QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un luogo remoto nell’Africa meridionale sta aprendo la strada alla scienza cosmologica

SKAO

NOVITÀ

  • Elena Van Gelder

    Giornalista dell’Africa

  • Elena Van Gelder

    Giornalista dell’Africa

Sembra quasi inimmaginabile: un enorme telescopio potrebbe catturare i segnali subito dopo il Big Bang che ancora fluttuano nell’universo e trasformarli in immagini. Tuttavia, gli scienziati ritengono che presto sarà possibile: questa settimana è stato dato il via libera alla costruzione del più grande radiotelescopio del mondo: lo Square Kilometer Array, o telescopio SKA.

Il telescopio mapperà parti dell’universo che non abbiamo mai visto prima. Si tratta di un enorme progetto internazionale del valore di due miliardi di dollari, in cui stanno investendo anche i Paesi Bassi.

Il telescopio è in costruzione in due località, nell’Australia occidentale e in Sud Africa. In quest’ultimo paese, un radiotelescopio esistente da 63 parabole sarà ampliato a 197 parabole, e in Australia saranno posizionate più di 130.000 antenne dove esiste già un predecessore. Tutte le misurazioni saranno compilate a breve.

molto sensibile

Tracy Cheetham, direttore delle infrastrutture per SKA South Africa, questa settimana ha fatto un tour davvero eccezionale del sito in cui si svolgerà la costruzione in Sud Africa. Una visita è raramente possibile, perché il telescopio MeerKAT già esistente è estremamente sensibile.

Ecco perché il telescopio si trova in uno dei luoghi più tranquilli del mondo, nel vasto deserto del Karoo, in un luogo dove non c’è copertura di telefonia mobile. Tuttavia, tutti gli smartphone e gli orologi devono essere spenti prima di entrare sulla Terra. Perché il bluetooth può anche disabilitare le misurazioni.

Elles van Gelder / NOS

Due giovani elettricisti in formazione

Il telescopio dovrebbe diventare 50 volte più sensibile degli attuali telescopi e presto non solo sarà in grado di scattare foto più nitide, ma anche di cercare di più. “Come quello che è successo dopo il Big Bang, quando siamo passati dall’oscurità alla luce. È incredibile, ma le onde radio sono ancora in viaggio verso di noi. Speriamo anche di saperne di più sulla formazione di stelle e galassie”.

Il Sudafrica è soddisfatto del mega progetto. In primo luogo, sta ora producendo contratti di costruzione per strade e gigantesche reti in fibra ottica, che vengono costruite per elaborare tutti i dati in futuro.

“Questo non è solo un grande progetto scientifico, ma anche un grande progetto di dati”, afferma Cheetham. “Presto tutte le informazioni dalle antenne saranno trasmesse a un gigantesco centro dati a Città del Capo. Quindi saranno inviate ai supercomputer in vari altri luoghi del mondo. I cavi in ​​fibra ottica che stiamo posando per il telescopio SKA possono circondare il nostro globo due volte.”

Premi Nobel

Le informazioni saranno presto inviate anche al Science Data Center nei Paesi Bassi. In qualità di paese partner, i Paesi Bassi sperano di essere all’avanguardia nella ricerca pionieristica. “Qui disponiamo già di computer per elaborare i dati del nostro radiotelescopio Lofar”, afferma Frank Noijens, dell’Astron, l’Istituto olandese di radioastronomia. Lo estenderemo per elaborare i dati SKA”.

Premi Nobel

Per Richard Rubin poco più che ventenne, questo premio Nobel è ancora molto lontano dal mio letto, ma sta già raccogliendo i frutti dell’iniziativa. Lavora in un centro di addestramento vicino al villaggio di Caernarfon, a 53 miglia dal telescopio. In questo centro di formazione, i giovani sudafricani vengono formati per diventare elettricisti, indispensabili nella manutenzione dei telescopi.

Robin sta scherzando in un’aula cercando di trovare un quadro elettrico difettoso. “Qui in campagna non c’è quasi lavoro”, dice. “Ora ho l’opportunità di imparare e sostenere la mia famiglia. Spero di poter lavorare al telescopio e mi piacerebbe stare vicino al mio villaggio, ma per il resto posso usare le mie conoscenze altrove”.

Gli scienziati si aspettano che il telescopio fornisca le prime osservazioni entro quattro anni che si aggiungeranno alle conoscenze esistenti.