QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Barely Jill: Questi Red Devils sono troppo pochi veri vincitori? Come lo risolvi? | diavoli Rossi

Ancora una volta il dolore di un premio mancato. I Red Devils hanno perso anche un’occasione per sfruttare il loro talento in Nations League. Kevin De Bruyne trova conforto nell’idea che siamo ‘solo Belgio’. Dovremmo allora fare pace con una generazione che non esiste? O è il problema Calimero il problema? Trova risposte con esperti attraverso l’esperienza.

Era realistico o mancava di ambizione?

La clamorosa dichiarazione di Kevin De Bruyne dopo la sconfitta contro l’Italia ha poi diviso l’opinione pubblica.

Certo, il vincitore della gara Cristiano Ronaldo non parlerebbe mai del Portogallo (10 milioni), né dello spietato Michael Jordan durante il suo mandato nell’umile maglia dei Washington Wizards.

Anche l’olandese sicuro di sé ha deriso l’affermazione di sottovalutazione della KDB. De Telegraaf scrive che “le parole della star della città mostrano esattamente perché la generazione d’oro belga viene sempre più rimarchiata come generazione non solo”.

“Finora sono stati molto gentili con i grandi avversari e tra di loro. In Belgio tutto sembra essere lecito, per niente necessario. Dovrebbero sbarazzarsi della loro immagine angelica”.

Calimero

Ciao Jane Marie Dedecker?

L’ex allevatore belga campione di judo ha spesso criticato la mancanza di ambizione nel nostro paese in passato.

Anche dopo le Olimpiadi, l’argomento si ripresenta sempre quando confrontiamo il medagliere con il raccolto dei nostri paesi vicini.

“Ci sentiamo sempre un po’ calimero”, sospira Dedecker. “Anche Kevin De Bruyne, il campione del mondo assoluto, tende a fare affermazioni del genere. Ed è qui che inizia il problema. Devi essere all’inizio di una gara atletica con un americano…”

Fa spesso parte della mentalità belga. Anche Dedecker ha dovuto combatterlo nei suoi primi anni. “Flittiamo con i nostri vestiti quando incontriamo un giapponese, anche se ha solo braccia e due gambe. E quando siamo andati in Francia, abbiamo dovuto uccidere l’avversario, per così dire. Non abbiamo questo sciovinismo”.

Se conquistiamo un grande paese, il nostro pubblico e i nostri media diranno: dai, i piccoli belgi hanno vinto.

Thomas Brills

Come i Red Devils, anche i Red Blacks hanno trascinato l’etichetta solo per molto tempo. Per la frustrazione di Thomas Brills, capitano della squadra nazionale di hockey per molti anni.

“Se vinciamo contro un grande Paese, i nostri tifosi e i nostri media diranno: dai, hanno vinto i piccoli belgi. L’ho trovato fastidioso. Abbiamo fatto il contrario degli olandesi, che erano sempre arroganti. Abbiamo sempre iniziato così. 1 -0 in meno.”

Brills ha visto come l’Hockey Association stesse persino lottando con un complesso di inferiorità: “Nei primi anni pensavano che potessimo baciarci le mani perché qualcuno voleva prendersi cura di noi. (ride) Quando avrebbe dovuto essere il contrario”.

Brills (a destra) dopo la sconfitta in finale olimpica contro l’Argentina nel 2016. Poi i successi dovevano ancora seguire…

ho iniziato presto…

Ma come si modifica questo contenuto intrinseco?

Il successo su scala globale è semplicemente l’eccezione piuttosto che la regola nella nostra storia sportiva.

Anche tra i giovani. Lo ha sottolineato Roberto Martinez durante la sua conferenza stampa dopo la partita contro l’Italia dopo non aver ottenuto grandi successi ai livelli tra i Red Devils. Finora, solo la squadra U-17 ha vinto una medaglia ai Mondiali 2015.

“Dobbiamo vincere un Europeo internazionale o il Mondiale con le giovanili”, ha realizzato l’allenatore della nazionale. “E qualificarsi per quei tornei dovrebbe infatti diventare la norma”.

Devi imparare a passare attraverso il fuoco per raggiungere il livello più alto.

Jean Marie Dedecker

Brills sa anche che il successo iniziale fa la differenza quando si tratta di marmo.

“La vecchia generazione di neri aveva sempre ricevuto la prostituzione da paesi come l’Olanda e la Germania tra i giovani. Ma poi è arrivata una generazione più giovane che non ha mai perso contro questi avversari. Hanno fornito quella quantità in più di fede che era necessaria per vincere i grandi paesi… bussare.”

“Dobbiamo insegnare ai nostri atleti ad essere vincitori”, aggiunge Dedecker. “Spesso dipende dai piccoli dettagli, ma devi imparare a passare attraverso il fuoco per arrivare in cima”.

L’U17 belga ha vinto la medaglia di bronzo ai Mondiali 2015 in Cile.

Haka

Così i giovani imparano dai vecchi.

Inoltre, ci sono altri aspetti che possono garantire un clic vincente decisivo.

“Tutto inizia con l’allenatore”, ha detto Dedecker, senza battere ciglio. “Se gioca per Calimero stesso… l’allenatore deve imparare questa assertività e creare una squadra vera. Ho l’impressione che Martinez scelga spesso la via morbida. Ad esempio, gli piace brillare con le statistiche del primo posto nel Mondiali.” L’accordo, ma no. Alcuni di questi sono importanti”.

Dal momento in cui vinci il premio una volta, molti dubbi svaniscono.

Thomas Brills

Il Leone Rosso può parlarne. Solo dopo il loro titolo mondiale nel 2018, hanno davvero occupato un posto nella storia dello sport mondiale. “Ci hanno anche chiamato Generation non solo per tanto tempo dopo aver perso alcune finali. Non siamo riusciti a vincere il torneo, per così dire, eravamo troppo deboli mentalmente…”

Andando “fino in fondo” una volta, dice Brills, tutto cambia. “Da quel momento in poi molti dubbi sono scomparsi. Dà una grande carica di fiducia per andare al prossimo torneo. Si impara davvero a vincere le finali. L’anno dopo il nostro titolo mondiale, abbiamo battuto la Spagna 5-0 in Europa Finale di campionato.

Infine, Dedecker ha un ultimo suggerimento: “Il patriottismo è motivante. Forse i Red Devils dovrebbero imparare l’Hakka, come la Nuova Zelanda. Questo è solo un modo per intimidire il tuo avversario”.

READ  campionato europeo. Yorbi Vertisen segna il primo gol europeo, Tillmans e Kasten segnano contro Varsavia | Campionato Europeo