QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un computer estrae le parole dal cervello di persone paralizzate e le fa “parlare” di nuovo

Un computer estrae le parole dal cervello di persone paralizzate e le fa “parlare” di nuovo

Novità NOS

Due nuove interfacce cervello-computer (BCI) sono riuscite a riconoscere le parole nel cervello di persone paralizzate e poi a scriverle sullo schermo. In questo modo i pazienti hanno potuto comunicare nuovamente ad una velocità di oltre 60 parole al minuto, molto più velocemente di quanto fosse stato possibile fino ad ora.

I pazienti hanno avuto accesso a un vocabolario di 125.000 parole, e il computer mostrava la parola corretta nel 76% dei casi. E con un numero limitato di parole la precisione è salita a oltre il 90%.

“Un progresso significativo” e “un punto di svolta nello sviluppo della tecnologia BCI volta a ripristinare la connettività nelle persone paralizzate”, afferma il neuroscienziato Nick Ramsey del Brain Center dell’UMC Utrecht, che non è stato coinvolto nella ricerca. Sottolinea che la comunicazione è un bisogno umano fondamentale, di cui alcune persone sono private a causa di disturbi neurologici.

Ictus incomprensibile

Nel primo studio, 253 elettrodi sono stati impiantati in un paziente il cui linguaggio era diventato confuso a causa di un ictus. Una rete neurale ha analizzato la sua attività cerebrale e l’ha convertita in frasi. Dopo più di una settimana di allenamento durato poco meno di due ore e mezza, il risultato è stata una velocità di 78 parole al minuto. Per fare un confronto: in una conversazione media si passano circa 160 parole al minuto.

“Ciò è particolarmente interessante per le persone affette da SLA”, afferma Ramsey. “Ma anche le persone che hanno una certa emorragia cerebrale, o che hanno danni cerebrali, o che hanno una paralisi parziale, possono usarlo. Abbiamo fatto delle ricerche e nei Paesi Bassi interesserà circa 150-200 persone. In tutto il mondo, sono circa migliaia persone”.

La tecnologia utilizzata non è ancora adatta a tutte le persone paralizzate. I pazienti in questi studi potevano ancora imitare il proprio linguaggio. Quindi ci sono ancora movimenti muscolari deboli. Gli scienziati dovranno trovare un modo per addestrare le persone che sono completamente paralizzate. A volte questi pazienti, chiamati pazienti chiusi, riescono a comunicare solo muovendo gli occhi.

Messa Ferrari senza macchina

Inoltre, le BCI wireless potrebbero essere desiderabili per ragioni estetiche. A questo punto gli elettrodi nel cervello sono ancora collegati al computer esterno. “Questi studi sono diamanti grezzi”, conclude Ramsey. “Lo chiamo un isolato Ferrari senza auto intorno. Quell’auto deve ancora arrivare.” Molti ricercatori in tutto il mondo stanno lavorando allo sviluppo di questa “macchina”, compreso il gruppo di ricerca di Ramsey presso l’UMC di Utrecht.

READ  Questi tre fattori di rischio aumentano maggiormente il rischio di demenza