QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le microplastiche penetrano in ogni angolo del tuo corpo (forse cambiando il tuo comportamento)

Le microplastiche penetrano in ogni angolo del tuo corpo (forse cambiando il tuo comportamento)

Dalle vette più alte dell’Himalaya all’Antartide, le microplastiche sono ovunque. Non sorprende quindi che finiscano anche nel nostro corpo. Una nuova ricerca mostra che l’impatto di ciò potrebbe essere molto maggiore di quanto si pensasse in precedenza.

Sono già state fatte molte ricerche sulle microplastiche nell’ambiente e sui loro effetti negativi sulla vita marina, ma fino ad oggi si sapeva relativamente poco sui potenziali rischi per la salute dei mammiferi. Per questo motivo il professore americano Jamie Ross ha studiato gli effetti neurologici e le reazioni infiammatorie nel corpo dei topi Lezione. Gli animali hanno ingerito diverse dosi di microplastiche attraverso l’acqua potabile, dopo di che Ross e il suo team le hanno testate Università del Rhode Island Esame dell’accumulo di microplastiche in vari organi e altri tessuti dei topi. Ben presto divenne evidente che le microplastiche erano penetrate in tutto il corpo, provocando un marcato cambiamento nel comportamento, in particolare nei topi da laboratorio più anziani.

“Ci basiamo su ricerche precedenti, che hanno dimostrato che queste microplastiche si muovono liberamente nell’ambiente e si accumulano nel corpo umano. Tuttavia, si sa molto poco sugli effetti delle microplastiche sulla salute, in particolare nei mammiferi.” Ciò ha spinto il nostro gruppo a studiare le conseguenze . Esposizione biologica e cognitiva alle microplastiche.”

Movimenti e comportamenti strani
I ricercatori hanno somministrato quantità diverse di microplastiche a topi giovani e adulti attraverso l’acqua potabile per tre settimane. E poi, hanno visto tutti i tipi di cambiamenti comportamentali negli animali e cambiamenti nei biomarcatori nel fegato e nel cervello, che sono collegati al sistema immunitario. I topi da laboratorio iniziarono a muoversi e a comportarsi in modo strano. Gli scienziati hanno collegato questo comportamento alla demenza negli esseri umani. Queste cose erano più pronunciate negli animali più anziani che nei giovani animali da test. “Questo lo abbiamo trovato molto sorprendente. Non si trattava affatto di dosi elevate di microplastiche, ma abbiamo notato chiari cambiamenti dopo un breve periodo di tempo”, afferma Ross.

READ  La ricerca ha trovato tre misure preventive che riducono il rischio di cancro negli anziani:

“Nessuno sa esattamente cosa fanno queste microplastiche nel corpo e per quanto tempo rimangono lì. Vorremmo saperne di più sulle conseguenze delle microplastiche sul corpo umano più avanti nella vita. Quindi sei a maggior rischio di sviluppare malattie sistemiche ( disturbi in cui il sistema immunitario non funziona correttamente) e il corpo attacca se stesso, il liberatore)? Il tuo corpo può espellere di nuovo facilmente le microplastiche? Le tue cellule rispondono in modo diverso a queste tossine? Si chiede lo scienziato.

attraverso la barriera ematoencefalica
I ricercatori hanno aperto topi di laboratorio e hanno studiato una varietà di tessuti diversi, tra cui cervello, fegato, reni, tratto gastrointestinale, cuore, milza e polmoni. Le microplastiche sono penetrate in tutti gli organi, anche nel cervello. Si trova anche nelle urine e nelle feci. “Dato che nel nostro esperimento abbiamo somministrato microplastiche tramite acqua potabile, ci aspettavamo di trovare tossine nel tratto digestivo, nel fegato e nei reni”, afferma Ross.

“Ma il fatto che le microplastiche si trovino anche nel cuore, nei polmoni e nel cervello dimostra che possono lasciare il tratto digestivo e raggiungere ogni angolo del corpo. È molto difficile per le microplastiche penetrare nella barriera emato-encefalica: questa è una barriera protettiva meccanismo per fermare virus e batteri – ma è stato dimostrato che la penetrazione di queste particelle di plastica in profondità nel tessuto cerebrale è molto semplice”.

Meno quantità della proteina critica GFAP
Sembra che le microplastiche nel cervello garantiscano che venga prodotta meno dell’importante proteina GFAP. “Bassi livelli di GFAP sono associati agli stadi iniziali delle malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer e la depressione”, afferma Ross. “Siamo rimasti molto sorpresi nel vedere che le microplastiche nel cervello erano responsabili del cambiamento nella produzione di GFAP.” Questo è uno degli argomenti principali per ulteriori ricerche. “Vogliamo capire meglio come le microplastiche possono influenzare la capacità del cervello di autoguarigione e come l’esposizione alle microplastiche può portare a disturbi e malattie neurologiche, come il morbo di Alzheimer”, conclude Ross.

READ  Le more sono buone per la resistenza e hanno più benefici per la salute