QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I tifosi di Anversa sognano Alderweireld: ‘Non si sa mai nel calcio’ | Tempo supplementare 9 maggio

I tempi supplementari sono stati in grado di attirare il Red Devil Toby Alderweireld come ospite, dopo la fine della competizione nazionale. Il difensore 33enne ha parlato principalmente del Qatar – sportivo e non sportivo – e di Anversa, parlando ieri in tribuna con il ds Marc Overmars. I fan stanno già sognando. “Nel calcio non si sa mai”, il difensore 33enne non si butta in porta.

Alderweireld si è trasferito in Qatar la scorsa estate dopo 7 anni difficili in Premier League inglese con Southampton e Tottenham, e ha vinto la Coppa Emir, la coppa più importante del Qatar, con Al Duhail, ed è arrivato secondo in campionato.

“Abbiamo fatto una buona stagione e sono felice di tornare in Belgio per un po’. Di recente siamo diventati la prima squadra del nostro girone di Champions League, ma il prossimo turno sarà solo a febbraio. Questo ha a che fare con la Coppa del Mondo.”

Nessuno ha visto le partite di Alderweireld. “Questo è particolarmente strano per i miei genitori, che mi hanno sempre seguito”.

Gli viene spesso posta la domanda, ma come ha testato il livello della concorrenza del Qatar? “Non è un campionato premium e non è migliore del Belgio, anche se non posso fare confronti, perché non ho mai giocato in Belgio. Ma il livello è buono, la competizione ha fatto dei passi avanti”.

Soddisfatto Alderweireld: “Ho preso la decisione giusta. La famiglia è stata la ragione principale. A causa del Tottenham in Premier League e di tante partite sono stato spesso fuori casa. È ora di pensare alla famiglia, ho due bambini piccoli”.

READ  L'appendice estiva è confusa? Van Airt "non sarà in grado di ruotare così intensamente per 2 o 3 settimane" | Ciclismo

“Sono un tifoso di calcio ad Anversa”

Alderweireld è venuto ieri all’Anversa-Anderlecht e il modo in cui i tifosi hanno vissuto quella partita è stato un momento di tempo supplementare: “Sul 4-0 dietro di te vedrai stadi vuoti, ma i tifosi sono rimasti dietro la squadra qui. Adoro il club”.

“Dopo mesi di notizie negative dai fan in Belgio, ma anche in Europa, vedi che si può fare così. Sostieni il tuo club nei momenti difficili. Facciamolo così. Questo è un buon esempio”.

Alderweireld è visto sugli spalti mentre parla con Marc Overmars, direttore sportivo di Anversa. Di che si trattava? “È l’allenatore che mi ha permesso di trasferirmi dall’Ajax all’Atlético Madrid. In realtà è stato una specie di ringraziamento”.

“All’Ajax va sempre bene, non esci mai gratis. Siamo stati campioni 3 volte di seguito e poi il club ti dà anche il tuo trasferimento e ti aiuta in questo. Diamo anche all’Ajax una quota per il trasferimento. Noi non dimenticherò mai una cosa del genere. Overmars era di prim’ordine in questo. Ci hai aiutato, ora noi aiuteremo te. “

Questa conversazione fa sognare i fan dell’Anversa che Aldroerd potrebbe venire a giocare per l’Anversa. Qual è il suo messaggio ai fan? “Nel calcio non si sa mai”, non chiude la porta.

“Lo capisco anch’io. Vengo da Germinal Ekeren, sono stato nelle giovanili del Germinal Beerschot. Ma sono solo un tifoso di calcio di Anversa, non posso nasconderlo. Lo sanno tutti che vengo da Antwerper e la città è nel mio cuore.”

“È un peccato che Berchot fallisca, ma è anche un piacere vedere Anversa fare i passi che stanno facendo. È un gigante addormentato, anche se lo diciamo da 20 anni. Ma ora stanno facendo progressi. Lui non “non russare ogni tanto. È fantastico, perché una città così bella merita un club che competa per i migliori prezzi”.

Sono felice di vedere Anversa fare i passi che sta compiendo.

Toby Aldwild

“Non vedo l’ora che arrivi il Mondiale: mi sento di nuovo 24enne!”

Le ultime parole della trasmissione sono state ancora una volta di Alderworld e di nuovo con il Qatar come tema. È pronto per il Mondiale? “Sì, ora non vedo l’ora!”

“Sono più in forma di un anno fa e sono anche più sveglio. Dopo 7 anni intensi in Premier League, mi sono preso il tempo per lavorare sui miei punti dolenti. Mi sento in salute, mi sento di nuovo a 24 anni. “

“Ora ho riacquistato completamente l’entusiasmo che avevo perso. So anche cosa serve per essere/rimanere/mettersi in forma. La mia scelta è stata per un traino migliore del 100% del previsto.”

Si è discusso brevemente anche della situazione dei lavoratori stranieri, che lavorano duramente alle infrastrutture dei Mondiali e le cui condizioni di lavoro sono oggetto di dure critiche. “So di essere una persona eccezionale. Ma i lavoratori con cui parlo sono grati. Non hanno lavoro nelle Filippine o in India, ad esempio, sono contenti dei soldi per aiutare le loro famiglie. La mia esperienza non significa, ovviamente , che questi problemi non esistono”.