QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuova speranza grazie a Mark Cook e Workaholic: il KV Oostende non è forse morto?

Nuova speranza grazie a Mark Cook e Workaholic: il KV Oostende non è forse morto?

Il KV Oostende vive di speranza. L'alunno di seconda elementare è stato a lungo paziente in cure palliative, ma ora mostra di nuovo un aumento della frequenza cardiaca. Grazie ai risultati promettenti, l'ispirante manager Mark Cook. Un nuovo trick nella coppa di stasera darà una spinta in più?

Non molto tempo fa, ogni tifoso dell'Oostende tremava quando apriva il giornale o l'app Sporza.

KVO? Questa era una garanzia di cattive notizie, poiché la fine sembrava più vicina del nuovo inizio. C'è stata una doppia detrazione di punti, colpendo gli steward, nessuna formazione dei giocatori e un imminente ritiro della licenza. C'era anche una sensazione di malessere atletico.

I fan fedeli hanno persino seppellito simbolicamente il loro amato club. Il KV Oostende era terminale e senza prospettive di miglioramento a causa della cattiva gestione da parte dei proprietari americani.

Ma guarda, nelle ultime due settimane, improvvisamente sono arrivate notizie speranzose dalla costa. Compresa una revisione (limitata) della detrazione punti e tre vittorie nelle ultime quattro partite.

Dire che il club KVO improvvisamente respira di nuovo bene sarebbe un'esagerazione: il club porta ancora troppi germi per questo. Tuttavia è stato avviato un trattamento intensivo.

Fondamentale in questo caso è la nomina dell'avvocato Werner van Oosterwijk come amministratore ad interim da parte del Tribunale delle società, circa due settimane fa.

Questa azione mise da parte gli armatori americani e permise a qualcuno con una nuova prospettiva di provare a guidare la nave nella giusta direzione.

Meno di 100.000 euro sul conto

Un sondaggio interno alla squadra costiera ha dimostrato che Van Oosterwyk ha svolto finora il suo ruolo in modo eccellente.

READ  Così i Red Devils risolvono il divieto delle magliette colorate da riscaldamento (e la parola "amore") in Qatar

L'abitante di Ostenda, che in precedenza aveva assistito alla partita solo sporadicamente, starebbe lavorando giorno e notte per salvare il club.

Un momento stava difendendo un caso con il fisco e poche ore dopo c'era un interrogatorio in attesa della Federcalcio. Nel mezzo ci sono discussioni con potenziali acquirenti e fornitori insoddisfatti.

Mangia, dormi, KVO, ripeti.

Questo è il motto con cui vive attualmente il maniaco del lavoro Van Oosterwyk. L'avvocato, insieme al personale fisso, fa tutto ciò che è in suo potere per evitare il fallimento.

Ci sono volute quasi due settimane per pianificare tutte le finanze.

Werner van Oosterwijk

“Il primo compito era avere una visione accurata dei calcoli e dei numeri”, ha detto Van Oosterwijk del suo approccio sul sito web del club all'inizio di questa settimana.

“Devi sapere che qui i conti non vengono aggiornati da circa quattro mesi. La contabile fissa era in maternità e il direttore finanziario Thorsten Theis è stato messo in stato di inattività. Invece gli azionisti americani hanno assunto una società di contabilità esterna.”

“Posso solo concludere che questo ufficio non ha svolto bene il suo lavoro. Ci sono volute quasi due settimane per identificare tutte le finanze. Ciò era necessario prima che potessimo iniziare a parlare con i potenziali acquirenti. Ma anche il comitato delle licenze e il tribunale devono numeri.”

Van Oosterwyk e i suoi colleghi cercarono anche di rintracciare le fatture in sospeso. La KVO, tra le altre cose, deve ancora alla KVO 480.000 euro per il trasferimento di Arthur Theate.

READ  Avvistato a Valdebebas: Cristiano Ronaldo si tiene in forma nel complesso di allenamento del Real Madrid | calcio

Anche dal punto di vista delle spese è stata necessaria una grande mediazione per garantire la continuazione di tutte le competizioni. Perché come si pagano i fornitori se sul conto ci sono meno di 100.000 euro?

Attraverso il dialogo, Ostenda è riuscita a imporre a diversi partner un differimento del pagamento di (parte dei) costi.

“Si rendono anche conto che nessuno guadagna nulla dalla bancarotta”, ha detto.

Van Oosterwyk si è già rivolto ai fan.

Cook sembra essere indulgente

Per evitare una volta per tutte questo scenario catastrofico, il KV Oostende ha bisogno di un nuovo acquirente. A Van Oosterwyk verrà solitamente concesso un po' di tempo aggiuntivo per questo, poiché il periodo iniziale di 21 giorni verrà solitamente prolungato.

Il grande ostacolo che molti interessati si trovano ad affrontare è la temuta posizione principale, sulla quale galleggia un potenziale credito fiscale di oltre 5 milioni di euro.

“Nessun acquirente garantirà questo importo”, riconosce van Oosterwyk sul sito web di KVO.

“Tuttavia si sono svolte discussioni costruttive con il BBI (Ispettorato speciale delle imposte, ndr), perché apprezzano gli sforzi che abbiamo già fatto nelle ultime due settimane. Quindi sono già più ottimista su questo dossier.”

Kookie è davanti a quelle maledette tribune adesso.

Soprattutto perché anche il proprietario della tribuna Mark Cook sta dimostrando la sua compiacenza. Il 24 gennaio un rappresentante del colosso farmaceutico si è incontrato con Van Oosterwyk per cercare una soluzione al suo mal di testa.

Cook, che perderebbe il suo anfiteatro in caso di fallimento, sarebbe disposto a vendere la struttura a potenziali acquirenti. Un percorso che prima non era negoziabile.

READ  D'accordo: Mehdi Karsila è stanco e lascia il punto di riferimento per questa destinazione | Calcio 24

Van Oosterwijk: “Tutti i partiti vogliono una soluzione a lungo termine”.

Potenziali acquirenti sugli stand

Ma ora è di fondamentale importanza trovare un nuovo acquirente.

I candidati non mancano. Oltre al gruppo edile francese, ci sono anche investitori australiani, turchi, inglesi e belgi che seguono la vicenda con grande interesse.

Normalmente stasera ci saranno alcuni rappresentanti sugli spalti durante la partita di coppa contro l'Anversa per godersi l'atmosfera del club.

Per la KVO presto la posta in gioco sarà molto più del semplice posto finale. Fare bella figura è forse ancora più importante per il futuro dell'Ostenda.

“I potenziali acquirenti sono sensibili a uno stadio pieno e a una bella atmosfera”, sa anche Van Oosterwyk.

Il club ha anche organizzato una campagna in collaborazione con la città per attirare quanti più tifosi possibile allo stadio.

E con successo: sono stati venduti più di 4.000 biglietti. È possibile aggiungere altri 500 VIP, inclusi 200 “Mangiatori”. Il roster principale dovrebbe diventare la prima partita contro i campioni nazionali e detentori della coppa dell'Anversa.

Al KV Oostende potrebbero immaginarsi all'apice della loro gloria.

Imparentato: