QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La “guerra della salsiccia” tra l’UE e il Regno Unito è stata evitata

Sarà inoltre possibile spedire preparazioni di carne refrigerate dal Regno Unito all’Irlanda del Nord nei prossimi tre mesi.

La prospettiva di una cosiddetta “guerra della salsiccia” tra l’UE e il Regno Unito è stata per il momento rinviata. Per motivi sanitari, l’Unione Europea vieta l’importazione di preparati di carne refrigerata da paesi terzi. Nell’ambito dei negoziati sulla Brexit, gli europei hanno concordato un periodo di transizione per la consegna di carne britannica ai supermercati dell’Irlanda del Nord, ma tale accordo scadrà il 1° luglio. Nelle ultime settimane, Londra ha minacciato di prolungare unilateralmente il periodo di transizione, una disputa che è già stata soprannominata “Sausage War” dalla stampa britannica.

Mercoledì la Commissione europea ha risposto positivamente alla richiesta di Londra di prolungare il periodo di transizione fino alla fine di settembre. “Questa estensione dovrebbe dare a tutte le parti interessate, in particolare ai supermercati, più tempo per adattare le proprie catene di approvvigionamento”, ha affermato il vicepresidente della Commissione Maros Sefcovic. Tuttavia, l’estensione è legata a una serie di condizioni, che devono garantire, tra l’altro, la sopravvivenza della carne nell’Irlanda del Nord.

La Commissione intende inoltre utilizzare il tempo supplementare per raggiungere un accordo più ampio sugli standard SPS con il governo del Regno Unito. Sefkovic sta promuovendo un accordo in cui gli standard britannici corrisponderanno agli standard europei. Quindi possiamo annullare l’80 percento degli assegni con il tocco di un dito. Tuttavia, il governo conservatore del Regno Unito vuole un accordo che riconosca che gli standard del Regno Unito sono in condizioni di parità. Se non si raggiunge un accordo, la questione del periodo di transizione rischia di riemergere entro tre mesi. “Le persone e le imprese nell’Irlanda del Nord vogliono chiarezza, stabilità e prevedibilità”, ha avvertito Sefcovic.

READ  Biden vuole tenere a freno l'eccessivo potere aziendale | all'estero

L’estensione del periodo di transizione fa parte di una serie di proposte presentate mercoledì dalla Commissione in merito all’attuazione dell’accordo Brexit in Irlanda del Nord. Dopotutto, questa parte del Regno Unito rimane di fatto parte del mercato interno europeo, per evitare di dover effettuare controlli alle frontiere con lo stato membro dell’Irlanda. Secondo entrambe le parti, tali controlli potrebbero minare il fragile processo di pace nell’Irlanda del Nord.