QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cinque morti nell’esplosione di un impianto chimico in Slovenia | all’estero

Cinque persone sono rimaste uccise oggi in un’esplosione in un impianto chimico in Slovenia. Altri sei sono rimasti feriti, uno dei quali in condizioni critiche. Lo hanno riferito l’amministrazione e i servizi di emergenza.

L’incidente è avvenuto questa mattina presto presso lo stabilimento del Gruppo Melaming nel centro del comune di Kocevi, a 60 chilometri dalla capitale slovena, Lubiana. Un carro armato è esploso per un motivo poco chiaro, ha spiegato il capo dei vigili del fuoco ai media del sito. Si ritiene che si tratti di un errore umano, ma l’indagine è ancora in corso.

vittime mortali

All’inizio ne mancavano ancora molti. “Purtroppo, le nostre preoccupazioni si sono avverate”, ha detto il direttore della fabbrica. Ha aggiunto che la forza dell’esplosione “non ha lasciato loro una possibilità”. Si riferisce a un dipendente e quattro dipendenti esterni.

Le autorità locali hanno chiesto ai residenti entro un raggio di 500 metri dalla fabbrica di non lasciare le loro case per paura dei fumi tossici. Nel pomeriggio la chiamata è stata nuovamente ritirata, in quanto non è stato rilevato alcun inquinamento atmosferico.

Le immagini mostravano pennacchi di fumo nero che si alzavano dalla fabbrica, che, secondo il sito web, produce resine per la produzione di carta, edilizia, legname e vernice, tra le altre cose. Quasi 200 persone lavorano in fabbrica.


Secondo l’agenzia di stampa slovena, mancano quattro fornitori di servizi. © AP