QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il primo ministro danese Frederiksen subisce una “sconfitta storica” ​​in…

Sebbene il partito del primo ministro socialdemocratico Mette Frederiksen, 43 anni, rimanga il partito più forte del paese con poco meno del 28%, la sua popolarità sta calando nelle grandi città. La sua rigida politica di immigrazione e integrazione non è molto apprezzata.

La scelta di intraprendere un percorso conservatore, che il primo ministro Mette Frederiksen ha vinto alle elezioni parlamentari del 2019, sta tornando come un rimbalzo. Il quotidiano tedesco ha scritto che gli elettori avevano improvvisamente voltato le spalle al suo Partito socialdemocratico quotidiano sud-tedesco. A Copenaghen il suo partito ha subito una “sconfitta storica”. quotidiano danese Berlingsky Descrive il calo di quasi 4 punti percentuali come uno “schiaffo in faccia” per i socialdemocratici. Sebbene Frederiksen, secondo la radio pubblica danese, “sperimenti la peggiore crisi” durante il suo mandato, il partito al governo rimane il più forte del paese con solo il 28%.

Il più grande perdente nelle elezioni locali è stato il Partito popolare danese (DF) di destra populista. Ha perso metà dei suoi elettori, passando dall’8,7 per cento al 4,1 per cento. Quel numero è sceso al di sotto del 5% per la prima volta in 20 anni. Punto basso per un partito che ha ottenuto un record di voti alle elezioni europee del 2014 con il 26,6 per cento. Lo scettico partito dell’UE ha svolto a lungo un ruolo importante sulla scena politica danese, ma negli ultimi anni ha affrontato una crisi, ricevendo solo l’8,7 per cento dei voti alle elezioni parlamentari del 2019, rispetto al 21,1 per cento di quattro anni fa. Il leader Christian Tholsen Dahl non è in grado di invertire la rotta e ha annunciato mercoledì che si dimetterà da capo del partito al prossimo congresso del partito. Dahl è succeduto alla leader di estrema destra Pia Kiersgaard nel 2012.

READ  La principessa Latifa torna in scena mesi dopo Proprietà

Il primo sindaco tedesco

La scomparsa del partito è attribuita, tra l’altro, al difficile percorso intrapreso dal governo socialdemocratico del primo ministro Mette Frederiksen. In tema di immigrazione. Ma anche l’ascesa del nuovo partito neoconservatore populista di destra gioca un ruolo: martedì ha vinto il 3,6% dei voti, rispetto allo 0,9% di quattro anni fa. Anche il Partito popolare conservatore è salito bruscamente al 15,2 per cento.

Un altro notevole vincitore è arrivato dal comune di Tonder, al confine con la Germania. Lì, il 58enne Jürgen Pope Petersen è diventato il primo sindaco tedesco della Danimarca.