onore di nessuno.

A sua volta, il governo del presidente afghano Ashraf Ghani ha dichiarato su Twitter che, nonostante la sparatoria “intermittente”, non c’erano dubbi su un attacco alla capitale. Secondo Ghani, la situazione a Kabul è “sotto controllo”. La BBC ha citato il rapporto dicendo: “Le forze di sicurezza e di difesa del paese stanno lavorando con partner internazionali per garantire la sicurezza della città”.

Da allora la situazione è diventata poco chiara. All’interno del governo del presidente Ashraf Ghani, ci sono voci diverse sulla situazione. Ad esempio, il ministro dell’Interno ha affermato che il potere era già stato consegnato, ma poche ore dopo il ministro della Difesa ha affermato che nei prossimi giorni si svolgeranno in Qatar le trattative con i talebani. Gli stessi talebani hanno affermato che al palazzo presidenziale erano in corso trattative.

READ  Numero record di migranti attraverso la Manica verso il Regno Unito | all'estero

Un falco nero americano su Kabul. © AP

Diritti delle donne

Quando i talebani tornano al potere, dicono di voler formare un governo in cui tutti gli afghani siano ascoltati, non solo i loro sostenitori. Dicono anche di rispettare i diritti delle donne, di non prendere proprietà private e di accettare una qualche forma di libertà dei media. Questo è molto diverso da quanto avveniva durante il loro primo regno dal 1996 al 2001, ma è anche molto diverso da quanto già in atto in alcune delle aree precedentemente conquistate dai jihadisti. Lì, le donne venivano sottratte al lavoro e dovevano indossare il burqa. Ci sono già segnalazioni che Le impiegate di banca a Kabul sono state rimandate a casa mittente Gli è stato detto che solo i parenti maschi potevano subentrare nel loro lavoro.

Evacuazioni a Kabul

Molti paesi hanno deciso di accelerare l’evacuazione del personale delle loro ambasciate. La Svezia e gli Stati Uniti, tra gli altri paesi, stanno già agendo domenica e la Germania entrerà in azione lunedì.

Secondo il New York Times, gli elicotteri stanno volando dentro e fuori per evacuare diplomatici e personale il più rapidamente possibile. Enormi elicotteri Chinook ed elicotteri Black Hawk ad alta velocità sono stati schierati per trasportare le persone dalla postazione diplomatica. Una fonte informata ha detto al giornale che i dipendenti essenziali che avrebbero dovuto rimanere all’ambasciata saranno evacuati. Vengono portati all’aeroporto della capitale, dove rimangono a tempo indeterminato.

In quell’aeroporto si radunano soldati, diplomatici e civili di tutto il mondo. Secondo il giornale, riceveranno un braccialetto speciale se si qualificheranno per un volo di evacuazione. Fonti hanno detto alla CNN che gli Stati Uniti ritireranno tutto il personale dell’ambasciata entro 72 ore, inclusi diversi alti funzionari.

Lunghe code all'ambasciata iraniana per ottenere i visti.

Lunghe code all’ambasciata iraniana per ottenere i visti. © AP

Molti afghani non devono fare affidamento sull’evacuazione aerea. A causa del rapido assedio di Kabul, In città è scoppiato il caos. La gente vuole scappare e cercare di ottenere i propri soldi dalla banca. C’è anche una corsa alle agenzie per il rilascio dei visti. L’unica via d’uscita dalla città e dal paese è l’aeroporto di Kabul, che è ancora sotto il controllo del personale militare statunitense. Ci sono ingorghi in direzione dell’aeroporto. La gente lascia l’auto e cerca di raggiungere l’aeroporto a piedi.

mandibola dura

Le autorità locali hanno affermato che gli estremisti musulmani hanno catturato l’importante città di Jalalabad a est senza combattere all’inizio della giornata. Di conseguenza, i talebani controllavano anche le strade che collegavano il Paese al Pakistan.

“Attualmente non ci sono combattimenti a Jalalabad perché il governatore si è arreso ai talebani”, ha detto un funzionario locale all’agenzia di stampa Reuters. Consentire l’accesso ai talebani era l’unico modo per salvare vite civili.

Un negozio chiuso a Jalalabad dopo che i talebani hanno preso il controllo della città.

Un negozio chiuso a Jalalabad dopo che i talebani hanno preso il controllo della città. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

Sabato i talebani avevano già catturato la città settentrionale di Mazar-i-Sharif, capitale della provincia di Beluci e quarta città più grande del Paese. Le forze di sicurezza sono fuggite al confine con l’Uzbekistan. La caduta di Mazar-i-Sharif è vista come disastrosa per il governo afghano, che ha ormai in gran parte perso il controllo del nord del Paese. Il nord era una roccaforte degli oppositori talebani.

A causa della rapida avanzata, gli estremisti talebani hanno ottenuto molte armi e veicoli dall’esercito afghano. Sui social media i combattenti sfoggiano armi, spesso provenienti dagli Stati Uniti. Membri dell’intelligence Usa affermano che lo scenario della ricezione delle armi da parte dei talebani è stato considerato durante la consegna, proprio come lo Stato Islamico aveva già fatto in Iraq. Tuttavia, la velocità con cui stava accadendo sarebbe stato uno scenario apocalittico assoluto.


‘Le consultazioni vanno avanti’

Parlando questa mattina alla nazione, il presidente Ghani ha affermato che sono in corso colloqui per raggiungere rapidamente una soluzione politica che garantisca “pace e stabilità” in Afghanistan. Ha anche chiesto la rimobilitazione delle forze armate afgane. Secondo Ghani, all’interno del governo sono state avviate “consultazioni”, “in rapido movimento”, con funzionari politici locali e partner internazionali. Il presidente ha aggiunto: “Rimobilitare le nostre forze di sicurezza è la nostra priorità numero uno”.

Afgani in una via dello shopping dove molti proprietari hanno deciso di chiudere le loro attività.

Afgani in una via dello shopping dove molti proprietari hanno deciso di chiudere le loro attività. © AP

La NATO ha affermato che trovare una soluzione politica al conflitto in Afghanistan è “più urgente che mai” poiché i talebani si trovano alle porte della città di Kabul e sono pronti a prendere il potere.

“Sosteniamo gli sforzi degli afgani per trovare una soluzione politica al conflitto, che ora è più urgente che mai”, ha detto domenica all’AFP un funzionario dell’alleanza militare occidentale.

“Stiamo aiutando l’aeroporto di Kabul a continuare a operare in modo che l’Afghanistan rimanga collegato al resto del mondo”, ha detto il funzionario. Manteniamo anche la nostra presenza diplomatica a Kabul. La sicurezza dei nostri dipendenti è la nostra priorità assoluta e, se necessario, ci adatteremo alla situazione”.

Il fumo si alza durante gli scontri tra forze governative e combattenti talebani a Kandahar, nel sud-est del Paese.

Il fumo si alza durante gli scontri tra forze governative e combattenti talebani a Kandahar, nel sud-est del Paese. © AP

È stata catturata un’importante base aerea

I talebani hanno anche catturato la base aerea di Bagram alla periferia della capitale, Kabul, questo pomeriggio.

La base è stata la principale base aerea statunitense in Afghanistan per quasi vent’anni. Ci sono circa 10.000 soldati americani di stanza lì. I presidenti degli Stati Uniti George W. Bush, Barack Obama e Donald Trump hanno visitato la base durante la loro presidenza.

Gli americani hanno consegnato il complesso senza preavviso all’esercito del governo afghano all’inizio di luglio. Non hanno informato gli afghani in anticipo che se ne sarebbero andati. La base comprende una prigione che contiene circa 5.000 prigionieri. Fonti talebane affermano che i detenuti sono stati rilasciati.

Sempre più paesi evacuano il personale delle loro ambasciate dalla capitale afgana, Kabul, e i talebani occupano la seconda e la terza città più grande del paese

I belgi afghani si preoccupano per le loro famiglie in Afghanistan, mentre i talebani acquistano sempre più forza: “Non puoi nemmeno ridere ad alta voce”