QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Merkel e Biden calmano le pieghe | all’estero

Due dei politici più potenti del mondo si sono avvicinati sabato al vertice del G7 in Inghilterra. Le relazioni tra Stati Uniti e Germania sono “più forti che mai”, ha twittato il presidente Joe Biden dopo aver incontrato il cancelliere Angela Merkel a Karbis Bay.




Anche Merkel, che visiterà di nuovo la Casa Bianca il mese prossimo dopo tre anni, si è espressa positivamente. Ha parlato di “discussioni molto buone, costruttive e molto vivaci” durante le deliberazioni dei leader dei sette ricchi paesi industriali e dell’Unione europea.

Merkel ha affermato di aver parlato principalmente con Biden del suo incontro con il presidente russo Vladimir Putin mercoledì prossimo a Ginevra. Hanno anche discusso del vertice della NATO tenutosi lunedì a Bruxelles e della situazione in Afghanistan per quanto riguarda il ritiro degli Stati Uniti e di altre forze della NATO.

Sul fronte energetico, quello che dicono gli americani è che un gasdotto Nord Stream 2 indesiderato dalla Russia alla Germania può essere completato senza escalation. La Merkel afferma che una soluzione al conflitto è imminente finché l’Ucraina può continuare a svolgere un ruolo nel trasporto di gas dalla Russia all’Europa.

Cina

La posizione sulla Cina è un’altra disputa tra i due leader. Biden affronta una linea molto più dura contro Pechino rispetto alla Merkel e ad altri leader europei. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha chiesto un approccio comune, secondo un insider.

L’impulso è arrivato sotto forma di un’alternativa alla Belt and Road Initiative cinese, attraverso la quale Pechino sta cercando di farsi strada nei paesi poveri. Il G7 non ha ancora piani concreti. L’obiettivo è che paesi come Giappone, Francia e Regno Unito forniscano finanziamenti e idee per progetti di infrastrutture, clima, salute e tecnologia digitale.

READ  La Casa Bianca: rifiuto cinese delle indagini di follow-up del virus Corona