QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Israele abbassa a 50 anni l’età del vaccino di richiamo | interni

Giovedì sera, il governo israeliano ha ridotto a cinquant’anni il limite di età per una terza dose del vaccino Corona dei produttori Pfizer BioN Tech. Il Paese sta vivendo una nuova ondata di contagi a causa della variante delta.




Due settimane fa, Israele ha ricevuto una terza iniezione per tutti gli ultrasessantenni. Non ha aspettato il parere della FDA su questo argomento. In generale, Israele segue le raccomandazioni della Food and Drug Administration.

Il ministero della Sanità ha affermato che più di 770.000 israeliani hanno già ricevuto una terza dose del vaccino. Il primo ministro Naftali Bennett ha poi annunciato che l’età minima per la terza dose sarebbe stata abbassata a 50 anni.

“La campagna per vaccinare la popolazione dai 60 anni in su è un enorme successo. È un passo importante nella lotta contro la variabile delta. Invito tutti a fare la fila per ottenere la vaccinazione da domani mattina”, ha detto. Una giuria di esperti ha approvato la decisione.

Israele è stato uno dei primi paesi a lanciare un’importante campagna di vaccinazione a metà dicembre. Ha stretto un accordo con Pfizer, che ha fornito rapidamente milioni di dosi in cambio di dati sugli effetti del vaccino e sulla sua efficacia sulla popolazione.

Grazie alla campagna, il numero di contagi è diminuito drasticamente. Ma nelle ultime settimane c’è stato di nuovo un aumento, dovuto alla prevalenza della variante delta tra gli adulti non vaccinati, ma anche tra le persone che sono state vaccinate più di sei mesi fa.