QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il gruppo di Wagner si sta trasferendo in Bielorussia, sono già arrivati ​​più di 2.000 mercenari

Il gruppo di Wagner si sta trasferendo in Bielorussia, sono già arrivati ​​più di 2.000 mercenari

Dopo quasi un mese di rivolta di Wagner contro la leadership dell’esercito russo, il trasferimento di Wagner in Bielorussia è in pieno svolgimento. Più di 2.000 mercenari sono già arrivati ​​nel Paese. Ma non è ancora chiaro esattamente quale ruolo otterranno.

Bert Lanting

Arrivano i mercenari Fa parte di un compromesso in cui il presidente bielorusso Lukashenko ha offerto al Cremlino ea Wagner una via d’uscita dalla situazione esplosiva sulla scia della rivolta armata dei mercenari. In cambio di garanzie di sicurezza da parte del Cremlino, andranno in esilio in Bielorussia.

All’inizio di questa settimana, il capo di Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha accolto i suoi uomini in un campo vicino a Osipovichi, che la Bielorussia aveva preparato per Wagner. Abbiamo combattuto con dignità. Abbiamo fatto molto per la Russia”. Ma ha detto che Wagner non intende combattere di nuovo in Ucraina per il momento. “Quello che sta accadendo al fronte è un peccato a cui non prenderemo parte”, ha detto.

All’inizio di questa settimana, Wagner ha chiuso la sua base a Molkino, nel sud della Russia, dove l’esercito mercenario condivideva un centro di addestramento con il servizio di sicurezza militare russo, il GRU.

Secondo il sito web dell’opposizione la scorsa settimana Hayun bielorusso Sono già arrivati ​​più di duemila membri di Wagner. Ma sul canale Telegram di Wagner Razgroezka Wagnera (“discarica di Wagner”), un comandante mercenario ha annunciato che un totale di circa diecimila combattenti sarebbero arrivati ​​in Bielorussia.

Mercenari dei campi di concentramento

Questi sono quasi esclusivamente mercenari professionisti. Secondo il sito russo indipendente Asturi mi ha vinto (“Storie importanti”), Wagner decide di riportare tutti gli ex prigionieri che ha reclutato nei campi penali. Si dice che centinaia di loro abbiano soggiornato in hotel nella città meridionale di Anapa, in attesa dei loro stipendi e della promessa di grazia per le loro condanne. Si dice che un totale di 49.000 ex prigionieri abbiano combattuto con Wagner in Ucraina, ma una parte significativa di loro morì o fu ferita nella battaglia di Bashmuyt.

Il leader di Wagner Yevgeny Prigozhin scatta un selfie nella città russa di Rostov sul Don durante l’insurrezione di fine giugno.foto di A.P

I primi combattenti Wagner hanno già iniziato a lavorare in Bielorussia per addestrare i soldati bielorussi in modo che possano imparare dalla loro esperienza di combattimento. Nel suo discorso di benvenuto, Prigozhin si è vantato che avrebbero reso l’esercito bielorusso “il secondo migliore al mondo” (dopo Wagner, ovviamente). Ha anche confermato che Wagner avrebbe difeso la Bielorussia se il paese fosse stato attaccato. (In questo caso, la Bielorussia ha già la garanzia che Mosca fornirà assistenza militare al Paese.)

Se ci fossero davvero quasi diecimila combattenti Wagner in cerca di asilo in Bielorussia, ciò solleva la questione di cosa farebbero lì. L’esercito bielorusso non è molto grande (più di 60.000 uomini sulla carta), e anche se si aggiunge la Forza di difesa territoriale (120.000 uomini), 10.000 istruttori sembrano tanti.

La guardia del corpo di Lukashenko

Si ipotizza nei circoli dell’opposizione bielorussa che Lukashenko potrebbe voler usare i militanti della linea dura di Prigozhin come guardia del corpo per proteggerlo nel caso in cui la popolazione si ribellasse nuovamente contro il suo governo, come nel 2020. Ma se è così, Lukashenko sta scegliendo una strategia rischiosa: con la sua ribellione contro la leadership militare russa, Prigozhin ha dimostrato di essere un partner pericoloso e imprevedibile.

E Andrei Kartapolov, presidente della commissione per la difesa del parlamento russo, ha suggerito che Mosca potrebbe usare Wagner per prendere il passo Suwalki lungo il confine polacco-lituano, se necessario. Ciò isolerebbe gli Stati baltici dalla regione della NATO e creerebbe un corridoio tra la Bielorussia e l’exclave russa a Kaliningrad.

Gli esperti militari considerano il rischio minimo, soprattutto perché Wagner ha dovuto consegnare tutte le sue armi pesanti all’esercito russo quando ha lasciato l’Ucraina. È anche discutibile se Lukashenko coopererà, dal momento che il suo paese entrerà in conflitto diretto con la NATO.

I vicini sono nervosi

Tuttavia, l’arrivo dell’esercito mercenario in Bielorussia sta allarmando i paesi vicini. Nel frattempo, la Polonia ha rafforzato i suoi confini con la Bielorussia. Anche la Lituania ha aumentato la vigilanza, mentre la Lettonia è preoccupata per possibili provocazioni di Wagner nella provincia di Litgalen, dove vivono molti russi. Anche l’Ucraina si sente in dovere di prendere misure. Per impedire una nuova invasione dalla Bielorussia, è già impegnata a creare ulteriori campi minati e trincee lungo il confine settentrionale.

Per ora, Wagner sembra voler utilizzare la Bielorussia come hub per nuove operazioni in Africa, fornendo supporto militare ai regimi di diversi paesi in cambio di lucrosi contratti. Un problema è che Prigozhin non può più contare su armi e mezzi di trasporto del Ministero della Difesa russo in questo momento.

Il Cremlino vorrebbe continuare queste attività, ma senza Prigozhin. L’unica domanda è quanto controllo ha Mosca su Wagner, che al momento dalla Bielorussia continua felicemente a sparare tra le fila dell’esercito russo.

READ  L'Inghilterra vieta le posate di plastica: "Questo è prendere uno straccio invece di chiudere il rubinetto" | All'estero