QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Perché l’Algeria ha vinto la crisi energetica europea

L’Italia si sta liberando dalla dipendenza dal gas naturale russo più velocemente di qualsiasi altro paese europeo. Per colmare il divario, ora guarda all’Algeria, che è interessata solo a utilizzare l’aumento dei prezzi per aumentare le proprie esportazioni di gas.

A giugno il Presidente del Consiglio italiano Mario Draghi L’Italia è diventata rapidamente sempre più dipendente dal gas russo. Ha importato solo il 25% delle sue azioni dal paese nel 2022, in calo rispetto al 40% nel 2021.

Per mesi, la maggior parte del gas proviene da un altro paese più vicino, ovvero l’Algeria. Il paese era già enorme Esportatore africano di gas naturale, ma è salito di un livello da quando l’Italia ha accettato ad aprile di esportare più gas. Secondo un quotidiano algerino Le Courier d’Algerie Secondo quanto riferito, l’Italia ha esportato circa 14 miliardi di metri cubi di gas quest’anno, il 113% in più rispetto a quanto originariamente previsto.

Altri 4 miliardi di metri cubi verranno aggiunti la prossima settimana, ha affermato la fonte anonima Reuters. In primo luogo, quest’anno l’Algeria consegnerà all’Italia circa 21 miliardi di metri cubi, rispetto agli almeno 25 miliardi attuali.

I prezzi stanno aumentando, soprattutto per la Spagna

Questa è una buona notizia per l’Italia, che ha bisogno del gas tanto necessario per rifornire le scorte invernali. Ma l’accordo è particolarmente redditizio per l’Algeria: da quando è iniziata la crisi energetica, il prezzo del gas naturale è cresciuto enormemente.

Non solo l’Italia, ma anche Spagna, Portogallo e Tunisia sono i principali importatori di gas algerino. E, dice il paese, anche i clienti dell’Europa orientale stanno ora osservando la merce.

READ  Alitalia ha fatto il suo ultimo volo, e molti italiani sembrano esserne molto contenti

Di conseguenza, l’Algeria deve fare i conti con un surplus di potenziali clienti. Per questo motivo, il Paese ha già dichiarato che rivedrà i prezzi con tutti i clienti esistenti per sfruttare condizioni di mercato favorevoli.

Il Sahara occidentale causa problemi

Il fatto che l’Algeria abbia ora un maggiore controllo sulla propria fornitura di energia non è una buona notizia per un altro paese europeo, ovvero la Spagna. Quest’ultima, del resto, non ha più buoni rapporti con l’Algeria, dal momento che a marzo ha scelto una rotta filo-Marocco nel conflitto nel Sahara occidentale. Dopotutto, l’Algeria sostiene i Saharawi nella regione, un gruppo che vuole l’indipendenza, ma il Marocco rivendica il Sahara occidentale come suo territorio.

Di conseguenza, l’Algeria ha minacciato di tagliare le forniture di gas a marzo. Alla fine non è successo, ma poiché i contratti triennali con la Spagna sono in fase di rinnovo, è molto probabile che in questo caso venga inflitta una multa. Il ministro dell’Energia algerino Mohamed Argob ha dichiarato a giugno che i prezzi potrebbero aumentare presto.

“Abbiamo recentemente rinnovato i contratti con l’Italia e aumentato la capacità. Adesso tocca alla Spagna. “I prezzi del gas seguono i prezzi del petrolio, quindi con i prezzi del petrolio in aumento, è chiaro che è in discussione l’aumento dei prezzi del gas”, ha affermato Argub. Der Spiegel.

(jvdh)