QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pfizer e Moderna possono adattare i vaccini a una variante di omikron in pochi mesi | Notizie su Instagram VTM

La variante omikron, che il presidente di Moderna chiama un “mix Frankenstein” di mutazioni, preoccupa il mondo intero. Tuttavia, non si può escludere che gli attuali vaccini possano essere utili anche contro questa alternativa. In caso contrario, i vaccini a mRNA potrebbero certamente essere adattati abbastanza rapidamente. Pfizer e Moderna hanno parlato di un arco temporale di diversi mesi. I produttori di vaccini hanno già iniziato a prevenire.




Leggi tutto sul virus Corona in questo file.

I vaccini funzionano contro la nuova alternativa? Ecco cosa dice il professor Pierre Van Damme:

La variante omikron è ancora troppo piccola per essere in grado di stimare completamente, ma in realtà sembra essere più contagiosa della già altamente contagiosa variante delta. La variante sembra anche essere in grado di battere il nostro sistema immunitario meglio delle varianti precedenti, sia nelle persone vaccinate che in quelle che hanno avuto un’infezione naturale con il coronavirus. I vaccini attuali possono continuare a garantire che quelli con la variante omicron non sviluppino una malattia grave, sebbene in seguito possa essere necessario un vaccino di richiamo. Ma i produttori di vaccini mRNA, Pfizer-BioNTech e Moderna, stanno già lavorando a un vaccino modificato.

La variante omikron ha risposto molto rapidamente, molto più velocemente delle altre varianti. I vaccini esistenti sono già in fase di test per l’efficacia contro la variante OMICRON. I risultati sono attesi entro due settimane al più presto. “Questi dati dovrebbero mostrare se la modifica del nostro vaccino è necessaria per la nuova variante”, afferma una dichiarazione di BioNTech, che ha sviluppato un vaccino contro il coronavirus con Pfizer.

READ  Food Agency avverte di caramelle Kinder in diverse confezioni dopo l'infezione da Salmonella (Arlon)

Sulla base delle mutazioni del virus, gli scienziati ritengono che l’efficacia degli attuali vaccini diminuirà. Anche i medici in Sud Africa, dove la variante è stata identificata per la prima volta, stanno registrando un nuovo aumento del numero di casi. Riferendosi alle molte fastidiose mutazioni nella variante, il presidente di Moderna Stephen Hogg afferma: “Questa cosa è una combinazione di Frankenstein di tutti i grandi risultati. Ha davvero fatto scattare i nostri campanelli d’allarme”.

La variante omikron contiene una cinquantina di mutazioni, incluse più di trenta mutazioni della proteina spike. I vaccini addestrano il nostro sistema immunitario a riconoscere questa proteina spinosa come un invasore estraneo da attaccare. Omikron contiene almeno 26 mutazioni uniche che non sono state viste prima. Ce n’erano dieci nella variante delta e sei nella variante beta. Quindi la possibilità che il nostro sistema immunitario riconosca meno bene la variante omikron è alta.

Ieri l’aeroporto internazionale di Cape Town in Sudafrica. Diversi paesi hanno bandito i viaggiatori dal paese africano in cui è stata scoperta per la prima volta la variante omikron. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

L’effetto delle vaccinazioni contro Omicron può essere aumentato. Moderna, Pfizer-BioNTech e Johnson & Johnson hanno già iniziato i test. Insieme al suo alleato americano Pfizer, l’azienda tedesca BioNtech si sta preparando da mesi per una cosiddetta variante “di fuga” del virus. Come Moderna, Pfizer ha realizzato vaccini utilizzando la tecnologia mRNA, che consente un rapido adattamento. Pfizer afferma che può modificare un vaccino esistente in sei settimane e iniziare a consegnarlo entro 100 giorni. A Moderna, possono fornire un aggiornamento in due mesi e ci possono essere risultati per gli studi clinici in circa tre mesi.

Moderna e Pfizer vogliono anche verificare se le iniezioni di richiamo con i loro vaccini possono proteggere adeguatamente il sistema immunitario contro la variante omikron. È già stato dimostrato che queste iniezioni di richiamo aumentano significativamente il numero di anticorpi contro il coronavirus. La domanda quindi è se questi anticorpi siano efficaci anche contro la variante dell’omicron.

In generale, le persone che hanno avuto il Covid-19 e sono state vaccinate anche una volta producono un’ampia gamma di anticorpi in grado di riconoscere più copie del virus rispetto a quelle vaccinate da sole. Secondo Michael Nussensweg, un immunologo della Rockefeller University di New York, la cosiddetta immunità ibrida può “con ogni probabilità anche affrontare” la variante dell’omicron. Si basa sulla siringa di richiamo per ottenere un effetto simile. “Non l’abbiamo visto dopo due dosi del vaccino, ma si spera che il terzo colpo lo compensi”, ha detto Nussensweg.

Laboratori di ricerca Pfizer a Chesterfield, Missouri.

Laboratori di ricerca Pfizer a Chesterfield, Missouri. © Foto Notizie

Lo scienziato e il suo team stanno testando l’efficacia dei vaccini mRNA e dei vaccini di Johnson & Johnson e AstraZeneca contro la variante omikron. Spera di vedere i primi risultati entro un mese.

Non solo è importante la quantità di anticorpi, ma deve essere esaminato anche l’effetto dell’omicron sulle cellule immunitarie che possono riconoscere e distruggere le cellule infette. Le cosiddette cellule T del nostro sistema immunitario devono, tra le altre cose, impedirci di sviluppare malattie gravi e di morire. Alcune mutazioni della variante omikron si verificano nelle parti del virus che le cellule T hanno appena preso di mira. Pertanto, potrebbero avere difficoltà a riconoscere la variante.

Anche se i vaccini resistono a Omicron, in futuro saranno probabilmente necessarie nuove versioni. Il virus muta molto più velocemente del previsto, secondo il biologo evoluzionista Jesse Bloom del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle. L’influenza stagionale è anche un virus in rapida mutazione, il che significa che il vaccino deve essere modificato ogni anno. Bloom ha affermato che il coronavirus è “almeno comparabile e forse più veloce”. “Ci saranno sempre nuove variabili”.