QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Ryder Cup in Italia si intreccia con la moda • Golf.nl

La Ryder Cup in Italia si intreccia con la moda • Golf.nl

Laura Biagiotti, nata nel 1943 e morta nel 2017, è conosciuta come una delle più grandi stiliste che l'Italia abbia mai conosciuto. È cresciuta a Roma, ma si è trasferita nella campagna rumena nel 1980 e ha ristrutturato l'omonimo castello Marco Simone dell'XI secolo con il marito Gianni Cigna.
Per gli appassionati di calcio, il nome Marco Simeone potrebbe riportare alla memoria i giorni di gloria dell'AC Milan con l'olandese Marco van Basten, Ruud Gullit, Frank Rijkaard e Marco Simeone. Ma il forte non prende il nome dal calciatore.

La moda italiana

Molto prima di lui ci fu un altro Marco (de) Simone, figlio del nobile Simone de Tebaldi. Entrambi rinnovarono nel XV secolo il castello e la tenuta, che nei secoli successivi furono proprietà di varie famiglie, per poi cadere nelle mani di Laura Biagiotti.
Figlia di una madre proprietaria di uno studio di moda, la donna italiana ha costruito un impero della moda e si è inconsapevolmente posizionata come ambasciatrice della moda italiana attraverso numerose connessioni e collaborazioni transfrontaliere.
Aveva anche una passione per lo sport, condivisa anche dalla figlia Lavinia (44). Alla sfilata del 2000, Laura Biagiotti ha fatto sfilare in passerella i campioni olimpici italiani di Sydney con le sue creazioni.

Questa è una gonna verde molto ampia disegnata da mia madre.

Corso di golf

Alla fine degli anni '80, nella tenuta di Marco Simone, a venti chilometri da Roma, venne realizzato un campo da golf. Le 27 buche sono disposte su 150 ettari di terreno e la maestosa club house è una delle più grandi d'Europa.
Il campo da golf è gestito da Lavinia, che, essendo unica figlia ed erede, dirige la casa di moda. “I miei genitori non giocavano a golf, ma volevano preservare il verde e la natura di qui e fare qualcosa per Roma. Mia madre diceva sempre che questa era la più bella gonna verde che avesse mai disegnato.

Laura e Lavinia Biagiotti

Immagine: Getty Images

Propaganda

Lavinia è stata la forza trainante della campagna per portare la Ryder Cup in Italia. Laura ha apprezzato il lavoro per un anno prima della sua morte. A causa del Covid-19, la Ryder Cup, inizialmente prevista per il 2022, è stata infine rinviata al 2023.
“Roma è un posto bellissimo per grandi eventi sportivi. Ho sempre avuto in mente che mi sarebbe piaciuto organizzare qualcosa di grande qui, ma la Ryder Cup è andata oltre le mie aspettative. L'anno in cui abbiamo annunciato la nostra candidatura è stato probabilmente l'anno migliore della mia vita. Per competere con paesi importanti come Germania, Austria, Spagna dovevamo farlo, ci sentivamo come Cenerentola.

READ  Le banche centrali di Italia e Corea del Sud concordano sulla collaborazione della CBDC

pregiudizi

Lavinia attribuisce il suo successo anche alle lezioni apprese da sua madre. “Mi ha insegnato a iniziare ogni giorno con un foglio di carta bianco. Se vuoi qualcosa, devi essere persistente. Ho affrontato pregiudizi nel settore della moda e nel mondo del golf, ma nel mondo del golf sono stato fortunato di incontrare persone che mi vedono come una persona e non solo come una donna. Non penso che le donne siano migliori di così, dobbiamo tutti unire le forze. La perdita di mia madre ha cambiato molto la mia vita, ma non il mio atteggiamento perché ero la sua unica figlia ed era il nostro sogno portare la Ryder Cup in Italia.

Rory McIlroy su Marco Simon durante la settimana della Ryder Cup

Rory McIlroy alla giornata di prove della Ryder Cup al Marco Simon

Immagine: Getty Images

il futuro

Per quanto riguarda Lavinia non si è fermato qui. “Questo per noi è un sogno che diventa realtà, ma anche l'inizio di un nuovo viaggio”, ha detto prima a proposito del prossimo evento nella tenuta. “Il nostro motto è 'giocare per il futuro' e ci impegniamo a sviluppare la prossima generazione di golfisti. Ora siamo pronti a ospitare campioni e dilettanti da tutto il mondo e crediamo che la Ryder Cup sia importante per Marco Simone e per l'Italia. il golf a livello mondiale. Sento una grande responsabilità e tante emozioni. Significa molto per il nostro Paese ed è una grande opportunità per il turismo.