QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Questo è pieno di ipotesi non provate e inutili fatte dal mondo aziendale.”

La selezione fiamminga dei depositi digitali si basa su uno studio “particolarmente poco comprovato”. Lo afferma in un’inchiesta la Ong Recycling Network Benelux. Dubbi anche sui seggi parlamentari.

Jeroen van Hornbeek

A fine dicembre, dopo vent’anni di dibattito, il governo fiammingo ha dato il via libera all’introduzione di un deposito su bottiglie e lattine di plastica entro il 2025. Viene preferito il sistema di raccolta digitale proposto dall’industria. Anche se prima deve mettersi alla prova. Pertanto, quest’anno verrà lanciata una serie di progetti pilota.

In Germania e in Scandinavia, tra gli altri, è stato dimostrato da tempo che i sedimenti riducono la quantità di rifiuti in natura. Ciò probabilmente include dal 70 al 90 percento in meno di bottiglie e lattine di plastica. A differenza di altri paesi europei, dove le confezioni vuote delle bevande devono essere restituite al punto vendita, le Fiandre prediligono un sistema di raccolta inedito.

Nel sistema digitale, promosso dal riciclatore Fost Plus, dall’associazione alimentare Fevia e dall’organizzazione di categoria Comeos, al pacco verrà assegnato un codice che dovrà essere scansionato. Quindi possono tornare a casa in una borsa blu. O in bidoni della spazzatura pubblici separati. Riceveranno anche dei token. Una volta che tutto è stato correttamente scansionato, il deposito verrà rimborsato tramite l’online banking.

personalizzazione

La selezione dei depositi digitali da parte del governo fiammingo si basa su uno studio commissionato dall’industria dai consulenti di PricewaterhouseCoopers. Questo studio è stato pubblicato dalla scorsa settimana, sotto la pressione del parlamento fiammingo, dei media e del movimento ambientalista. Secondo un’indagine di Recycling Network Benelux, si tratta di uno “studio dedicato” che non è supportato da prove sufficienti su punti importanti.

“Sulla base di questo studio, si può solo dire: non ci sarà un sistema di raccolta digitale funzionante prima del 2025. Ammesso che funzioni”, afferma Rob Borman, direttore di Recycling Netwerk Benelux. “Lo studio è pieno di presupposti non provati e inutili da parte del mondo degli affari. Non ci sono quasi risposte alle domande su fattura, usabilità e privacy. Questo è un problema.”

Nelle Fiandre esiste già un classico sistema di raccolta delle bottiglie di vetro.foto di Tim Dervin

Riciclaggio Netwerk Benelux ha una lunga lista di critici. L’Ong sottolinea, tra l’altro, che al momento non esiste una tecnologia in grado di stampare ad alta velocità codici QR univoci sulle lattine. Viene messa in discussione anche l’affermazione di PwC secondo cui il sistema digitale costerebbe 32 milioni di euro in meno all’anno rispetto all’alternativa. Ad esempio, secondo una ONG, PricewaterhouseCoopers presuppone erroneamente che 137 bidoni della spazzatura pubblici siano sufficienti per la raccolta all’aperto in tutte le Fiandre.

L’accessibilità è un altro punto interrogativo importante: che dire delle persone che non hanno uno smartphone o hanno difficoltà a usarlo? In linea di principio, riceveranno uno scanner domestico. “Ma chi si assicurerà che ci sia una connessione Wi-Fi? E come devono registrarsi: tramite una procedura online? Non è tutto chiaro”, ha detto Bormann.

Riservatezza

Anche gli informatici vedono sfide significative. Vincent Naessens (KU Leuven) spiega: “Il rapporto PwC identifica una serie di importanti problemi di privacy e sicurezza. Ma spesso non ci sono soluzioni a questi.” Per contrastare le frodi con i depositi, i dati sui consumi devono essere gestiti centralmente, almeno temporaneamente.

“Creare un sistema digitale che gestisca dati sensibili non è necessariamente la strategia più appropriata per affrontare questo problema sociale”, afferma Naessens. “Mi sembra che l’efficacia alla luce della spazzatura sia molto discutibile, così come l’arrivo dei dati biometrici sulla carta d’identità all’indomani degli attacchi a Zaventem. Vanno vagliate decisioni di ampio respiro su privacy e cybersecurity. Anche perché la raccolta centralizzata dei dati spesso apre la porta ad altri scopi”.

Naessens sottolinea l’ampia interpretazione del Patriot Act dopo l’11 settembre e le sue implicazioni per la privacy negli Stati Uniti e nel mondo. Considera lo scandalo delle intercettazioni della NSA.

guardare attraverso

Mercoledì sera, il membro dell’opposizione Mickey Schöflig (Verde) ha espresso dure critiche in parlamento sulla scelta dei depositi digitali. “Il ministro delegato Sahel Demir (N-VA) ha preso decisioni sulla base di uno studio che non ha interiorizzato. Oppure è a capo del settore. Non so cosa sia peggio. Capisco ancora che il settore abbia uno studio su misura. Ma il governo deve indagare su questo”, dice. Al telefono.

Anche all’interno della maggioranza, non tutti sembrano convinti. Il parlamentare Tinne Rombouts (CD&V) aveva già richiesto audizioni con l’industria la scorsa settimana su come volevano sviluppare il sistema di raccolta digitale. “Dobbiamo assicurarci che sia chiaro fin dall’inizio quali sono le nostre preoccupazioni riguardo al sistema e cosa ci aspettiamo dai progetti pilota”.

Il ministro Demir ha già promesso che coinvolgerà da vicino il Parlamento. Il movimento ambientale sarà anche ascoltato regolarmente nello sviluppo dei sedimenti. Il suo governo afferma che ci sono accordi chiari: se il sistema di raccolta digitale non può dimostrarsi valido nel 2023, passerà al sistema classico. La scadenza è ancora il 2025.

“Perché dovremmo introdurre un sistema che non funziona? Non funziona in questo modo”, afferma Demir, “Diamo prima una buona possibilità a questi progetti pilota. Se si scopre che i risultati non sono buoni, non continueremo con Fost Plus”.

Nello studio di fattibilità dei depositi digitali condotto da PricewaterhouseCoopers sono stati esaminati gli aspetti tecnici, tecnologici, logistici e legali. Il risultato è stato: può essere raggiunto “, afferma l’industria in un comunicato stampa inviato martedì. Insieme al gestore dei rifiuti OVAM e Demir, ora “svilupperanno un piano passo dopo passo, compresa l’attuazione di progetti pilota per testare il sistema in pratica”.

L’industria contesta il fatto che verranno fornite solo 137 lettiere in più. Il piano è duplicare i 130.000 bidoni della spazzatura in strada in modo che anche le persone possano vederli. Inoltre, saranno 137 Scatole intelligenti – Ad esempio, quando in estate c’è più folla sulla diga di Ostenda”, afferma Komos.

Il ministro dell'Ambiente fiammingo Sahel Demir (N-VA) Image BELGA

Ministro dell’Ambiente fiammingo Sahel Demir (N-VA)foto di BELGA

READ  Gli infortuni da corona sono di nuovo in aumento nei Paesi Bassi | All'estero