QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’importanza di un corretto trattamento nei reumatismi cronici

Gli ultimi vent’anni hanno assistito ad una vera rivoluzione nel trattamento delle malattie reumatiche croniche come l’artrosi e la spondilite. Trattamenti più avanzati (biologici) possono prevenire anomalie articolari visibili, ma molte lesioni invisibili spesso rimangono intatte. Inoltre, è necessario un trattamento per tutta la vita e questi trattamenti possono anche avere effetti collaterali.

“Le lesioni invisibili sono limitazioni causate da malattie, come affaticamento o dolore. Ad esempio, le persone che svolgono un lavoro fisicamente impegnativo o un lavoro a turni e sono affette da artrite reumatoide possono avere difficoltà a svolgere il lavoro. Di solito si continua a lavorare su Lo stesso livello di prima è impossibile perché il tuo livello di energia non è più lo stesso”, spiega il reumatologo professor Philippe de Keyser. “Questo può portare a frustrazione o incomprensione, perché non è sempre chiaro spiegare queste limitazioni invisibili al datore di lavoro”.

Trattamento in tre fasi

I farmaci sono una parte importante del trattamento delle forme croniche di artrite e sono gradualmente introdotti. “Il trattamento iniziale è puramente sintomatico, utilizzando farmaci antinfiammatori simili all’aspirina (FANS) come l’ibuprofene. Questi alleviano la rigidità e hanno un effetto analgesico, ma non influenzano i processi sottostanti coinvolti nel danno articolare. Nelle riacutizzazioni acute, gravi dolore, l’uso di derivati ​​del cortisone (prednisolone E.) per il loro effetto antinfiammatorio forte e ad azione rapida, ma poiché generano alcuni effetti collaterali dannosi a lungo termine, vengono utilizzati per il più breve tempo possibile”.

Contestualmente alla terapia con cortisone, si inizia anche il trattamento di base per alcune forme di reumatismi come l’artrite reumatoide o il reumatismo psoriasico. “Sono utilizzati preparati come il metotrexato che trattano non solo i disturbi ma anche il meccanismo infiammatorio sottostante. Questo di solito richiede più di 8 settimane per avere effetto, il che lo rende inadatto agli attacchi acuti. Una volta a velocità di crociera, questo è sufficiente per più della metà dei le persone trattate con questo farmaco”. Il metotrexato è solitamente combinato con l’acido folico (una vitamina B) per aumentare la sicurezza e una buona tolleranza al trattamento”.

READ  La campagna Stand Up Against Cancer lancia un grido di aiuto ai malati di cancro e...

Biologico

In circa 3 su 10, il trattamento primario fallisce e quindi è necessario di più. “I cosiddetti ‘biologi’ forniscono una soluzione per questo gruppo. Questo farmaco innovativo è composto da molecole complesse che hanno un effetto mirato su uno specifico bersaglio biologico. In questo modo attaccano i meccanismi di origine della malattia autoimmune a livello molecolare .Non è una soluzione miracolosa perché non tutti i biologhi lavorano ugualmente bene con Ogni paziente ha qualche forma di reumatismo infiammatorio.La gamma di preparati biologici è cresciuta continuamente negli ultimi anni, in modo che un numero crescente di persone possa ricevere cure adeguate con il minor numero di effetti collaterali possibili. Mettiamo la malattia in remissione”, sottolinea il professor de Keyser.

“Le lesioni invisibili sono limitazioni causate da malattie, come affaticamento o dolore. Ad esempio, le persone che svolgono un lavoro fisicamente impegnativo o un lavoro a turni e sono affette da artrite reumatoide possono avere difficoltà a svolgere il lavoro. Di solito si continua a lavorare su Lo stesso livello di prima è impossibile perché il tuo livello di energia non è più lo stesso”, spiega il reumatologo professor Philippe de Keyser. “Questo può portare a frustrazione o incomprensione, perché non è sempre chiaro spiegare queste limitazioni invisibili al datore di lavoro”. I farmaci sono una parte importante del trattamento delle forme croniche di artrite e sono gradualmente introdotti. “Il trattamento iniziale è puramente sintomatico, utilizzando farmaci antinfiammatori simili all’aspirina (FANS) come l’ibuprofene. Questi alleviano la rigidità e hanno un effetto analgesico, ma non influenzano i processi sottostanti coinvolti nel danno articolare. Nelle riacutizzazioni il cortisone vengono utilizzati derivati ​​(prednisolone). E.) per il dolore intenso e un forte antinfiammatorio ad azione rapida, ma poiché provoca alcuni effetti collaterali negativi a lungo termine, viene utilizzato per il più breve tempo possibile. iniziato.” Vengono utilizzati preparati come il metotrexato che trattano non solo i disturbi ma anche un meccanismo infiammatorio primario. Questo effetto richiede solitamente più di 8 settimane, il che lo rende inadatto agli attacchi acuti. Una volta che navighi velocemente, questo è sufficiente per più della “metà delle persone trattate con questo farmaco. Il metotrexato è solitamente combinato con acido folico (una vitamina B) per aumentare la sicurezza e una buona tolleranza al trattamento”. In circa 3 su 10, il trattamento primario fallisce e quindi è necessario di più. “I cosiddetti ‘biologi’ forniscono una soluzione per questo gruppo. Questo farmaco innovativo è composto da molecole complesse che hanno un effetto mirato su uno specifico bersaglio biologico. In questo modo attaccano i meccanismi di origine della malattia autoimmune a livello molecolare .Non è una soluzione miracolosa perché non tutti i biologhi lavorano ugualmente bene con Ogni paziente ha qualche forma di reumatismo infiammatorio.La gamma di preparati biologici è cresciuta continuamente negli ultimi anni, in modo che un numero crescente di persone possa ricevere cure adeguate con il minor numero di effetti collaterali possibili. Mettiamo la malattia in remissione”, sottolinea il professor de Keyser.

READ  30 ospedali si concentreranno su un'alimentazione sana nell'assistenza sanitaria