QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Raggiunto un accordo per risarcire i passeggeri per la cancellazione di 172 voli Ryanair | l’interno

Test Purchase e Ryanair hanno raggiunto un accordo per risarcire migliaia di passeggeri colpiti dalla cancellazione e dal ritardo di 172 voli nell’estate del 2018.




Nel luglio 2019, l’organizzazione dei consumatori ha intentato un’azione legale collettiva contro Ryanair presso il tribunale delle società di Bruxelles per ottenere un risarcimento. Dopo aver dichiarato ammissibile il caso nel dicembre 2020, le due parti hanno avviato trattative extragiudiziali. Quelle trattative hanno ora portato a un accordo.

I contenuti dell’accordo saranno annunciati in una conferenza stampa online giovedì tra le 10 e le 11:00, riporta Test Aankoop.

Nel luglio 2019, Test Ankop ha intentato un’azione legale collettiva contro la compagnia aerea irlandese Ryanair per essersi rifiutata di risarcire i passeggeri feriti. A luglio e agosto 2018, 172 voli Ryanair sono stati cancellati o ritardati a seguito di un importante sciopero dei dipendenti della compagnia aerea. Migliaia di persone non hanno potuto viaggiare e in alcuni casi hanno dovuto prolungare il soggiorno in hotel o prenotare un altro volo.

Procedura

Nel dicembre 2020, la Business Court di Bruxelles ha dichiarato ammissibile la richiesta del gruppo di Test Aankoop. La corte ha scelto il sistema di opt-out. Ciò significa che le stesse parti interessate devono indicare espressamente che desiderano unirsi alla domanda per chiedere un risarcimento.

Il tribunale ha ordinato a Ryanair di inviare un’e-mail a tutti i passeggeri interessati da voli cancellati e in ritardo, circa 30.000 persone, dall’azione collettiva nell’estate del 2018. Quindi hanno avuto tre mesi per decidere se aderire o meno.

In base a tale procedura, dopo tali tre mesi, può iniziare un periodo di negoziazione di sei mesi, che dà alle parti la possibilità di raggiungere una soluzione di comune accordo prima di adire il tribunale.

READ  Gli Stati Uniti danno il via libera per riprendere la vaccinazione con Johnson & Johnson