QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non c’è più tempo da perdere per entrare a far parte della NATO, la Finlandia dice: quali sono le conseguenze?

Il presidente finlandese Sauli Niinistö e il primo ministro Sanna Marin chiedono che la Finlandia presenti “immediatamente” una domanda formale per aderire alla NATO. Secondo i due, la Finlandia come membro della NATO rafforzerà l’intera alleanza militare. La Russia descrive la futura adesione come “sicuramente una minaccia”.

TT

Cosa hanno detto esattamente Niinisto e Marin?

Il presidente finlandese e il primo ministro hanno rilasciato questa mattina una dichiarazione congiunta a favore dell’adesione alla NATO alle 10:00 ora finlandese (9:00 ora del Belgio). L’adesione alla NATO migliorerà la sicurezza della Finlandia. In quanto membro della NATO, la Finlandia lavorerà per rafforzare l’intera alleanza di difesa. La Finlandia deve fare domanda per l’adesione alla NATO senza indugio. Ci auguriamo che le misure nazionali ancora necessarie per prendere questa decisione vengano prese nei prossimi giorni”.

È una decisione definitiva?

La domanda di adesione non è ancora del tutto ufficiale. Domenica il Presidente della Repubblica finlandese e il Gabinetto finlandese si incontreranno in un gabinetto speciale, dove sarà sul tavolo la richiesta ufficiale.

Il primo ministro finlandese Sanna Marin.foto ANP/EPA

E la vicina Svezia?

Nei prossimi giorni è attesa anche in Svezia una decisione sulla Nato. I socialdemocratici al potere guidati dal primo ministro Magdalena Anderson stanno finalizzando la loro posizione aggiornata. Finora, il più grande partito svedese è sempre stato contrario all’adesione, fino a quando l’invasione russa dell’Ucraina ha sconvolto tutto. La posizione sarà annunciata domenica e il governo si riunirà lunedì in una sessione speciale per approvare la domanda ufficiale di adesione.

Domani il parlamento svedese presenterà una nuova analisi della politica di sicurezza estera svedese. Se anche i socialdemocratici cambiassero posizione, ci sarebbe un’ampia maggioranza in Parlamento per l’adesione.

Quando la Finlandia e la Svezia diventeranno veramente membri, e cosa nel frattempo?

I paesi della NATO si incontreranno dal 29 al 30 giugno nella capitale spagnola, Madrid. La Finlandia e la Svezia possono presentare ufficialmente le loro domande lì. Di solito, una richiesta del genere richiede da diversi mesi ad anni, ma il segretario generale Jens Stoltenberg ha già indicato più volte che in questo caso probabilmente non sarà necessario. Entrambi i paesi collaborano da anni con la NATO in vari programmi di partenariato ei loro sistemi di difesa sono relativamente ben allineati con i sistemi NATO. Anche il primo ministro Alexandre de Croo (Open Vld) ha risposto questa mattina che potrebbe essere fatto rapidamente.

L’adesione deve anche essere approvata da tutti gli attuali 30 Stati membri e dai loro parlamenti. Questo potrebbe richiedere del tempo, motivo per cui Finlandia e Svezia hanno esercitato pressioni per diverse settimane Garanzie di sicurezza da alcuni Stati membri chiave† Ieri, ad esempio, il primo ministro britannico Boris Johnson ha firmato un accordo storico con la Svezia per rafforzare i legami militari. Più tardi, lo stesso giorno, ha firmato un accordo simile con la Finlandia. Il primo ministro ha detto che Londra sosterrà entrambi i paesi se dovessero essere attaccati.

“Se la Svezia è sotto attacco e si rivolge a noi per il supporto, lo forniremo”, ha detto il primo ministro britannico in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro svedese Andersen. Quest’ultimo ha sottolineato che “nel caso in cui uno dei paesi subisca un disastro o un attacco, il Regno Unito e la Svezia si forniranno assistenza reciproca in vari modi (…) compresi i mezzi militari”.

Veicolo blindato svedese sull'isola di Gotland nel Mar Baltico.  foto di Agenzia per la protezione dell'ambiente

Veicolo blindato svedese sull’isola di Gotland nel Mar Baltico.foto di Agenzia per la protezione dell’ambiente

Cosa dice la Russia?

La Finlandia condivide un confine di circa 1.300 chilometri con la Russia, mentre la Svezia possiede l’isola di Gotland nel Mar Baltico, a 250 chilometri dall’avamposto russo di Kaliningrad. Unendo i due paesi, la Russia ottiene l’esatto opposto di ciò che intendeva invadere l’Ucraina: l’espansione della NATO nel suo territorio.

Mosca vede l’allargamento dell’alleanza come una minaccia alla sua sicurezza, e nelle ultime settimane e mesi ha minacciato più volte “conseguenze militari e politiche”. Oggi, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha ribadito questa posizione. L’adesione della Finlandia alla NATO rappresenterebbe “certamente” una minaccia per la Russia. “L’espansione della NATO e la convergenza dell’alleanza con i nostri confini non rendono il mondo e il nostro continente più stabili e sicuri”, ha detto Peskov alla stampa.

È altamente dubbio che ci sarà effettivamente uno scontro militare, ma la Finlandia, ad esempio, teme singoli incidenti al confine o attacchi informatici su larga scala.

Alla domanda di risposta dalla Russia, giovedì pomeriggio il presidente Niinisto ha detto: “La mia risposta è che dovrebbero guardarsi allo specchio. L’hai causato tu stesso”.

Perché Finlandia e Svezia non sono ancora membri della NATO?

Sia la Finlandia che la Svezia hanno una lunga storia di neutralità in tempo di guerra. Nel caso della Finlandia, la Guerra Fredda ha implicato una neutralità forzata dopo che il paese è uscito dalla seconda guerra mondiale come un perdente ed è stato costretto a cedere il 10% del suo territorio all’Unione Sovietica. Nel 1948 fu costretta a firmare un “patto di amicizia” con lo Stato comunista, secondo il quale le fu ufficialmente concesso di mantenere la sua indipendenza in cambio della promessa che avrebbe mantenuto una posizione sempre neutrale.

In pratica, i russi hanno continuato a esercitare un’influenza significativa sulla politica finlandese. Tuttavia, la maggior parte dei finlandesi ha continuato a sostenere la neutralità nel corso degli anni; Per molto tempo, i sostenitori dell’adesione alla NATO sono stati limitati al 20-25% della popolazione. Secondo l’ultimo sondaggio, quel numero supera il 75%.

La Svezia scelse da sola la neutralità all’inizio del 19° secolo e non fece ufficialmente guerra per più di 200 anni. Dopo aver perso la guerra con la Russia, il paese è stato costretto a cedere la Finlandia all’Impero russo nel 1809 e da allora ha deciso di rimanere neutrale nei conflitti e di non formare alleanze militari. Questa posizione si adattava meglio allo stato in tempo di guerra, era la logica, che si rivelò anche corretta per lungo tempo.

Politici e persone hanno fortemente sostenuto questa posizione unica per più di 200 anni, fino al 24 febbraio 2022. In Svezia, come in Finlandia, la maggioranza della popolazione ora sostiene l’adesione alla NATO.

Cosa cambierà in modo significativo?

Se entrassero a far parte della NATO, Svezia e Finlandia, come altri Stati membri, cadrebbero sotto la protezione del famoso Articolo 5. Ciò impone che un attacco a un paese significhi un attacco all’intera coalizione. Poi altri paesi devono venire in loro aiuto.

D’altra parte, Finlandia e Svezia cooperano già ampiamente con la NATO attraverso partenariati separati e le forze armate finlandesi e svedesi si addestrano regolarmente a fianco delle forze NATO. Entrambi i paesi hanno anche partecipato in passato a missioni di mantenimento della pace all’estero sotto la bandiera della NATO.

Gli esperti militari ritengono inoltre che l’adesione della Finlandia, in particolare, porterà al rafforzamento della NATO. Il paese ha un esercito altamente sviluppato – 280.000 soldati e 900.000 riservisti su una popolazione di 5,5 milioni – e già spende più del 2% del suo PIL per la difesa. La Svezia non c’è ancora, ma sta lavorando per aumentare la sua spesa per la difesa.

READ  Le orche arenate sopravvivono dopo che le persone hanno versato acqua sugli animali per ore | gli animali