QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il virus dell’influenza aviaria può entrare in casa attraverso la presa d’aria

Particelle grossolane e insetti possono entrare nell’aria nelle prese d’aria degli allevamenti di pollame. Questi possono essere infettati dall’influenza aviaria o da altri agenti patogeni. Questo è emerso da una ricerca di Wageningen Bioveterinary Research (WBVR) e dell’Università di Utrecht.

“Anche se nella nostra ricerca non abbiamo trovato un virus dell’influenza aviaria, consigliamo agli allevatori di pollame di adottare ulteriori misure per ridurre il potenziale rischio di questa via di introduzione attraverso una presa d’aria”, afferma Armin Elbers, ricercatore del WBVR. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare l’efficacia delle varie misure.

In due allevamenti recentemente infetti, un allevamento di polli da carne e un allevamento di galline ovaiole, dopo l’abbattimento e diversi cicli di pulizia e disinfezione, WBVR ha posizionato una cappa di ventilazione sopra la valvola di ingresso a diciotto prese d’aria per capannone. Ad esso è anche attaccata una rete a maglie fini. La ventilazione è stata attivata come se il pollame fosse presente.

La rete sottile raccoglieva piume di uccelli selvatici, materia vegetale, ragnatele, plastica, lana e materiali letame. Inoltre, WBVR ha installato un sistema di monitoraggio tramite videocamera. Questo record di visite di uccelli selvatici vicino alla stalla.

reti a maglia fine

Il contenuto delle reti fini è stato raccolto ogni cinque giorni da gennaio a marzo 2022 in entrambi gli allevamenti avicoli per un periodo di 25 giorni. Anche la maglia fine è stata pulita con uno spolverino. Il materiale in arrivo, lo spolverino e gli insetti catturati sono stati testati per virus influenzali, campylobacter e salmonella. Gli insetti sono stati testati anche per i virus Schmallenberg, West Nile e Usutu.

READ  Quanto può costare un paziente covid? Mezzo milione?

I ricercatori hanno trovato piccole quantità di materiale nelle reti. Questi variavano da piccoli pezzi di piante e/o materiali colturali, pezzi di plastica e carta, a lana e ragnatele. Non sono state osservate piume o escrementi di uccelli selvatici. Ragnatele e materiale vegetale sono stati osservati più comunemente, con una media di circa una o due ragnatele o materiale vegetale per presa d’aria per periodo di raccolta di cinque giorni.

Tuttavia, la differenza nella quantità di materiale che entrava attraverso le diverse prese d’aria era significativa. Durante la tempesta occasionale con forti venti, grandi quantità di materiale possono entrare nella casa attraverso le prese d’aria sul lato sottovento.

Nessun virus rilevato

Tutti i campioni dei soggetti testati sono risultati negativi in ​​un test PCR per il virus dell’influenza e la salmonella. Gli insetti sono risultati negativi ai virus Schmallenberg, West Nile e Osoto. Si trovano prove dell’introduzione di Campylobacter attraverso l’aria. L’area a meno di 10 metri dai pollai era regolarmente visitata da uccelli selvatici come il merlo, la cornacchia nera, il gabbiano nero, la beccaccia di mare e il germano reale.

La ricerca indica che le particelle grossolane e gli insetti, che possono essere infettati dall’influenza aviaria o da altri agenti patogeni, possono entrare nelle prese d’aria del pollame insieme all’aria. “È quindi prudente limitare questo potenziale percorso alla sottomissione”, afferma il ricercatore WBVR Armin Elbers.

Restrizione del percorso in primo piano

Tuttavia, secondo Elbers, sono necessarie ulteriori ricerche per capire come farlo correttamente. “L’utilizzo di una rete frangivento può contribuire a limitare questo percorso di ingresso”. Sa anche di un’azienda che ha installato frangivento alcuni anni fa dopo essere stata colpita dall’influenza aviaria.

READ  St Jansdal utilizza la nuova scansione PET/TC

Quell’azienda ora è stata nuovamente infettata, probabilmente dall’aria fornita attraverso la presa d’aria. Pertanto, la rete frangivento non è una panacea. Elbers ritiene che l’utilizzo di laser robotici sia una buona alternativa. “Questo rende l’area intorno al pollaio poco attraente per la visita degli uccelli selvatici”.