QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

In Italia la legge determina quando la stufa può essere azionata

Iceberg alla fontana di Nayton a Roma.Campo Massimo Percosy / EPA

L’estate qui è finita a fine settembre, quando non potevo immaginare le temperature a Roma che scendevano sempre sotto i 30 gradi. A metà ottobre è arrivato il momento inevitabile in cui ho sentito per la prima volta il bisogno di aprire il radiatore.

Era semplicemente troppo presto perché era solo desiderio, un paio di calzini in più e un maglione. In Italia l’accensione del riscaldamento è determinata dalla legge. Il Paese è diviso in sei ‘zone climatiche’, ciascuna con una propria data di inizio e fine e un numero massimo di ore giornaliere.

Roma rientra in Zona D: Dal 1 novembre al 15 aprile il caldo può durare per più di dodici ore al giorno. Inoltre, non accendere il riscaldamento tra le 23:00 e le 5:00 e la temperatura in casa non deve superare i 20 gradi.

Non c’è limite alle fredde montagne del nord, altrimenti anche i residenti di Milano e Torino dovranno fare gli orari previsti dalla legge, anche se sono concessi quattordici ore al giorno e possono iniziare già da due settimane.

Ora ho molto freddo e sono pronto a spiegare la legge in modo creativo in questa materia, ma come molte case italiane questa non è un’opzione nel mio appartamento: c’è una caldaia in comune nell’edificio, che si riscalda dal 15 aprile. E il 1 novembre è semplicemente disabilitato.

Fori Imperiali a Roma.  Campo Angelo Carconi/EPA

Fori Imperiali a Roma.Statua Angelo Carconi / EPA

“Deciderà il governo italiano quando si può accendere il riscaldamento?” Un’amica olandese mi ha scritto e anche lei è rimasta scioccata quando ha avuto il vento della legge.

READ  Coronablock - L'Italia richiede la vaccinazione alle persone di età superiore ai 50 anni, numero di casi registrati nel nostro Paese

Questo è davvero un risultato significativo dell’intervento del governo, che è in parte dovuto alle preoccupazioni ambientali e al grave inquinamento atmosferico, ma le risorse energetiche in Italia sono sempre state costose e scarse. Oltre alla crisi climatica, ci sono tutti i tipi di ragioni per rifiutare il calore.

Indignazione nazionale per il freddo

Tuttavia, non è la tendenza naturale della maggior parte degli italiani avere uno sfogo nazionale a sangue freddo di alcun tipo. Questo è evidente dal loro odio per i capelli bagnati e soprattutto – Dio non voglia – uscire con i capelli bagnati. ‘Poi muori’, disse brevemente un amico italiano (‘Ti viene il raffreddore e la polmonite va e viene’ è una versione estesa).

Anche alla luce di questo concetto alquanto drammatico di freddo, comprendo la legge del caldo. Ma funzionerà? I miei conoscenti con la propria caldaia non erano a conoscenza della sua esistenza. Gli hotel scaldano i fornelli e nessuno nella mia zona ha mai sentito parlare di multe per il riscaldamento – o l’aria condizionata, che per legge non possono scendere sotto i 26 gradi.

Nel frattempo, i compagni stranieri che lavorano da casa stanno negoziando con i vicini sui gruppi WhatsApp su come far funzionare la caldaia e come dividere le dodici ore. L’Italia non è ancora pronta per lavorare da casa, quindi per lo più è solo mattina presto e sera. Coloro che rimangono a casa al freddo durante il giorno dovrebbero rifugiarsi in stufe elettriche e coperte come gli anziani in pensione.

Per fortuna la caldaia del mio palazzo ha un orario di apertura lungo, che di solito è sufficiente anche per chi ha il sangue freddo come me. Inoltre, la legge sul riscaldamento realizza ciò che pensavo sarebbe stato impossibile entro la fine di settembre: avevo già cominciato a desiderare cautamente il caldo stagnante dell’estate romana.