QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il rapporto stretto tra Charles Michel e Zelenskyj: dall’ammirazione alla delusione

Il rapporto stretto tra Charles Michel e Zelenskyj: dall’ammirazione alla delusione

Charles Michel chiede maggiore sostegno per il suo “amico personale” Volodymyr Zelenskyj e per l’Ucraina. In tal modo, si trova ad affrontare i limiti del suo mandato di presidente del Consiglio europeo e di Ursula von der Leyen.

In piazza Schuman a Bruxelles, all’11° piano del Palazzo Europa, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si godono una lunga cena. Quella sera del 2020 si uniranno anche i due soci. Per la prima volta Michel e Zelenskyj possono parlare a lungo in un’atmosfera rilassata, poiché prima avevano solo brevi contatti ufficiali. L’ex primo ministro belga è rimasto piacevolmente sorpreso: a differenza del suo predecessore Petro Poroshenko, Zelenskyj menziona per nome la corruzione e il potere oligarchico nel suo paese. Questo ispira fiducia in Michelle e presto si sviluppa uno stretto legame tra i due.

Quando Michel si sposerà nell’estate del 2021, non andrà in vacanza con la moglie, ma prenderà un aereo per Kiev. Essendo quasi l’unico leader in Europa occidentale, Michel parteciperà alla prima edizione della piattaforma di Crimea. Il presidente ucraino lo apprezza, perché per i suoi servizi eccezionali all’Ucraina, Zelenskyj gli ha conferito l’Ordine del principe Yaroslav il Saggio.

Michel a quel tempo lavorava già in Ucraina da qualche tempo. In qualità di intermediario, trasmetteva regolarmente i messaggi di Zelenskyj al presidente russo Vladimir Putin. Ha chiesto anche a papa Francesco, durante una visita in Vaticano, di mediare tra Kiev e Mosca. Quando Zelenskyj e Michel andarono in prima linea nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, nel 2021, quest’ultimo espresse grande ammirazione per gli eventi. “Siamo nel continente europeo e c’è una guerra. Questo è un fatto vergognoso”, ha detto.

Le tensioni tra Michel e von der Leyen non sono scomparse.

Attraverso tutti questi incontri, Michel gradualmente arrivò a considerare Zelenskyj come un amico personale che ammirava. La responsabilità che il capo di Stato ucraino porta ogni giorno per la vita e la morte dei suoi cittadini è diversa da quella di Michel dopo gli attentati del marzo 2016. “È molto coraggioso”, ha detto il leader europeo in Ucraina la settimana scorsa. Zelenskij. Il loro stretto legame spiega anche perché Michel gli ha offerto l’evacuazione da Kiev una volta prima dell’invasione russa e due volte dopo; la terza volta, Zelenskyj ha gentilmente informato Michel che poteva fermarsi.

Una visita a Putin

Michel è presidente del Consiglio europeo ormai da quattro anni e tra un anno il suo mandato scadrà per sempre. “Ciò che mi dispiace di più è che non siamo riusciti a impedire alla Russia di attaccare l’Ucraina. Le conseguenze sono terribili”, ha detto Michel al settimanale tedesco all’inizio di ottobre. Der SpiegelGli è stato chiesto del suo più grande fallimento in carica. Pertanto, Michel deve prendere in mano la situazione. Durante una visita del presidente russo nel febbraio 2018, l’allora primo ministro belga condannò l’occupazione della Crimea e dell’Ucraina orientale, ma esplorò anche le modalità per approfondire le relazioni commerciali belga-russe che non fossero coperte da sanzioni economiche. Knack ha appreso che durante la conversazione sono stati ampiamente discussi il commercio di diamanti tra Anversa e la Russia, il ruolo del gruppo belga di infrastrutture energetiche Fluxys nella fornitura di gas russo e la società siderurgica vallone russa NLMK a La Louviere. Oggi queste relazioni sono sotto un intenso fuoco.

READ  Ex presidente del parlamento britannico condannato per bullismo

Inoltre, nelle prime ore del 24 febbraio 2022, Michel, come molti altri leader europei, è rimasto sbalordito quando i carri armati russi si sono spostati verso Kiev, nonostante gli intensi avvertimenti sia del Regno Unito che degli Stati Uniti. Quando più di 120.000 soldati russi furono ammassati al confine russo-ucraino all’inizio di febbraio, Michel rimase convinto che le sue telefonate con Putin avrebbero impedito l’attacco. Questo si è rivelato un errore e Michelle ha dovuto ammetterlo lo stesso giorno. “C’erano già segnali che la situazione sul terreno si stava deteriorando in modo significativo, ma non sapevamo che un atto così aggressivo, un’invasione su larga scala dell’Ucraina, sarebbe avvenuto”, ha detto Michel un po’ scosso al quartier generale della NATO a Yver. .

Summit europeo, febbraio. Lo stratagemma di Michelle ha creato false aspettative. ©Getty

Questione di ego

Oggi i politici occidentali fanno a gara per scattare una foto, stringere la mano o abbracciare Zelenskyj. Anche Michel non è sensibile a questo. Alla vigilia del vertice europeo di febbraio di quest’anno, molti Stati membri avevano appena promesso di fornire nuove armi all’Ucraina ed erano ancora impegnati a negoziare un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Tuttavia, ha invitato Michel Zelensky a Bruxelles, creando aspettative che gli Stati membri in quel momento non potevano e non volevano soddisfare – e il presidente del Consiglio europeo di solito dovrebbe tenerne conto. Secondo alcuni diplomatici europei erano con loro talento Quando Michel ha parlato è stato soprattutto per compiere un gesto personale. Circa due settimane fa, la sua presenza a Kiev è stata messa in ombra da quella della presidente della Commissione Ursula von der Leyen, che si è recata nella capitale ucraina con tutta la sua squadra. I diplomatici hanno detto che Michel ha trovato questo difficile da sopportare e hanno invitato Zelenskyj al vertice europeo di Bruxelles come risarcimento.

Questa non è stata l’ultima volta che Michel e von der Leyen hanno fatto dell’Ucraina l’oggetto della loro disputa. Negli ultimi mesi Michel è stato un fervente sostenitore dell’adesione dell’Ucraina all’Unione europea – e su questo punto è pienamente d’accordo con il tedesco. Ma alla fine di agosto, nella città slovena di Bled, Michel ha messo sul tavolo il 2030 come data obiettivo per l’adesione dell’Ucraina. Per allora, ha detto Michel, sia l’UE che l’Ucraina potrebbero essere pronte rispettivamente per l’allargamento e l’adesione. Il messaggio è stato accolto con entusiasmo a Kiev, ma al 13° piano del palazzo Berlaymont, dove si trova l’ufficio di von der Leyen, la risposta è stata molto meno entusiasta. In primo luogo, Michel non ha informato von der Leyen in anticipo del suo nuovo calendario e, in secondo luogo, la Commissione ritiene che la data obiettivo sia soggetta alle condizioni di adesione che l’Ucraina deve soddisfare.

READ  Vittime e gravi danni causati dalle piogge torrenziali a Cuba | al di fuori

(Maggiori informazioni sotto l’anteprima)

Dieci mesi dopo, le tensioni tra i due paesi sull’Ucraina non sono scomparse. A metà dicembre i leader europei valuteranno se possano iniziare i negoziati di adesione con l’Ucraina. Hanno anche discusso del sostegno che l’Unione intende fornire all’Ucraina nei prossimi quattro anni: la Commissione ha proposto 50 miliardi di dollari in sovvenzioni, prestiti e garanzie. Si tratta di due questioni molto difficili per l’Europa e l’Ucraina, e sono due questioni che Michel spera di risolvere in un colpo solo durante il vertice europeo. Ma secondo Michel la von der Leyen sta lavorando al problema. Sebbene all’inizio di novembre avesse consigliato agli Stati membri di avviare i negoziati con l’Ucraina, von der Leyen ha anche promesso di condurre una nuova valutazione nella primavera del 2024. Secondo Michel, la prospettiva di una nuova valutazione offre agli Stati membri un ottimo pretesto per fare la loro decisione a lungo termine, e non sorprende che anche in Ucraina condividano questa opinione.

In pratica, Michel ha poco controllo sulla produzione di munizioni.

Stanco della guerra

Con l’avvicinarsi della data del vertice europeo, Michel la settimana scorsa si è recato a Kiev per incontrare Zelenskyj, il quinto incontro in Ucraina dall’inizio dell’invasione. Michel non aveva in tasca altro che parole ambiziose. Farò del mio meglio per convincere i miei 27 colleghi che abbiamo bisogno di una decisione positiva a dicembre. Sosterremo l’Ucraina finché sarà necessario. Ripeto: finché sarà necessario! Ma in Ucraina la gente è ormai completamente stufa di quest’ultima frase. La consegna delle armi promesse spesso richiede troppo tempo e di conseguenza muoiono più soldati ucraini del necessario, è la tesi di Kiev. Proprio per questo motivo l’ambasciatore europeo in Ucraina ha smesso di usare la frase di Michel. “Vi sosterremo finché l’Ucraina non vincerà”. Lo ha detto lo slovacco la settimana scorsa, in occasione del decimo anniversario delle proteste di Maidan a Kiev.

Kiev la settimana scorsa.  In Ucraina sono stanchi degli slogan.
Kiev la settimana scorsa. In Ucraina sono stanchi degli slogan. ©Getty

Ma Michel e l’ambasciatore slovacco presso l’UE rischiano di creare false aspettative, perché negli Stati membri cresce la stanchezza per la guerra. Il primo ministro italiano lo ha detto ai burloni russi Georgia Meloni E che “tutti gradualmente si rendono conto che c’è bisogno di una via d’uscita”. Infine, l’UE non sarà in grado di consegnare in tempo all’Ucraina il milione di munizioni per artiglieria promesso, proprio mentre le forniture ucraine stanno rapidamente diminuendo. “Dobbiamo produrre più velocemente e di più”, ha detto Michel la settimana scorsa a Kiev, anche se nella sua posizione ha poco controllo su questo. Questo è bastato a Mosca per intimidire Michel: “Sarebbe meglio per lui chiedere scusa a Kiev per tutte le promesse che l’Unione europea non ha mantenuto”, ha detto l’agenzia statale russa TASS.

READ  Coppia di neonati uccisa in un parco safari durante la luna di miele da terroristi legati all'Isis | al di fuori

Amputazione

Poi c’è il primo ministro ungherese Viktor Orban, che minaccia di porre il veto al vertice europeo se prima non si terrà una discussione strategica sulla politica europea in Ucraina. Solo allora, ha scritto due settimane fa in una lettera trapelata a Michel, avrebbe potuto accettare il sostegno finanziario e i negoziati di espansione. Probabilmente il veto di Orbán aveva lo scopo principale di trasferire i miliardi ungheresi sotto embargo su conti europei. Tuttavia, molti Stati membri considerano i commenti di Orbán più rilevanti di quanto sia stato pubblicamente riconosciuto. Siamo in grado, individualmente e collettivamente, di fornire garanzie di sicurezza all’Ucraina, soprattutto se ci sarà un cambio di potere a Washington all’inizio del prossimo anno? Come può l’Unione evitare che i negoziati con l’Ucraina entrino in una fase di stagnazione, come è avvenuto con la Turchia più di quindici anni fa?

Sono domande che diventano sempre più forti. La somma record di quasi 100 miliardi di euro che la Russia destinerà alla sua difesa l’anno prossimo è un segnale che Putin è disposto a sacrificare molte vite russe. Michel chiede agli Stati membri di non cedere alle pressioni di Putin, ma lì questo messaggio trova sempre meno risonanza. Inoltre, il fatto che spetti solo all’Ucraina decidere del proprio futuro, come spesso affermano Michel e altri, non costituisce una rappresentazione corretta dei fatti. “Tutto indica che prima o poi andremo verso una brutta soluzione tra Russia e Ucraina”, dice un alto diplomatico. Ha aggiunto: “Per il bene del futuro dell’Ucraina, l’adesione alla NATO e all’UE devono essere parte di questo accordo. A volte devi amputare parte del tuo corpo per continuare a vivere, anche se comprendiamo che questo è molto difficile per Zelenskyj”.

Quando Michel ha attraversato la passerella sull’aereo del governo belga dopo il suo incontro con Putin nel 2018, un’orchestra di fiati russa ha suonato in modo appropriato in mezzo alla neve che scorreva. Tombe la neige di Salvatore Adamo, in cui il cantante italo-belga canta la solitudine dopo una relazione fallita. Se Michel non riuscirà a convincere gli Stati membri europei entro metà dicembre, anche Zelenskyj rimarrà deluso almeno per un po’ di tempo.