QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Anversa affronta ancora una volta una serata sofferta e dopo la sosta crolla completamente contro il Porto |  Champions League 2023/2024

L’Anversa affronta ancora una volta una serata sofferta e dopo la sosta crolla completamente contro il Porto | Champions League 2023/2024

Finora la Champions League è stata un calvario per l’Anversa. Il Grande Vecchio passa in vantaggio contro il Porto, ma proprio come contro lo Shakhtar, tutto finisce dopo l’intervallo. Da 1-0 a 1-4: l’Allocco subisce l’ennesimo shock europeo.

Anversa – Porto in breve:

Uomo partita: Alzare un master. Evanilson lo ha dimostrato al Porto. L’attaccante brasiliano è stato l’unico sostituto – forzato – prima della fine del primo tempo e nella ripresa ha ribaltato la situazione con una tripletta.

Momento chiave: L’Anversa ha imparato la lezione contro lo Shakhtar? Non reale. Anche contro il Porto sono usciti deboli dallo spogliatoio e sono stati costretti a subire gol un minuto dopo l’intervallo. Foriero di un altro rigore nel secondo tempo.

distinto: La difesa dell’Anversa è forte nella Super League giapponese, ma è debole anche in Champions League. Dopo 11 partite in Belgio, hanno subito solo 8 gol, mentre in Champions League il numero è salito a 12 dopo solo 3 partite.

Non vedo l’ora che arrivi domani? È semplice: dobbiamo vincere.

Martedì pomeriggio abbiamo parlato al telefono con Paul Gysin (fuori dal mondo) per circa mezzo minuto. Il presidente non ha avuto il tempo di discutere approfonditamente della situazione ad Anversa – c’era un aereo in attesa – ma con questa citazione ha dato il tono.

Era già mercoledì sera per il Grande Vecchio Fare o morire In Champions League, dopo la logica sconfitta contro il Barcellona e quella batosta contro lo Shakhtar. Ospitare il Porto in casa è stata la migliore occasione per continuare il sogno europeo.

In un primo tempo noioso, in cui non ci sono state quasi vere occasioni, ma tanti piccoli errori, le due squadre hanno scelto un approccio conservativo.

Il risultato: una lunga introduzione di Boswell.

Tanta lotta e poche occasioni nel primo tempo.

Un dono di Dio

L’evento più inaspettato arriva al 37′.

Con un po’ di fortuna, la palla è caduta sui piedi di Al-Hassan Youssef, al posto dell’infortunato Keita. Puff! Con una forza inarrestabile, il nigeriano ha portato in vantaggio l’Anversa prima della fine del primo tempo. Una manna dal cielo.

Però, dopo la tragedia contro lo Shakhtar, al Great Old Stadium lo sanno: in Champions League non è come inizia la serata, è come finisce.

Mark van Bommel lo avrebbe ricordato di nuovo alla sua squadra nel primo tempo? Se così fosse, impossibile spiegare come i campioni del Belgio abbiano iniziato il secondo tempo.

A meno di un minuto dall’inizio della partita, gli ospiti sono stati puniti per la rara perdita di possesso palla di Vermeeren, quando il tiro di Evanilsson è stato deviato alle spalle di Botez.

Questo contiene contenuti inseriti da un social network di cui desideri scrivere o leggere cookie (🕏). Non hai dato il permesso per questo.

Scenario Shakhtar

Allo Stadio Busoy si sentiva già il timore che si ripetesse lo scenario dello Shakhtar.

Con la paura come cattiva consigliera, l’Anversa ha perso il controllo del resto del secondo tempo. Inizialmente se la cavò con un pareggio per 1-2, ma con il tentativo successivo di Eustaquio ebbe successo.

L’intero vantaggio è stato eliminato in soli dieci minuti. Déjà vu doloroso.

Anche Alderweireld è stato sfortunato in questa campagna. Dopo aver sbagliato un rigore due settimane fa, il capitano ora ha visto il suo colpo di testa colpire la traversa per il 2-2.

D’altra parte, Evanilson ha eliminato ogni speranza a venti minuti dalla fine quando ha segnato l’1-3 con un tiro strepitoso. Il brasiliano completerà la sua tripletta nei minuti finali.

0 su 9, 12 gol subiti ed era mentalmente fragile: questo è il solido equilibrio dell’Anversa dopo tre partite di Champions League.

Porta il cede Ti sentirai meglio presto?

Questo contiene contenuti inseriti da un social network di cui desideri scrivere o leggere cookie (🕏). Non hai dato il permesso per questo.
  1. Dopo 22 ore 56. Fine: 1-4. Finora la Champions League è stata un calvario per l’Anversa. Il Grande Vecchio passa in vantaggio contro il Porto, ma proprio come contro lo Shakhtar, tutto finisce dopo l’intervallo. Da 1-0 a 1-4: l’Allocco subisce l’ennesimo shock europeo. .
  2. Secondo tempo, 96′, la partita è finita
  3. Cartellino giallo per il giocatore dell’Anversa Toby Alderweireld nel secondo tempo al 90° minuto
  4. Secondo tempo, minuto 90. Sostituzione ad Anversa, entra Gerano Kirk, esce Anthony Valencia
  5. Un gol nella ripresa all’84’ del giocatore del Porto Evanilson. 1, 4.
  6. Secondo tempo, minuto 83. Sostituzione nel Porto, entra Francisco Conceicao, entra Pepe
  7. Secondo tempo, minuto 83. Sostituzione nel Porto, entra Nico Gonzalez, esce Alan Varela.
  8. Secondo tempo, minuto 82. Sostituzione nel Porto, entra Marko Grujic ed esce Steven Eustaquio.
  9. Secondo tempo, minuto 81. Gol del Porto: 1-4. Un altro secondo tempo doloroso per l’Anversa. Come il diavolo fuori dagli schemi, l’inevitabile Evanilsson appare in difesa dell’Anversa. L’attaccante brasiliano vede Botez correre verso di lui nella terra di nessuno e placca secco il portiere con un tiro misurato. .
  10. Secondo tempo, minuto 79. Mark van Bommel non usa mezze misure. Il tecnico olandese dell’Anversa inserisce in rosa Moja, Janssen e Palekwesha. Ijok, Ilinykhina e Valencia possono ancora provare a cambiare la situazione. .
  11. Secondo tempo, minuto 78. Sostituzione per l’Anversa, entra Chidera Ejok, esce Arbenor Moja.
  12. Secondo tempo, minuto 78. Sostituzione ad Anversa, entra George Ilyinichina, esce Vincent Janssen.
  13. Secondo tempo, minuto 77. Sostituzione per l’Anversa, entra Anthony Valencia, esce Michel Ange Palicuesha.
  14. Secondo tempo, minuto 76. De Boswell si rianima dopo due scosse elettriche dei padroni di casa. Fendal vede il suo tiro oltrepassare la piazza e il tiro di Janssen manca di poco la traversa. Il presagio del contrattacco di Anversa? .
  15. Secondo tempo, minuto 76. L’Anversa prova a reagire, ma la squadra di casa non può rappresentare una vera minaccia. Così si svela ancora una volta il suo tallone d’Achille. Sia Bataille che Wendall entrano nel grande rettangolo, ma c’è solo Vincent Janssen. Per due volte non ha allacciato la cintura di sicurezza. .
  16. Secondo tempo, minuto 73.
  17. Cartellino giallo per il giocatore dell’Anversa Arbenor Moja nel secondo tempo, al minuto 72
  18. Il gol della partita nel secondo tempo al 69 ‘è stato segnato dal giocatore del Porto Evanilson. 1, 3.
  19. Secondo tempo, minuto 68. Gol del Porto: 1-3. Di male in peggio per Anversa. E proprio quando sembrava che la squadra di casa avesse ritrovato il ritmo, il portoghese ha sferrato un colpo potente. Evanilson è ancora una volta lo spauracchio della rotazione con un tiro rovente nell’angolo più lontano. Un rumore che attraversa il midollo e l’osso dell’allocco. .
READ  "Dopo il Leverkusen, ora il Barcellona bussa alla porta del Club Brugge" - Football News