QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un altro sospettato per il rapimento di Mia (8) è stato arrestato in Francia | all’estero

Un altro sospetto è stato arrestato sabato nel contesto del rapimento della bambina di otto anni Mia, in Francia. L’uomo, soprannominato “Basile”, è stato accusato, tra l’altro, di “aver rapito un minore di età inferiore ai 15 anni con una banda organizzata” durante la custodia della polizia. Questo è ciò che ha detto oggi l’avvocato di Nancy.




La ragazza è stata ritrovata intatta il 18 aprile, cinque giorni dopo il suo rapimento. È stata trovata con sua madre in una accovacciata nel cantone svizzero di Vaud. Lola Montemagie, che ha perso la custodia della figlia, ha ricevuto l’ordine di rapirla.

Basile, classe 1977, ha ammesso di aver partecipato “attivamente” al rapimento della ragazza. Ha partecipato ai preparativi ed è stato uno dei due dirottatori che si sono presentati a casa della nonna di Mia che ha una prenotazione temporanea. Basile ha anche attraversato a piedi il confine svizzero con la ragazza e la madre.

La madre è stata estradata dalla Svizzera venerdì. Nell’ambito del sequestro, che si è svolto come una vera e propria operazione militare, oltre a “Basile”, sono state infatti mosse accuse contro sei uomini e una donna. Sono inclini alla cospirazione e al movimento anti-regime.

È stato emesso un mandato di cattura internazionale per Remy Daylett, leader del movimento di cospirazione con sede in Malesia. Si sospetta che abbia contribuito a organizzare il rapimento.

La madre del rapito Mia (8 anni), è stata estradata dalla Svizzera e accusata in Francia

France Under the Impact of Kidnapping Mia (8): “Una famigerata guida alla cospirazione ha pagato 3.000 euro per garantire che l’intero processo andasse liscio”

READ  Non è stata osservata la neve ma ha piovuto per la prima volta nel punto più alto della calotta glaciale della Groenlandia