QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La scoperta potrebbe essere un’arma contro la fibromialgia

La scoperta potrebbe essere un’arma contro la fibromialgia

Ma ora i ricercatori, compresi quelli della Queen Mary University di Londra, hanno condotto una serie di esperimenti sui topi che sperano possano chiarire i misteri che circondano la condizione e il suo trattamento.

I ricercatori britannici si sono basati su uno studio precedente del 2021, in cui i ricercatori hanno trasferito anticorpi da persone con fibromialgia nei topi. Le sostanze hanno aumentato la sensibilità dei topi al tatto e hanno indebolito la loro forza di presa.

Questi sintomi sono comuni anche nelle persone con fibromialgia.

Quindi i risultati dello studio hanno fornito una forte evidenza che la fibromialgia funziona in modo simile alle malattie autoimmuni, in cui le cellule immunitarie combattono i tessuti del corpo, o almeno che le cellule immunitarie svolgono un ruolo importante.

I topi sono diventati ipersensibili

in uno studio più recente I ricercatori sono andati oltre e hanno iniettato un tipo speciale di globuli bianchi da pazienti affetti da fibromialgia, leucociti neutrofili, in topi di laboratorio.

Una scoperta è stata che le cellule immunitarie umane circolanti improvvisamente negli organi dei topi rendevano gli animali sani più sensibili al dolore.

Tuttavia, altri anticorpi o cellule immunitarie di pazienti con fibromialgia o partecipanti volontari sani non sembrano avere lo stesso effetto negativo sui roditori.

I leucociti neutrofili sono prodotti nel midollo osseo e svolgono un ruolo importante soprattutto nella lotta contro i batteri e sono la prima linea di difesa del nostro sistema immunitario.

Normalmente, le cellule immunitarie si trovano nel sistema nervoso solo quando sono ferite o malate. Tuttavia, i ricercatori sono stati in grado di vedere come i neutrofili sembravano invadere gruppi di neuroni nel sistema nervoso periferico dei topi, che si estende dal cervello e dal midollo spinale al resto del corpo.

Ciò è accaduto così rapidamente che i topi hanno effettivamente mostrato ipersensibilità un’ora dopo che erano stati iniettati con le cellule umane.

È importante sottolineare che finora lo studio è stato condotto solo sui topi e i ricercatori non hanno testato la sua associazione con altri sintomi della fibromialgia, come l’affaticamento.

Tuttavia, secondo i ricercatori, i risultati suggeriscono che i globuli bianchi possono essere uno dei motivi per cui il sistema nervoso dei pazienti con fibromialgia è cronicamente doloroso.

Quindi sperano che questa scoperta apra la strada a potenziali terapie future mirate a cellule immunitarie selezionate.

“I risultati mostrano che i neutrofili leucocitari sono essenziali per lo sviluppo del dolore cronico diffuso”, hanno scritto i ricercatori. Nello studio.

READ  Come si forma il muco in noi e in altri mammiferi?