QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Stephen van Herwig: Cassetta e matita? L’adolescente non ha idea di quale sia la relazione.

Cosa sanno gli adolescenti degli anni Ottanta? Non tanto, a quanto pare, e Stephen van Herwig ha pensato che fosse una buona ragione per creare un programma sull’argomento: in Anni ’80 per adolescenti Parla con i suoi undici giovani, ad esempio, dei parchi di divertimento in riva al mare e della paura di questa nuova terribile malattia, dell’AIDS e dei tappeti per il collo negli uomini. “Non con l’intento di trasformarlo in un programma nostalgico, volevo fondamentalmente apprezzare come vedono la vita oggi e se fosse molto diversa dal passato”.

Evelyn Royals

Guardi le foto di quel momento con loro. Sono rimasti sorpresi?

Stephen van Herwig: “Colossale, e forse la cosa più importante, è il fatto che puoi vivere senza Internet. L’avvento del computer spaventava le persone in quel momento. Lo guardavano come facevano i lavoratori ospiti negli anni ’60: ‘Loro’ ci prenderemo il nostro lavoro!'”

“Ora ottieni tutto subito. Se vuoi ascoltare una canzone, mettila. Negli anni ’80 dovevamo aspettare la BRT Top 30 di sabato, o una trasmissione conto alla rovescia alla TV olandese. I giovani non possono più immaginarlo”.

Nel primo episodio, uno dei ragazzi ha detto: “Negli anni ’80 le persone viaggiavano con cavalli e carri”.

Van Herreweghe: “Poco dopo, la band era tutta incentrata sugli U2, e quella band sperava in una svolta nei primi anni ’80. Reazione dell’adolescente: E? Hanno fatto irruzione?” (Lui ride) “

Da bambino negli anni ’80, quale pensi fosse la differenza più grande?

Van Herreweghe: “Qualcosa è per sempre un ricordo del passato. La lettura di mappe in macchina, per esempio, o un telefono fisso su un tavolo in soggiorno, in modo che non si possano effettuare chiamate segrete. Un tempo c’era un dispositivo sul mercato che era Devi metterlo in macchina dietro l’orecchio. Iniziavi a ululare quando annuiva. Di solito negli anni ’80: i soldi diventavano importanti, c’era più lavoro e meno sonno, e invece di affrontare il problema, le persone sono diventate sorde da un lato. E, naturalmente, il lettore di cassette. Mostra a un adolescente un nastro e una penna, e non hanno idea di cosa abbiano in comune questi due. ”

Qual è la conclusione? Gli adolescenti ora vedono la vita in modo diverso?

Van Herreweghe: “La tecnologia è diversa e c’è un altro pipo al potere, ma in realtà tutti vogliamo solo essere felici. Non importa quanto il mondo bruci, c’è sempre Natale e Pasqua. Questa intuizione ha fornito un’ottima connessione durante le conversazioni, quindi Non mi sento sempre vecchio di 100 anni”.

C’è anche un programma radiofonico insieme alla serie.

Van Herreweghe: “Gli anni Ottanta sono stati un periodo musicale meraviglioso, ma non c’era abbastanza tempo per approfondirli. Da qui la sezione radiofonica, ogni domenica mattina allo Studio Brussel, dove trasmetto ogni volta un anno diverso dal decennio”.

Anni ’80 per adolescentiUno, giovedì 3 marzo, 20:40, Stobro, domenica 6 marzo, 10:00

© Homo

READ  Joe Exotic rivela il cancro alla prostata: "Il mio corpo è stanco" | Famoso