QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

WUR: ‘Non è possibile stabilire se la varietà della febbre catarrale degli ovini provenga dall’Italia’ |  Veld-post.nl

WUR: ‘Non è possibile stabilire se la varietà della febbre catarrale degli ovini provenga dall’Italia’ | Veld-post.nl

Nelle ultime settimane, la ricerca bioveterinaria di Wageningen ha condotto ricerche sul virus della febbre catarrale che si sta diffondendo nei Paesi Bassi e ha frustrato gli allevatori di pecore e i produttori di latte. Secondo l’Università di Wageningen l’origine non può essere determinata con certezza.

Sebbene lo stesso sierotipo 3 del virus della febbre catarrale sia attivo in Italia, Israele e in alcune parti dell’Africa (trasmesso ai ruminanti attraverso i moscerini), la variante olandese è leggermente diversa. Ciò è evidente in uno studio condotto da un istituto di ricerca. “Sulla base di ciò, non possiamo determinare con certezza al 100% da dove abbia avuto origine geograficamente il virus, non necessariamente includendo Israele, Sicilia o Africa”, afferma la ricercatrice Melle Holwerda.

Non è quindi noto se il virus si sia diffuso attraverso gli insetti con i rifiuti domestici italiani inceneriti ad Amsterdam. Sulla base di ciò, la Farmers’ Defense Force ha rilasciato all’inizio di questa settimana la propria analisi. Il membro della direzione del DFF Cheeta van Keimbema ha analizzato. Il suo partito politico BVNL, attraverso il deputato Wybren van Haga, rivolge le interrogazioni parlamentari al ministro dell’Agricoltura, che riceve argomenti dalla WUR per contrastare le domande.

Non si conoscono specie di moscerini

Secondo il gruppo di ricerca della WUR in collaborazione con il Royal GT (Animal Health Service) di Deventer non è ancora possibile identificare scientificamente la provenienza del virus. “Non è chiaro come questo virus sia entrato nel nostro Paese e da dove provenga. Il fatto che PTV-3 si stia diffondendo nei Paesi Bassi dimostra che i vettori naturali nei Paesi Bassi sono “vettori competenti” (in grado di trasmettere il virus, ndr). Al momento non è chiaro quali specie di moscerini siano la causa esatta della trasmissione.”

READ  Fiat Topolino a soli 39€ al mese... in Italia

Un altro studio ad ampio spettro condotto da Holwerda e dal suo team ha dimostrato che il virus è stato facilmente rilevato nei luoghi in cui la febbre catarrale ha colpito per la prima volta. Attualmente i primi sospetti clinici del virus della febbre catarrale nei Paesi Bassi, il sierotipo 3 del virus della febbre catarrale (BTV-3), sono stati identificati in quattro località nel centro dei Paesi Bassi. All’epoca non era ancora chiaro se questa località fosse l’origine dell’epidemia o se il virus della febbre catarrale fosse già presente altrove nel Paese.

Centro del paese

Holwerda: “La conclusione di questa ricerca è che non esiste un’altra area specifica nei Paesi Bassi in cui abbiamo trovato alti livelli di anticorpi contro il virus della febbre catarrale e dove possiamo rilevare infezioni precedenti. Sulla base di ciò, concludiamo che l’epidemia è iniziata principalmente in il centro del Paese ai primi quattro posti.

In quale luogo si trovasse e in che modo gli animali furono colpiti è ora impossibile determinarlo. “Come per la precedente epidemia del 2006, è difficile determinare da dove provenga il virus e come sia stato infettato il primo animale.”