QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mancanza di attenzione al genere negli studi COVID-19



Mancanza di attenzione al genere negli studi COVID-19


© Copyright ANP 2021
Mancanza di attenzione al genere negli studi COVID-19

NIJMEGEN (AP) – Sebbene il Covid-19 appaia in modo diverso negli uomini e nelle donne, la stragrande maggioranza degli studi sulla malattia causata dal coronavirus non menziona né il genere né il genere. Questa è la conclusione raggiunta dai ricercatori di Radboudumc a Nijmegen, tra gli altri, sulla base di un’analisi di quasi 4.500 studi.

Durante la pandemia di Corona, gli uomini hanno dimostrato di essere più suscettibili a un pericoloso decorso di Covid-19: gli uomini vengono ricoverati più spesso e più uomini muoiono per gli effetti del virus. “Non sappiamo esattamente perché sia ​​così”, affermano i ricercatori di Radboud. “Il risultato potrebbe essere che uomini e donne hanno bisogno di trattamenti diversi”.

Allo stesso tempo, esiste un legame tra il sesso e il rischio di infezione, ad esempio perché le donne hanno maggiori probabilità di lavorare nell’assistenza sanitaria o in altri lavori a contatto diretto con altre persone. Ciò aumenta la possibilità di esposizione al virus. “Quando si conducono ricerche e si definiscono le politiche, è importante prestare attenzione a entrambe le componenti”, affermano i ricercatori.

problema

Tuttavia, una minoranza di studi ha considerato il genere durante il reclutamento dei partecipanti e solo il 4% include il genere o il genere nei risultati dello studio. Questo è problematico, afferma Sabine Ortelet-Pregion, uno dei ricercatori. “Abbiamo visto fin dall’inizio che la malattia non ha un decorso identico per donne e uomini. Le differenze nei tassi di ospedalizzazione e mortalità lo indicano. Ciò significa che anche le nostre cure, come i farmaci o altri trattamenti, possono portare a esiti diversi”.

READ  Nuova ricerca sulla massima funzionalità polmonare nei giovani adulti

Lo studio è stato condotto da ricercatori di Radboudumc, Università di Aarhus, Università di Copenaghen e Università di Bielefeld. I ricercatori hanno studiato 4.420 studi COVID-19 registrati con ClinicalTrials.gov, un database statunitense di oltre 300.000 studi provenienti da 200 paesi.