QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La distribuzione degli uccelli acquatici selvatici è un buon indicatore del rischio di influenza aviaria

Nelle aree in cui ci sono molti cigni, cigni silenziosi e oche del Brent, il rischio di focolai di influenza aviaria è maggiore. Questi dati possono aiutare a prevedere il rischio di diffusione dell’influenza aviaria negli allevamenti di pollame. Questa la conclusione della ricerca di dottorato condotta da Yannick Schroeder della Wageningen University and Research in collaborazione con l’Università di Utrecht e Sovon Vogelonderzoek.

Come parte della sua ricerca di dottorato, Schroeder ha studiato i fattori ambientali di 26 focolai (punti blu sulla mappa) con influenza aviaria ad alta patogenicità negli allevamenti di pollame olandesi, con alcuni allevamenti colpiti più volte da focolai. Questi fattori sono stati confrontati intorno a 104 allevamenti non infetti (punti bianchi).

Il rischio di contrarre l’influenza aviaria è maggiore nelle zone rosse © Eigen Foto

Il ricercatore ha utilizzato il “machine learning” per analizzare gli indicatori predittivi dei focolai di influenza aviaria. La densità degli uccelli selvatici si è rivelata il miglior indicatore predittivo. Gli uccelli selvatici includevano diciannove dei venti più alti indicatori di rischio di influenza aviaria. Di questi, diciassette erano uccelli acquatici e rapaci. Oltre agli uccelli selvatici, una caratteristica del paesaggio, l’uso agricolo, ha contribuito alla previsione dell’influenza aviaria negli allevamenti di pollame.

Il germano reale è importante

Tra gli uccelli acquatici, la presenza e il numero di anatroccoli e cigni reali sono stati i contributi più importanti alla previsione del rischio, seguiti dall’oca Brent e dal wigon. “Varianti di virus altamente patogeni sono state trovate in molti recenti focolai di influenza aviaria in molti di questi uccelli acquatici, così come molte altre specie nell’elenco delle migliori specie di uccelli predittivi”, ha riferito il ricercatore. La ricerca mostra che la presenza è un fattore di rischio. Il modo in cui l’infezione è entrata nell’azienda richiede ulteriori indagini.

READ  Le tossine ambientali aumentano il rischio di obesità

Le caratteristiche del paesaggio come il mare aperto svolgono un ruolo in presenza di uccelli acquatici selvatici. “La mia ricerca mostra che osservare la presenza e il numero di specie di uccelli acquatici selvatici è un migliore predittore dell’influenza aviaria rispetto alla presenza di caratteristiche del paesaggio”.

mappa del rischio

La ricerca porterà a un modello per la previsione dei rischi dell’influenza aviaria in base al numero e alle specie di uccelli selvatici. Schroeder ha creato una mappa del rischio con questo modello. Il rischio di influenza aviaria è più alto nelle aree rosse della mappa e più basso nelle aree verde scuro.

Con questa mappa, puoi dare la priorità ad alcune aree nel monitoraggio dell’influenza aviaria. Ad esempio, l’uso mirato di misure preventive per prevenire l’ingresso dell’influenza aviaria. Inoltre, le mappe possono aiutare a determinare la posizione migliore per gli allevamenti di pollame per ridurre il rischio di focolai di influenza aviaria.

Fattori predittivi

La ricerca sui fattori predittivi per le epidemie di influenza aviaria faceva parte di una ricerca di dottorato presso l’Università di Utrecht. Ha lavorato con Wageningen University & Research e Sovon Vogelonderzoek Nederland.

Questa ricerca faceva parte del più grande progetto settoriale di controllo dell’influenza, finanziato dal Dipartimento di agricoltura, natura e qualità alimentare e Avined. La pubblicazione scientifica sulla ricerca sugli indicatori predittivi dei focolai di influenza aviaria negli allevamenti di pollame è stata recentemente pubblicata su Pathogens.

Fare clic sul file PDF sottostante per la pubblicazione completa