QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Londra informa 50 richiedenti asilo che saranno deportati in Ruanda

© Reuters

Le autorità britanniche hanno recentemente informato un gruppo di 50 richiedenti asilo che sarebbero stati i primi ad essere deportati in Ruanda. Lo ha detto sabato il primo ministro Boris Johnson in un’intervista al Daily Mail. Poche settimane fa, Londra ha annunciato i suoi piani per questo. I 50 migranti hanno ora 14 giorni per opporsi.

Lorenzo TurcofonteBELGA

Secondo Johnson, il governo di Londra si sta già preparando per una dura battaglia legale con gli oppositori della nuova politica britannica in materia di asilo. Questa politica consiste nell’inviare in Ruanda persone sospettate di essere entrate illegalmente nel paese. Chiunque venga riconosciuto come rifugiato può rimanere in Ruanda. Il paese governato dal regime autoritario, sottoposto a una pesante repressione, riceve denaro da Londra per ripararsi.

La dichiarazione è stata subito criticata da 160 ONG, dall’arcivescovo di Canterbury, dall’opposizione e persino da personalità di spicco del partito conservatore di Johnson, come l’ex primo ministro Theresa May. Avevano domande sul lato etico dei piani, ma anche sulla legalità, sui costi e sull’efficienza.

Leggi anche. Anche la Danimarca sta valutando la possibilità di trasferire i richiedenti asilo in Ruanda

Johnson non lascia che le critiche gli arrivino al cuore: i suoi ministri sono pronti ad affrontare una battaglia legale e cambiare la legge è un’opzione. Secondo il primo ministro britannico, la nuova politica è “più intelligente” dell’invio di barche sulla Manica verso Francia o Belgio. “Non volevo emettere ordini come questo, stai rischiando che le persone muoiano e io no”, ha detto Johnson, che crede che molti paesi inizieranno ad adottare questo approccio.

Israele aveva già concluso un accordo simile con il Ruanda, che ora è scaduto, ma la stragrande maggioranza dei rifugiati inviati nel paese africano in questo quadro è rapidamente scomparsa ed è fuggita dal paese. Molto più tardi è apparso in Europa. Anche la Danimarca ha dei piani, ma non sono ancora concreti.

READ  Dopo 262 giorni di 'resta nella tua stanza': la chiusura più lunga del mondo...