QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’inflazione in Turchia sale a oltre il 60 per cento: il livello più alto degli ultimi vent’anni | Economia

L’inflazione è particolarmente alta nei trasporti (circa il 100 per cento rispetto allo scorso anno), ma anche il cibo sta diventando più costoso. In effetti, i prezzi alla produzione sono aumentati del 115% su base annua.

Questo è principalmente il risultato della politica monetaria: nonostante l’aumento dell’inflazione, la banca centrale ha ridotto i tassi di interesse più volte nell’ultimo anno, l’ultima volta al 14 per cento. Gli economisti affermano che il presidente Recep Tayyip Erdogan è un convinto oppositore dell’aumento dei tassi di interesse e gli economisti affermano che è una cura per l’inflazione elevata. L’ultima volta che l’inflazione è stata così alta in Turchia, Erdogan non era al potere.

La debole lira, che ha perso il 44 per cento del suo valore nel 2021, ha fatto salire i prezzi per un po’ di tempo mentre le merci importate sono aumentate vertiginosamente. A ciò si aggiungono i prezzi elevati del gas e dell’elettricità, in parte dovuti alla guerra in Ucraina.

Anche Russia e Ucraina sono importanti fornitori di grano e olio di girasole. L’olio da cucina in particolare è recentemente diventato più costoso. Anche Russia e Ucraina sono paesi importanti per il turismo turco. Il mese scorso, tra le altre cose, è stata ridotta l’imposta sul valore aggiunto sui prodotti sanitari.

La valuta è rimasta stabile lunedì a 14,7 per dollaro (16,2 per euro) poiché il mercato prevedeva un aumento dell’inflazione.

La Turchia mantiene strette relazioni sia con la Russia che con l’Ucraina. Ankara ha condannato il raid, ma non ha imposto sanzioni a Mosca.