QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Panico nelle grandi aziende: “Fermare la produzione o traslocare, non è più da escludere”

Poiché il prezzo del gas è quadruplicato in luglio e agosto, molte grandi società belghe stanno gradualmente scappando. Questo è ciò che dice Peter Claes, un portavoce di aziende che hanno bisogno di molto potere.

“Nelle ultime settimane ho visto almeno la metà delle aziende associate a Febeliec (Confederazione belga delle aziende ad alta intensità energetica, ed.) Al telefono per dire che l’aumento dei prezzi di gas ed elettricità era diventato insostenibile per loro. A Peter Claes, il manager di Vibelek, non importa che la situazione sia particolarmente pericolosa. Le aziende sono in modalità sopravvivenza. Ora stanno esaminando cosa fare. chiudere. per traslocare casa. Non si può più escludere.

Ciò è stato chiarito durante una conferenza stampa mercoledì mattina da Gert Vanovelin, l’uomo di punta dello stabilimento Alvans di Deauville. Ha spiegato che le perdite sono inevitabili per il resto dell’anno. “Stiamo ancora producendo, ma i nostri mercati di vendita si stanno calmando e, allo stesso tempo, i nostri prodotti stanno diventando più costosi a causa dei maggiori costi energetici”.

L’aumento dei prezzi dell’energia costringe le aziende a interrompere la produzione

Secondo Claes, la produzione è diventata quasi impossibile per molte aziende. È stato riferito che dopo l’impianto di acciaio inossidabile Aperam, altre aziende stanno valutando l’interruzione o la riduzione della produzione. Se i prezzi del gas rimarranno elevati per lungo tempo, ciò comporterà inevitabilmente il trasferimento delle attività industriali dal Belgio e da tutta l’Europa ad altre regioni del mondo.

La sua conclusione è che porterà a un impoverimento massiccio. Claes stima che se i prezzi del gas rimarranno al livello attuale elevato per tutto il 2023, i belgi dovranno spendere altri 45 miliardi di euro per il loro consumo di gas. Ciò equivale al 10% del PIL del Belgio. In altre parole: il dieci per cento della ricchezza del nostro Paese rischia di scomparire.

READ  Il Belgio ha imposto un divieto di ingresso in Sudafrica a causa di una nuova variante del virus e anche altri paesi stanno adottando misure

Secondo Vebelik, l’unica vera via d’uscita dall’attuale crisi energetica è un forte calo del prezzo del gas. Claes ammette subito: “Non è facile”. Abbassare il prezzo del gas significa negoziare con i produttori di gas prezzi più bassi o un limite di prezzo. L’apertura alle trattative per la conclusione di contratti a lungo termine per la fornitura di gas naturale. Questo dovrebbe essere fatto a breve termine. Sembra impossibile, ma dovrebbe esserlo. Ogni giorno più lungo significa che l’Europa e il Belgio stanno sanguinando e le possibilità che molte aziende sopravvivano stanno diminuendo.