QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’uomo dietro il più grande scandalo contabile italiano ha trascorso i suoi ultimi anni in una gabbia d’oro

Alla fine di dicembre 2003, gli italiani erano impegnati a fare scorta di dolci natalizi, liquori e regali di Natale. Ma prima che potessero consumare il pranzo di Natale, si imbatterono inaspettatamente in un dramma nazionale: la più grande truffa sui conti fu scoperta presso la nota azienda casearia Parmalat. La società non è stata in grado di rimborsare il prestito di 150 150 milioni quel mese, dopodiché la bomba è esplosa, spingendo la formula in un debito inferiore a ப 14 miliardi. Il mercato finanziario globale era in subbuglio, con Burmalat che era l’unica multinazionale nel commercio pubblico a fare affari con le principali banche e revisori dei conti negli Stati Uniti e in Europa. Il 24 dicembre 2003 il caseificio ha dovuto chiudere i battenti. Decine di migliaia di azionisti e titoli hanno perso i loro soldi.

Callisto Danci è il protagonista del più grande scandalo contabile della storia italiana. Ha fondato Parmalot nel 1961 e si è espansa in un’azienda con decine di migliaia di dipendenti e miliardi di ricavi. L’azienda vende latticini e succhi d’uva in tutto il mondo e ha stabilimenti in 31 paesi.

Cattolico con innocenti occhi da bambi

Callisto Danci è nato a Colossae, vicino alla Birmania. Suo padre gestiva un’attività di salsicce lì. Callisto prima si formò come ragioniere e poi studiò economia. Alla morte del padre, Callisto lasciò l’università – poco più che ventenne – per assumere la gestione della piccola impresa del padre. Ma presto smise di farlo e iniziò la sua compagnia: Burmalat (“Birmania” e “Latte”, Paul).

Danzi, devoto cattolico con grandi occhi castani (“Sembrava innocente come un serpente”, scrisse poi un giornalista). Repubblica) Diventa un imprenditore di talento. Ha introdotto nel mercato italiano il latte longevità, anche in cartone. Era nuovo di zecca.

Amici di potenti politici

Nel 1965 Danzi sposò Anita Reiki, co-proprietaria di un’azienda farmaceutica. La coppia ha avuto tre figli: Francesca, Stefano e Laura. La figlia più piccola è diventata farmacista e gli altri due bambini hanno iniziato a lavorare per l’azienda del padre. O viceversa: nelle aziende del padre. Perché Dance non è più solo latte e panna. Ha acquistato villaggi turistici, una stazione televisiva e nel 1989 il Pharma Football Club. Poiché Dansey è un prestatore, il Burma FC ha guadagnato le fasce, ha raggiunto la migliore divisione di calcio e ha vinto due volte la Coppa UEFA.

Callisto Dancy ha vissuto il sogno italiano: ha quotato la sua azienda nel 1990, è diventato milionario e ha trascorso l’estate con la famiglia nella sua villa a Forte de Marmi, località balneare della Riviera Ligure. È amico di potenti politici. E ciliegina sulla torta, gli è stata conferita la laurea honoris causa Guerriero del lavoro, Cavaliere del lavoro.

Un falso estratto conto

Ma la base di quella bellezza si è rivelata astuta e ingannevole. Danzi, insieme al suo direttore finanziario, aveva fabbricato per anni false testimonianze sulla salute finanziaria. Guadagnavano di più sui libri, nascondendo fatture e debiti falsi. In quel drammatico dicembre 2003, quando apparve un falso rapporto bancario secondo cui c’erano milioni in un conto bancario aziendale, Bank of America dichiarò di non avere un conto. L’intera cosa si è schiantata. Il 27 dicembre Danzi è stato arrestato.

Le lunghe cause sono continuate. L’uomo d’affari è stato condannato a diciotto anni di reclusione, di cui tre trascorsi in carcere. Il potenziale Formalot è stato in grado di riavviarsi con successo ed è stato successivamente catturato dall’azienda casearia francese Lactalis.

Eseguita silenziosamente la sentenza

Tutto ciò che può essere sequestrato a Danzi è stato sequestrato dalla magistratura. Nel 2009 Cardia de Finanza ha scoperto anche una galleria d’arte che il nipote di Danci aveva frettolosamente nascosto nel 2003. Questi includono le opere di Picasso, Van Gogh e Monet. Ma Tanzi è riuscito a mantenere un elegante bungalow con piscina e campo da tennis vicino alla Birmania. Lì si godette il resto della punizione e rimase in silenzio. A Danzi fu concesso di andare in chiesa, di curare l’orto e di occuparsi dei sei nipoti con la moglie Anita.

A dicembre Danzi, 83 anni, è stato ricoverato in un ospedale di Pharma con una polmonite (non Govit). Non è mai uscito da lì.

Callisto Danci è nato il 17 novembre 1938 al Colosseo ed è morto il 1 gennaio 2022 a Pharma.

READ  War of Destiny Eden (5): Sopravvissuto all'incidente della funivia in Italia | All'estero