QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’arte di annusare è sottovalutata

Molti pazienti affetti da corona non riescono più a sentire l’odore di nulla. Questo è più pericoloso di quanto spesso pensiamo. Di conseguenza, gli scienziati stanno ancora una volta prestando maggiore attenzione al nostro senso dell’olfatto, ma il recupero del nostro naso è ancora agli inizi.

Il Corona virus continua ad affascinare gli scienziati. Sappiamo che uno dei primi sintomi di un’infezione può essere la perdita dell’olfatto e del gusto. Questo si è rivelato essere uno dei sintomi più persistenti. Uno studio sulla rivista specializzata di settore Rinologia Ha concluso che il 46% delle persone che si sono ammalate gravemente dopo aver contratto il coronavirus un anno dopo avevano ancora problemi di odore: decine di milioni di persone in tutto il mondo. Almeno il 7 percento dell’odore è ancora completamente scomparso dopo un anno. I ricercatori temono che l’effetto possa essere così grave che alcune persone non riacquisteranno mai l’olfatto.

Le persone stavano inconsciamente captando la paura degli altri per i segnali di odore provenienti dal loro sudore.

Ci sono fattori genetici in gioco che mettono alcune persone a maggior rischio di perdita dell’olfatto a lungo termine rispetto ad altre. Secondo uno studio in genetica della natura Le vittime che hanno un particolare tipo di gene che interferisce con l’elaborazione delle molecole di odore sono più suscettibili alle conseguenze dell’odore dell’infezione da corona rispetto ad altre. Anche gli aspetti sanitari possono svolgere un ruolo. Si dice che i malati di Alzheimer, anche nelle sue fasi iniziali, siano maggiormente a rischio.

Stranamente, diversi tipi di coronavirus hanno meno effetti sul nostro odore e gusto rispetto al virus originale. Le vittime della variante alfa – la prima dopo il virus cinese originale – avevano la metà delle probabilità di avere problemi di odore rispetto ai primi pazienti. Per la variante omikron, è solo il 17 percento. Non c’è dubbio che le differenze abbiano a che fare con le differenze nel modo in cui i diversi tipi di virus infettano i nostri corpi. Ma come funzionerebbe non è ancora chiaro.

perdita permanente

L’otorinolaringoiatra Laura Van Gerven (UZ Leuven) e colleghi mostrano in un rapporto a cella di prigione Spiega che il problema della perdita dell’olfatto non è il risultato di attacchi di virus alle cellule nervose del naso, ma alle cellule che sostengono il naso. In esso, il virus si moltiplicherà senza restrizioni. L’azione virale in quelle cellule attiverebbe una forte risposta immunitaria dal corpo, rendendo lo stesso profumo i neuroni incapaci di trasmettere le loro informazioni al cervello. fare rapporto temperare la natura Ha anche suggerito che la riduzione dei segnali olfattivi al cervello potrebbe portare a cambiamenti significativi in ​​alcune aree del cervello. Questi darebbero un carattere permanente agli effetti dell’inquinamento sull’odore.

READ  Il medico di famiglia a Staphorst vaccina di nascosto le persone a causa del tabù

Il problema dell’olfatto nella crisi dell’aura è così grande che in tutto il mondo viene prestata maggiore attenzione alla ricerca del nostro senso dell’olfatto. rivista scientifica di prim’ordine temperare la natura Anche uno speciale ad esso dedicato. Tendiamo a sottovalutare l’influenza del nostro senso dell’olfatto, soprattutto rispetto alla vista e all’udito, che ci fornisce maggiori informazioni. Se confronti altre specie animali, a prima vista siamo delusi. Gli esseri umani hanno circa 4 milioni di recettori dell’olfatto nel naso, i conigli 100 milioni e i cani 300 milioni.

Anche il meccanismo dei cani per rilevare gli odori è più complesso del nostro. Inseguono molta più aria inalata sui recettori dell’olfatto rispetto a noi, quindi possono raccogliere molte molecole di odore da essa. L’area del loro cervello che elabora gli stimoli olfattivi (il bulbo olfattivo) è trenta volte più grande della nostra, considerando tutte le dimensioni del corpo. È stata questa differenza che ha portato i ricercatori del cervello dell’inizio del XIX secolo a concludere che l’olfatto è meno importante per noi rispetto ad altri sensi, soprattutto con la scoperta che molte persone prestano poca attenzione agli odori a cui sono esposti, a meno che non siano piuttosto intensi. . Condizioni, come una panetteria con pane fresco o una fogna.

L’olfatto è stato persino descritto come “primitivo”, perché tanti altri animali dipendono molto da esso – volevamo davvero essere diversi e soprattutto migliori. Per molto tempo, la percezione dell’olfatto è stata in netto contrasto con il nostro “libero arbitrio”. Ma recentemente sono arrivati ​​degli studiosi Scienze È stato dimostrato che i nostri bulbi olfattivi sono relativamente più piccoli di quelli di cani o topi, ma contengono all’incirca lo stesso numero o meno neuroni, cioè circa 10 milioni. Questo numero sarebbe relativamente costante per i mammiferi. Quindi forse non siamo poi così diversi, dopo tutto.

seno della madre

Il nostro senso dell’olfatto è importante per la nostra esperienza, soprattutto perché l’area del cervello che elabora gli odori è direttamente correlata alle aree dell’emozione e della memoria. Le persone associano facilmente e per lungo tempo gli odori alle esperienze emotive, come riunioni o luoghi. Per molti, il profumo della crema solare è strettamente associato alle vacanze al mare, anche se lo si raccoglieva in bagno in inverno. La ricerca ha dimostrato che i veterani del Vietnam possono sperimentare un’ondata di stress post-traumatico quando inalano il profumo di un ristorante asiatico. Gli odori sono spesso associati alla paura. Dovrebbero avvisarci di problemi come perdite di gas e cibo avariato. Le persone percepiscono anche inconsciamente la paura degli altri per i segnali di odore che provengono dal loro sudore, per esempio.

READ  Studio su larga scala nel trattamento personalizzato del cancro del colon-retto metastatico
Un essere umano ha 4 milioni di recettori olfattivi nel naso, un cane 300 milioni. © Getty Images / iStockfoto

Gli odori influenzano il modo in cui ci sentiamo e le persone da cui siamo attratti. studio eVita Mostra che alcune persone automaticamente e inconsciamente si portano le mani al naso dopo il contatto diretto con una persona, senza dubbio in una qualche forma di valutazione spontanea. I bambini inizialmente fanno affidamento sul loro senso dell’olfatto più che su altri sensi. Riconoscono non solo l’odore del seno della madre, ma anche i suoi vestiti. Potrebbero già formare un’immagine rudimentale dell’odore della madre nel grembo materno. Sarà un fattore cruciale per formare un legame tra il bambino e la madre.

Al contrario, studiare in progresso della scienza Spiega che i bambini rilasciano particelle di odore dalla fronte, che hanno un effetto diverso su uomini e donne. Negli uomini attenuano i sentimenti aggressivi e nelle donne li provocano. L’olfatto, di cui non siamo consapevoli, avrebbe svolto un ruolo evolutivo importante nell’aumentare le possibilità di sopravvivenza di un bambino, partendo dal presupposto che il suo benessere è più minacciato dagli uomini e difeso dalle donne.

Tutto il “suo odore”

La nostra autopsia indica anche che l’analisi degli odori è fondamentale anche per noi. Quando riceviamo uno stimolo audio nelle nostre orecchie, passa attraverso due stazioni intermedie nel cervello all’area uditiva per l’elaborazione. Ma i segnali olfattivi viaggiano dal naso direttamente al centro olfattivo del cervello. Questo invia immediatamente segnali ad altre aree del cervello. È l’unico esempio nel nostro corpo di quella che è considerata una sensazione “primitiva”, ma nel senso di neuroni che sono in contatto diretto con il mondo esterno e inviano le loro informazioni direttamente alla regione cerebrale interessata. Dovrebbe aumentare la velocità di reazione.

Gli esseri umani hanno circa 400 diversi tipi di recettori dell’olfatto nel naso in proporzioni variabili. Ciò significa che non tutti reagiscono allo stesso modo a uno stimolo aromatico. Diverse esperienze con i profumi significano che ogni persona ha il proprio “quadro olfattivo”. Soprattutto perché ciascuno dei 400 tipi di recettori reagisce in modo diverso allo stesso stimolo. Quindi sembrano esserci infinite possibilità su come qualcuno potrebbe sperimentare gli stimoli olfattivi, i cui dettagli sono tutt’altro che pianificati. studio Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze ha mostrato che un singolo cambiamento nelle informazioni genetiche per un singolo recettore potrebbe essere sufficiente per sviluppare un modello di profumo diverso.

Crescita dei capelli e guarigione delle ferite

Le molecole di odore vengono tradotte in segnali elettrici da speciali molecole di legame sulle cellule nervose del naso. È stato sorprendente scoprire che non si trovano solo nel naso, ma anche in altri punti del corpo. Si dice che svolga un ruolo in organi che vanno dal polmone ai reni, processi come la crescita dei capelli e la guarigione delle ferite e malattie come il cancro e l’aterosclerosi. Gli scienziati ora presumono che sia presente in tutte le cellule umane, il che solleva interrogativi sul suo background evolutivo. I recettori degli odori sono stati inizialmente sviluppati per migliorare la comunicazione interna del corpo o sono diventati più generali e svolgono funzioni interne aggiuntive solo in quest’ultimo caso? Sembra una domanda puramente filosofica, ma conferma che le nostre capacità olfattive hanno un impatto molto maggiore su di noi di quanto pensassimo fino a poco tempo fa.

READ  Un passo importante è stato compiuto nella diagnosi precoce del glaucoma

Questa sottovalutazione significa che le persone con anosmia difficilmente possono fare affidamento sull’assistenza medica. Non dimentichiamo che i problemi di odore si verificano anche senza contaminazione virale. Secondo una recente analisi in Rapporti attuali di allergie e asma Dal 5 al 15% della popolazione dovrà affrontare una qualche forma di “cattivo odore” – la metà sarà per gli over 65. Nei paesi industrializzati la causa principale è la rinite cronica dovuta a fattori inquinanti nell’ambiente di vita. Inoltre, la perdita dell’olfatto (anosmia) è solo una manifestazione dei problemi. La parosmia è un’altra cosa: molti odori appaiono come una pasta densa e spesso sono maleodoranti. C’è anche il fantasma, dove vedi odori che non sono presenti. Gli ultimi due si verificano regolarmente anche nei pazienti con corona.

I trattamenti non sono chiari. Il più comune è l’allenamento dell’olfatto per far rivivere un senso dell’olfatto perso attraverso la stimolazione ripetuta con un profumo ben noto, un tipo di fisioterapia nasale. Di solito comporta l’esposizione a quattro oli dall’odore diverso e molto diversi due volte al giorno per diversi mesi. Dopo alcuni mesi, passano ad altri quattro profumi, che dovrebbero accelerare il processo di guarigione. Non ci si deve aspettare miracoli.

Non ci sono veri e propri interventi medici. Stiamo aspettando sviluppi molecolari che possano essere usati come farmaci. Sono in corso ricerche su antinfiammatori e mezzi per accelerare il ripristino dei recettori degli odori. Tuttavia, c’è un concetto piuttosto debole di “speranza”. Il nervo olfattivo può ripararsi se danneggiato e le cellule dell’odore nel naso possono rigenerarsi. Di solito accade troppo lentamente per essere una soluzione praticabile. Suggerisci uno scienziato temperare la natura Alcune persone che sperimentano la perdita permanente dell’olfatto dopo un’infezione virale possono improvvisamente riacquistare l’olfatto dopo diversi anni a causa del rinnovamento spontaneo dei loro recettori dell’olfatto. Ma non si sente a proprio agio per le persone che riescono a malapena a sentire l’odore o il sapore di qualcosa.