QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lime e Voi vanno in tribunale perché Bruxelles non seleziona i loro scooter

Lime e Voi vanno in tribunale perché Bruxelles non seleziona i loro scooter

“Guerriglia legale”

Martedì mattina Van den Brandt ha parlato anche della controversia giuridica al Parlamento di Bruxelles. “È deludente perché abbiamo consultato ampiamente gli operatori prima di pubblicare la gara”, ha affermato. “Erano tutti d’accordo sul fatto che il numero di scooter a Bruxelles dovrebbe essere limitato e hanno promesso di giocare in modo etico”.

Il ministro Green ha inoltre sottolineato che “in questa guerra legale difenderà la riforma del settore degli scooter, essenziale per i pedoni e soprattutto per le persone con mobilità ridotta”.

Lime e Voi – per intenderci – si occupano solo di selezionare gli operatori dei passaggi di condivisione. Le aziende non si oppongono alla decisione riguardante altre modalità di mobilità. Voi, come Bolt e Dott, potranno mettere a gara 2.500 biciclette condivise a partire da giovedì, una gara che ha una procedura simile a quella per gli scooter condivisi che la società ha scelto di non accettare.

“La procedura è stata corretta”

Si ricorda che alla gara pubblica hanno partecipato sette operatori. A differenza di Lime e Voi, Poppy – che continua a offrire un servizio di car sharing a Bruxelles – non intende impugnare la decisione. “Eravamo ben consapevoli delle regole in anticipo”, afferma il direttore marketing Pierre de Schetzen. “Tutti erano favorevoli a una decisione del genere, perché non era possibile lavorare con quasi una dozzina di attori sul mercato”.

Secondo loro è un peccato che Bobby non ci sia riuscito, ma la procedura era corretta. “Abbiamo perso e abbiamo immediatamente ritirato gli scooter dal mercato”, afferma De Schaetzen. I veicoli sono stati trasportati ad Anversa. Tuttavia, se si presenterà l’occasione, Poppy tenterà ancora una volta di conquistare il mercato di Bruxelles con gli scooter condivisi. Ha aggiunto: “Se la gara pubblica viene annullata, parteciperemo sicuramente alla prossima tornata”.

READ  Scoperte 2,3 miliardi di monete criminali

Il fornitore di scooter condivisi di Bruxelles si è precedentemente rivolto al Consiglio di Stato

Intanto è in corso anche un'altra azione riguardante la gara per i monopattini condivisi a Bruxelles. Nella primavera del 2023 gli imprenditori brussellesi della società di scooter sharing Gliize si sono rivolti al Consiglio di Stato perché non erano d'accordo sul ritiro del loro permesso e si attende presto una risposta.

“Abbiamo scelto consapevolmente di non partecipare alle gare d'appalto”, afferma il cofondatore Sami Luka. “Chi lo fa perde automaticamente il permesso.”

Questa dichiarazione costituisce il nocciolo della tesi degli imprenditori di Bruxelles davanti al Consiglio di Stato. “Abbiamo fatto investimenti significativi”, afferma Luca, che gestisce 1.000 motociclette Gliize. “Abbiamo potuto farlo solo perché abbiamo ottenuto un permesso di tre anni dalla Regione di Bruxelles. E ora lo stesso governo dichiara non valido questo permesso?”